La Costituente in Venezuela è una grande vittoria sull’imperialismo

index  di James Petras -02/08/2017

 

Efrain Chury Iribarne: Cominciamo con l’elezione dell’assemblea costituente in Venezuela.

JP: È stato un grande evento. Secondo le cifre che abbiamo, più di otto milioni di elettori hanno sostenuto l’Assemblea Costituente e più di un milione di persone hanno partecipato attivamente alla campagna per scegliere uno dei 545 membri.

È un atto eroico perché l’opposizione, con il sostegno di meccanismi nordamericani, ha organizzato atti di terrorismo, minacce e intimidazioni. Inoltre, minacce di sanzioni da parte di Washington, degli oppositori all’estero come la Colombia, il Brasile e altri governi pro-nordamericani, che sono intervenuti per intimorire i Venezuelani.

In altre parole, non è solo una vittoria politica per il governo, ma una vittoria per il paese, è una vittoria sull’imperialismo. È stato un grande successo, nonostante i grandi mezzi di comunicazione, che con le loro menzogne, hanno cercato di influenzare l’opinione pubblica interna ed esterna, il che mostra come la coscienza politica e l’esperienza del chavismo contano più degli investimenti in propaganda degli Stati Uniti, che hanno speso milioni di dollari, tentando di influenzare la visione dell’opinione pubblica venezuelana.

Dobbiamo capire allora come l’organizzazione, la coscienza, l’esperienza, sono più importanti delle pressioni che vengono dall’alto e dall’esterno.

Penso che l’altra cosa che dobbiamo considerare è che i cipayos che dall’estero sostengono la destra hanno avuto loro la loro brava sconfitta. Sappiamo tutti che in Brasile il governo attuale è un governo illegittimo, prodotto di un colpo di stato; sappiamo che in Argentina con Mauricio Macri abbiamo un governo che ha ingannato il popolo con la propaganda e che ha abbassato i suoi standard di vita; sappiamo che in Cile e in Perù abbiamo governi con alcune delle peggiori disuguaglianze del Terzo Mondo; sappiamo anche che i sostenitori dei paramilitari e quelli che entrano dalla Colombia per esercitare il mercato nero sono stati anche loro sconfitti.

La propaganda dice che ci sono stati dieci morti, ma la maggior parte delle uccisioni si è verificata prima delle elezioni. Cioè, le elezioni, con la protezione del governo, dell’esercito, della Guardia Nazionale, della Polizia, sono state sicure. Sappiamo che nei presunti referendum gli avversari, al meglio, hanno ottenuto circa sette milioni di voti, un milione di meno di quelli che hanno partecipato a queste elezioni. E sappiamo che tra i sette milioni ci sono state un sacco di frodi, perché il processo non ha avuto nessun osservatore, non aveva legalità, poi si sa che molti elettori dell’opposizione hanno votato una, due, tre e fino a 17 volte, perché non c’era controllo.

Quindi, dobbiamo capire che questo è stato un grande progresso per il processo politico venezuelano ed è stata una grande sconfitta per l’imperialismo. Sappiamo anche che l’Assemblea Costituente è un importante passo avanti rispetto al parlamentarismo borghese, perché molti degli eletti provengono da quartieri poveri, hanno rappresentatività, a differenza dei borghesi che ricoprono cariche nel parlamento attuale nei paesi capitalisti.

Infine, voglio sottolineare una cosa. L’astensione dell’opposizione danneggia la loro capacità di influenzare i Venezuelani neutrali: come possono proporre misure, come possono mobilitare se sono fuori dall’istituzionalità? Penso che come risultato di questo processo, l’opposizione si indebolirà molto, le attività diminuiranno, si sentiranno impotenti e gli Stati Uniti, in ogni caso, cercheranno di intervenire con nuove sanzioni, cercando di mettere alle strette il popolo che si suppone intendono aiutare.

E se ci saranno più sanzioni, il Venezuela dovrà approfondire i propri rapporti di scambio internamente. Bisogna pensare che ora, con la nuova Assemblea e la nuova Costituzione, le banche e le grandi società si potranno controllare meglio. La Rivoluzione deve avanzare a partire dall’Assemblea Costituente o regredirà e indebolirà la sua capacità di conservare la maggioranza che sostiene l’attuale processo.

 

EChI: È stato anche un duro colpo per l’Europa Occidentale, che voleva una sconfitta di Nicolas Maduro.
JP: Non v’è dubbio che gli Europei coinvolti, in particolare la Spagna e l’Inghilterra, hanno subíto un duro colpo, in quanto questo può servire come modello alternativo all’iter parlamentare capitalista, perché hanno eletto una Costituente che dà maggiore rappresentanza ai quartieri popolari, alle comunità dei lavoratori. Limitare l’effetto del denaro sul processo elettorale è un esempio importante.

Vedo il caso dell’Inghilterra, dove un governo di minoranza critica il Venezuela, quando l’attuale governo conservatore non è un governo di maggioranza, è un governo che ha ricevuto una minoranza di voti e deve affrontare una situazione di crisi, guardando al di fuori dell’Unione Europea; la Spagna con Mariano Rajoy è per giunta un governo pieno di corruzione. Non possono tollerare un esempio come l’Assemblea Nazionale Costituente.
EChI: Le ultime informazioni provenienti dalla Francia danno il Presidente Emmanuel Macron in forte calo nei sondaggi. A cosa si può essere attribuire?

JP: Beh, la situazione in Francia è molto complicata, perché l’opposizione è divisa tra il nazionalismo e la democrazia sociale, approfondita dall’avanzata di Jean-Luc Mélenchon. Ma in ogni caso, al momento Macron ha il controllo del processo politico, sebbene stia affrontando problemi importanti che non può risolvere.

Ad esempio, abbiamo il caso degli Stati Uniti, che einterferiscono e dettano la politica estera e finanziaria della Francia in relazione alla Russia. E questa politica di sanzioni sta andando a danneggiare molte società francesi che hanno rapporti commerciali – petrolio e gas – con la Russia. Potremmo dire che adesso Macron deve affrontare il problema di come può fare contenti gli Stati Uniti, senza danneggiare la propria economia.In Germania, è molto evidente che le pressioni nordamericane stanno affrontando una grande opposizione da parte di molti settori economici tedeschi. Poiché le leggi americane che applicano sanzioni alla Russia, condizionano la sovranità della Germania. Se Washington lo detta, possiamo dire che l’extra-territorialità americana, la legge nordamericana, è superiore alle leggi francesi, tedesche, ecc., a livello economico. Possiamo anche dire che la crisi con gli Stati Uniti, con quest’aumento dell’interventismo imperiale in Venezuela, Russia, Medio Oriente, Asia, sta causando molte emicranie e approfondendo la divisione tra l’Europa e gli Stati Uniti.


EChI: Beh, Petras, ci sono altri argomenti su cui vorresti fare un commento?

JP: La cosa più importante da considerare sono le sanzioni che Washington impone all’Iran, alla Russia e alla Corea del Nord; oltre alle pressioni militari che esercita in relazione alla Cina. Possiamo riconoscere che la Russia sta finalmente adottando misure di resistenza. Espellono 755 diplomatici statunitensi dalla Russia; stanno per chiudere alcuni edifici statunitensi in Russia. In altre parole, la Russia cessa di essere conciliatoria e di sottomettersi all’aggressione americana.
Le speranze della Russia di poter migliorare le relazioni con le concessioni sono finite. La politica di Donald Trump approfondisce i conflitti con la Russia, che sono cominciati con Obama e stanno ora provocando un nuovo confronto: la Russia sta adottando misure, mobilitando le forze armate, le forze aeree e marittime. Lo stesso vediamo che accade con l’Iran. E in questa situazione, possiamo dire che le sanzioni stanno rafforzando l’auto-sufficienza e la capacità di questi paesi di contrastare gli Stati Uniti. Della Cina, nemmeno vale la pena parlare. La Cina cresce ogni anno e le aggressioni nordamericane da parte di Trump stanno promuovendo l’opposizione all’interno del settore delle esportazioni verso gli Stati Uniti.

Le aggressioni di Washington hanno un effetto imprevisto, invece di sottomettere questi poteri, provocano più indipendenza, più collegamenti tra Russia e Germania, Iran e altri paesi del Medio Oriente e con la Cina tutti cercano di firmare accordi per partecipare a grandi progetti.
In altre parole: dal Venezuela, dalla Russia, dall’Iran, dalla Cina, ogni aggressione nordamericana ha avuto l’effetto di indebolire gli Stati Uniti e rafforzare le capacità di indipendenza dei governi cui abbiamo accennato.

 

Estratto da La Haine, Testo completo in: https://www.lahaine.org/la-constituyente-en-venezuela

[Traduzione dallo spagnolo per Albainformazione di Marco Nieli]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: