Venezuela: la Mud abbassa la cresta

di Geraldina Colotti – il manifesto 

16gen2016.- Caracas. Le destre rinunciano a tre deputati sospesi dal Tsj

«Una vittoria della democrazia». Così, i deputati chavisti, in Venezuela, hanno commentato la decisione delle destre — maggioritarie in Parlamento — di accettare la sanzione emessa dal Tribunal Supremo de Justicia (Tsj) e di rinunciare a tre dei loro parlamentari. I deputati, eletti nello Stato Amazonas alle legislative del 6 dicembre erano stati sospesi dal Tsj a seguito di una denuncia per brogli e compravendita di voti presentata da una deputata del Partito socialista unito (Psuv). Altre sei denunce potrebbero essere accolte dal Tribunale, e portare a nuove elezioni nei circuiti incriminati. Sospeso anche un eletto chavista, che non si era quindi presentato in parlamento per il giuramento annuale, il 5 gennaio. Invece, i sospesi della Mesa de la Unidad Democratica (Mud) avevano ignorato la sentenza, appoggiati dal presidente dell’Assemblea nazionale, Henry Ramos Allup. Il Tsj aveva allora dichiarato incostituzionale l’intero parlamento, rendendo illegittima ogni sua decisione.

La tensione era subito salita alle stelle, attizzata dall’atteggiamento barricadero di Allup, un vecchio politico del centro-sinistra della IV Repubblica (Ad) che ha poi partecipato al golpe contro Hugo Chavez nel 2002. Allup ha fatto togliere dall’assemblea tutti i quadri del defunto presidente Chavez e anche quelli del Libertador Simon Bolivar, suscitando un’ondata d’indignazione. Per respingere l’affronto, sono scesi in campo anche i vertici delle Forze armate, che hanno ripetutamente espresso lealtà al presidente Maduro. Da allora, ogni deputato chavista ha messo sul banco i ritratti dei due «padri della patria», in un crescendo di scontri tra poteri e tra simboli. L’opposizione promette di far cadere il governo e di cacciare il presidente Nicolas Maduro entro sei mesi. Intanto, ha messo in piedi un progetto di amnistia per i suoi politici detenuti e per il ritorno di banchieri fraudolenti e golpisti latitanti. A seguire, un pacchetto di misure neoliberiste per azzerare le conquiste sociali reggiunte in quasi 17 anni di socialismo bolivariano.

Il sistema venezuelano è però una repubblica presidenziale che, come negli Stati uniti, concede ampie prerogative al presidente ed è inoltre basato sull’equilibrio di 5 poteri in cui il Tsj (nominato dal vecchio Parlamento), è un perno centrale. Già con la maggioranza qualificata, ottenuta dalla Mud con i suoi 112 deputati contro i 55 del Psuv, sarebbe stato complicato per le destre procedere sulla linea di Macri in Argentina. Ma ora, senza i 3 sospesi, viene meno la maggioranza dei 2/3: imprenditori, commercianti e istituzioni internazionali, grandi finanziatori della Mud, dovranno ancora mordere il freno.

Dopo la presa d’atto delle destre, giovedì il Tsj ha tolto la sanzione di incostituzionalità all’Assemblea: per consentire a Maduro di illustrare in Parlamento il bilancio annuale, come prevede la costituzione. Ieri, è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale il decreto presidenziale che dichiara lo stato d’emergenza economica su tutto il territorio nazionale: per 60 giorni prorogabili per altri due mesi. Basandosi sull’articolo 338 della Costituzione, Maduro intende così dettare nuove linee direttive: per contrastare la guerra economica dei grandi gruppi privati, l’accaparramento e la caduta del prezzo del petrolio, che evidenzia la vulnerabilità di un modello ancora troppo basato sulla rendita petrolifera e dipendente dalle esportazioni.

Ieri, il Banco Central de Venezuela ha pubblicato le cifre dell’inflazione: 141% fino a settembre 2015. Cifre determinate da perversioni accumulate nel secolo scorso e ora influenzate dalla drastica caduta del prezzo del barile, sceso ai minimi storici.

Dopo aver ascoltato tutti i settori popolari, Maduro ha scelto un nuovo gabinetto, molto spostato verso la sinistra marxista e la costruzione del nuovo stato comunale: un progetto sostenuto dai «soviet bolivariani», organi legislativi proposti per essere paralleli e antagonisti al parlamento ufficiale. «Per costruire un modello socioeconomico socialista — ha detto il ministro del Commercio e investimenti esteri, Jesus Faria — dobbiamo rompere la dipendenza dalla rendita petrolifera. Occorre cambiare il modello, mantenendo però sempre l’economia al servizio del popolo e continuando a difendere la sovranità nazionale dagli interessi delle grandi potenze straniere e dal Fondo monetario internazionale». Ma la destra ha annunciato battaglia.

Al momento per noi di andare in stampa, in attesa dell’arrivo di Maduro, in Piazza Bolivar si stavano concentrando i manifestanti, arrivati da tutto il paese per «accompagnare il presidente».

Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: