Giovani Comunisti siriani: «La nostra lotta continua sempre!»

da lantidiplomatico

Intervista esclusiva realizzata dal “International communist press” con Wessam Kahel, membro del Comitato per le Relazioni Internazionali della Gioventù dell’Unione comunista della Siria.

ICP: Come sono le dinamiche interne e le posizioni dei soggetti che si affrontano in Siria oggi?

WK: Vorrei dare qualche informazione sugli ultimi eventi in Siria. L’esercito siriano, di recente, è avanzato in luoghi diversi. Come sapete, è un paese piuttosto grande la Siria. Così, l’esercito siriano non può dispiegare contemporaneamente tutte le sue forze in tutti i luoghi. Questo progresso deve essere valutato grazie all’intervento della Russia, di cui parleremo più avanti.

Aleppo, per esempio, il sud di Aleppo è controllato principalmente dall’esercito siriano ed i ribelli reazionari sono stati tutti spazzati via. Questo progresso potente e veloce dell’esercito siriano è stato sostenuto dalla Russia. Più di 75 luoghi a sud di Aleppo sono controllati dall’esercito siriano ora. Non è la città, ma la vasta campagna. In alcune piccole città, l’esercito ha spazzato via i ribelli via in poche ore. Siamo rimasti sorpresi da questo progresso molto veloce.

Anche nella parte occidentale del Aleppo, ci sono stati importanti progressi contro l’ISIS (Daesh in arabo).

Nel sud, c’è la principale organizzazione terroristica, il Fronte Al Nusra che è affiliato ad Al-Qaeda, e anche alcune altre organizzazioni terroristiche più piccole controllate da questo gruppo terrorista.

A ovest di Aleppo, ci sono stati anche progressi verso Rakka, la cosiddetta capitale del Daesh.

Siamo tutti molto sorpresi di questi progresso e siamo anche molto fiduciosi.

Anche intorno a Damasco, dove la maggior parte dei posti sono sotto il controllo del governo, immerso nel verde ed esattamente ad ovest, c’è il Fronte Islamico, un’organizzazione controllata dall’Arabia Saudita. Il leader di questa organizzazione è stato ucciso in un’operazione della Siria e della Russia. Il suo nome era Zahran Alloush. Questo rappresenta chiaramente un problema molto grande per questa organizzazione in quanto dipende solo da una persona, non da una ideologia.

Nel sud di Damasco, a Dara, vicino al confine tra Giordania e Israele, dove si trova anche il Fronte Al-Nusra, l’esercito siriano ha ripreso il controllo di molte grandi città e luoghi importanti. Questa è una regione molto ampia, ma l’esercito siriano ha fatto molti progressi in tutti questi luoghi.

Al centro della Siria, ad Homs, c’era una piccola base in cui c’erano i ribelli. L’esercito siriano li ha accerchiati, combattuti ed ha fatto in modo che lasciassero la città. Homs è ormai liberata. La campagna verso il Libano lo è altrettanto.

ICP: Che dite di Palmira?

WK: Purtroppo, si sa che c’è stato un grande attacco organizzato da centinaia, forse un migliaio di ribelli per conquistare questa piccola città. È una città molto importante poiché è un luogo storico. L’esercito siriano si è ritirato perché non voleva che i manufatti antichi venissero danneggiati. È ancora sotto il controllo dell’ISIS, ma l’esercito siriano si trova a circa 10 km. Non è il luogo più importante per il momento, però, ci sono molte grandi città che l’esercito siriano cerca di recuperare.

ICP: Ci sono stati danni a questa antica città?

WK: Sì, purtroppo… Come sapete, Daesh e le altre organizzazioni non hanno nessuna ideologia, nessuna umanità, nessuna ragione; uccidono e combattono, distruggono ogni reperto storico, questo perché sono organizzazioni reazionarie con idee reazionarie, potrebbero anche essere definite fasciste. “Se non vieni con noi, io ti uccido” o “Se questo posto non appartiene alla nostra ideologia, io lo distruggo”, questo è il modo in cui agiscono.

ICP: Come comunisti che lottano in queste condizioni difficili, come si fa a prendere in considerazione l’intervento russo ed il ruolo di alcuni altri  attori come Hezbollah, l’Iran, che dicono di opporsi all’imperialismo statunitense?

WK: Riconosciamo che la Russia è oggi un paese capitalista, non è più l’URSS. Ma sappiamo anche che il nemico vero e proprio ora è l’imperialismo degli Stati Uniti, che è quello che dobbiamo combattere tutti oggi. Consideriamo l’intervento russo come un intervento positivo perché ha dato e continua a dare all’esercito siriano e alla gente della Siria sempre più potere contro le organizzazioni che combattono la nostra gente e il nostro esercito.

Questo  intervento militare è legittimo, perché è stato il governo siriano che ha invitato la Russia ad intervenire. Quindi non possiamo definirla una invasione o attacco. È stato molto utile. Fin dall’inizio, ci sono state molte operazioni positive, progressi importanti per l’esercito siriano. Inoltre, un ruolo simile è stato giocato da Hezbollah e l’Iran. Abbiamo ricevuto sostegno nelle attività militari e per il popolo siriano. Riteniamo che tutto questo fino ad ora è stata molto positivo per noi, dal momento che è stato un supporto per la lotta contro l’attacco imperialista che ci è stato fornito da un po’ di tempo.

ICP: Che dire delle attività dell’Unione? Partiamo dal presupposto che siete  attivamente coinvolti nella difesa del paese, e oggi è una posizione reazionaria essere contro Assad, ma un giorno cambierà. Ci può dire della futura strategia per la vostra organizzazione?

WK: In alcuni luoghi, non siamo in grado di muoverci, non si può fare nulla, si tratta di “morire o lasciare”. C’è da mantenere la nostra posizione insieme all’esercito, e non abbiamo alcuna attività nostra in questi luoghi. Ma in luoghi che sono controllati dal governo, dall’esercito siriano, come hai detto, siamo attivi come eravamo prima della guerra. Io divido le nostre attività in due parti: La prima parte è sotto lo slogan “La Siria non si inginocchierà” che è stato creato dal nostro leader storico Halid Bakdash molti anni prima. Questo slogan patriottico è ancora attuale. Sotto questo slogan, continuiamo la nostra lotta, sosteniamo l’esercito siriano, sosteniamo le persone che resistono in Siria. Condividiamo questo slogan non solo con i comunisti, la nostra unione o il nostro partito, ma anche con altre forze nazionali importanti che condividono questo patriottismo. Consideriamo questo come non solo il nostro dovere nazionale o di classe, ma anche un dovere internazionale della Siria che rappresenta una lotta internazionale contro l’attacco imperialista globale.

E la seconda parte è sotto lo slogan: “Difesa dei diritti dei giovani siriani”. Esso è legato alla nostra lotta economica e sociale contro il liberismo economico del nostro governo. Siamo contro le attività liberiste del governo nella sanità, nell’istruzione, e in ogni altro settore. Cerchiamo di mantenere le conquiste nella Sanità, in materia di istruzione, e in altre aree. Continuiamo, inoltre, la nostra lotta per ottenere più diritti sociali e progressivi per il diritto alla casa e nel mondo del lavoro delle giovani generazioni. Sosteniamo anche la nazionalizzazione delle produzioni per il paese perché crediamo che sia un importante fattore economico per sostenere la Siria.

Abbiamo anche alcuni altri eventi. Prima della guerra, abbiamo organizzato il carnevale in tutto il paese. Ma ora, a causa di questa situazione, è solo locale. Un’altra attività è l’annuale incontro culturale “Incontri con Halid Bakdash”, in cui si invitano gli artisti progressisti, cantanti. Inoltre, come organizzazione, abbiamo discussioni e analisi sui temi di attualità.

Abbiamo anche una scuola esclusiva per il nostro partito e per i nostri membri del sindacato.

Nelle nostre università, in particolare, a Damasco e ad Aleppo, rappresentiamo la nostra Unione, nella maggior parte dei collegi e anche in nella “Unione studenti siriani”. In questo modo siamo in grado di avvicinarci alle richieste degli studenti e siamo in grado di diffondere le nostre idee come comunisti, la nostra analisi e le opinioni con altri studenti, come nostro primo dovere. Il secondo dovere è di comunicare le  esigenze degli studenti e dei giovani in generale.

Cerchiamo di continuare la nostra lotta, nonostante la guerra e non mollaremo mai…

Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

EL BLOG DE CARLOS

Por un mundo mejor, posible y necesario

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: