La guerra mediatica contro il Venezuela prosegue

«Maduro chiude il Parlamento». La guerra mediatica contro il Venezuela proseguedi Geraldina Colotti – il Manifesto (9 aprile)

Per gli Stati uniti, il Venezuela bolivariano è «una minaccia inusuale e straordinaria»: la minaccia dell’esempio.

Maduro come Lenin? Maduro come il marinaio bolscevico Zelezniakov che sciolse l’Assemblea Costituente per accelerare il corso della rivoluzione d’Ottobre? «La guardia è stanca, spegnete le luci», disse il marinaio, interpretando il volere di Lenin.
 
Così si poteva pensare leggendo ieri la notizia d’agenzia: «Maduro chiude il Parlamento». Che poi la notizia fosse stata estrapolata da una frase pronunciata dal costituzionalista Escarra (che non è sempre stato chavista) nell’ambito di una discussione sullo scontro di poteri in corso nel paese, al lettore non era dato sapere.
 
Ancor meno emergeva il fatto che il costituzionalista, molto presente nei dibattiti dopo la vittoria delle destre in Parlamento, avesse detto che, qualora l’opposizione volesse votare leggi retroattive per abbreviare il periodo del mandato presidenziale truffando gli elettori, come ha promesso di fare, anche il presidente ha fra le sue prerogative quella di accorciare il mandato dei deputati, in base alla costituzione.
 
Dichiarazioni emerse dopo l’approvazione dell’amnistia che farebbe uscire dal carcere golpisti e faccendieri, rigettata da oltre 2 milioni e 500.00 firme. Le leggi finora approvate dalle destre e quelle in cantiere mirano a riportare il paese ai “fasti” del neoliberismo come sta facendo Macri in Argentina, e si fanno beffe del fatto che il meccanismo costituzionale, in Venezuela, si basa sull’equilibrio di cinque poteri, di cui è al centro il Tribunal Supremo de Justicia. La legge consente di indire un referendum di revoca di tutte le cariche a metà mandato, sempreché si raccolgano le firme del 20% degli aventi diritto al voto. Ma le destre hanno fretta di rispondere ai loro padrini e le leggi vogliono cambiarle.
 
Di motivi per essere stanca di una destra pasticciona e spocchiosa, golpista e affarista, che ha vinto la maggioranza in parlamento a seguito di un sabotaggio feroce (e anche per demeriti del campo avverso), la «guardia bolivariana» ne avrebbe tuttavia parecchi. E una grossa fetta di movimenti e organizzazioni popolari – sia fra quelli che hanno appoggiato con il 46% dei voti il Partito socialista unito del Venezuela (Psuv, il più grande del paese), sia fra quelli che gli hanno riservato un «voto-castigo» o l’astensione lo scorso 6 dicembre – senza dubbio spinge per accelerare la «rivoluzione».
 
Ma, intanto, personaggi come il presidente del Parlamento venezuelano, Ramos Allup (che è anche vicepresidente dell’Internazionale socialista), non valgono neanche un’unghia dei Martov e dei menscevichi che proponevano una linea parlamentare per l’Urss di allora. Il partito di Allup, Accion Democratica (Ad), un tempo è stato di centrosinistra, e ha gestito gli anni della IV Repubblica in un’alternanza di potere con il centro-destra Copei: un balletto sancito da Washington dopo la cacciata del dittatore Marco Pérez Jimenez (

 

23 gennaio 1958), che avrebbe potuto dare il potere a un’alleanza gestita dal Partito comunista, che invece venne escluso dal gioco politico.

 
Nel 1998, Chavez ha raccolto l’eredità di quella «resistenza tradita» che in molti avevano voluto riscattare anche con le armi (nel Venezuela “democratico”, primo a buttare gli oppositori dagli aerei, è scoppiata la prima guerriglia latinoamericana, dopo la rivoluzione cubana).
 
L’irruzione del progetto bolivariano (un’alchimia fra nazionalismo latinoamericano, socialismo gramsciano, Teologia della Liberazione, femminismo e democrazia partecipata) e l’Assemblea costituente che ha prodotto la Carta magna bolivariana con l’apporto di tutti i settori sociali, ha riconfigurato termini e categorie in base agli indirizzi e ai referenti concreti: da una parte un progetto di paese che, in pochi anni, ha tirato fuori dalla miseria e dall’analfabetismo persone che prima non avevano né mezzi né voce; dall’altra, un agglomerato litigioso e rancoroso che ha risposto con i colpi di stato e con l’ossessione di riprendersi i propri privilegi cacciando prima Chavez e poi l’insopportabile ex operaio del metro, Nicolas Maduro.
 
Un progetto che ha spaccato alleanze e partiti, ricreando una nuova sinistra con nuove modulazioni. Un disegno che ha portato a sintesi le istanze più avanzate emerse dai movimenti «altermondialisti» di Porto Alegre dove, non a caso, Chavez è stato allora sempre invitato. Movimenti che da allora non sono più contorno ai grandi vertici, ma determinano le proposte dei presidenti che si richiamano al «socialismo del XXI secolo» (formula utilizzata per riscattare tutto il buono del grande Novecento e seppellirne le zavorre).
 
Un progetto che tende verso una nuova muta, e che sta dando qualche spinta persino a chi vuole trovare la strada del cambiamento anche in Europa: ma che non assomiglia alle rivoluzioni novecentesche, non avendo messo fuori legge le classi dominanti che, per questo, continuano a sabotare dall’interno «la transizione al socialismo», e che vorrebbero provocare una guerra civile. Per gli Stati uniti, il Venezuela bolivariano è «una minaccia inusuale e straordinaria»: la minaccia dell’esempio.
Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

EL BLOG DE CARLOS

Por un mundo mejor, posible y necesario

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: