Napoli 14gen2016: Venezuela e Potere Popolare all’Ex-Opg

Geraldina Colotti all’ex-Opg durante il II Incontro della Rete “Caracas ChiAma” (il 12 aprile 2015)

di Ex OPG Occupato – Je so’ pazzo (via Matteo Renato Imbriani 218)

Giovedì 14 Gennaio | ore 18:00

Le esperienze di potere popolare in America Latina e noi

dibattito con

– Geraldina Colotti (giornalista de “il Manifesto”)

– Alfredo Viloria Pérez (Primo Segretario dell’Ambasciata della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Roma)

– Amarilis Gutiérrez Graffe (Console Generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli)

—-
Le cose non vanno bene. Ormai da un po’. Ogni anno, chi governa, promette una ripresa. Ogni anno ci sarebbero “timidi segnali” che vanno nella direzione “giusta”. Qualche indicatore economico col segno “+” annuncerebbe la luce alla fine del tunnel. Ma a noi che viviamo su questa terra quasi nulla pare cambiare, almeno non in meglio.

Eppure, ci bombardano la testa con un ritornello ossessivo: “non ci sono alternative”, bisogna proseguire sulla strada intrapresa, avere pazienza, magari temperiamo un po’ l’austerità, ma i pilastri di questo modello non si possono toccare. Le privatizzazioni sono intoccabili perché sarebbero un’opportunità di liberalizzazione dell’economia e poi, si sa, sono foriere di maggiore efficienza e minori costi per i clienti. Peccato che tutte le privatizzazioni non abbiano portato questi annunciati miglioramenti. Per creare posti di lavoro e combattere la disoccupazione c’è bisogno di più flessibilità. Basta rigidità, basta garantiti.

Il risultato è sotto i nostri occhi: tasso di disoccupazione altissimo, giovani e Sud che il lavoro lo vedono col binocolo. Quando poi lo trovi non c’è da gioire: sempre meno diritti e sempre più ricattabilità ed arbitrio da parte del datore di lavoro. E poi bisogna garantire la stabilità del bilancio, tagliare le spese: e giù di forbici, nelle grandi e nelle piccole città, con linee degli autobus che non esistono più, mezzi di trasporto fatiscenti e a stento funzionanti, reparti o interi ospedali che chiudono, scuole, università, teatri, biblioteche, istituti di cultura che quasi non resistono più all’assenza di fondi e finanziamenti. Infine, il sistema democratico italiano va cambiato per garantire rapidità ed efficacia delle decisioni. Non si può star lì a dibattere, perdendo inutilmente tempo utile. Il paese ha bisogno di decisioni non “irrevocabili”, ma urgenti sicuramente. E quindi noi ci troviamo a non eleggere un presidente del consiglio da anni, a vedere commissari governativi gestire settori importanti e intere città, assistiamo ad un teatrino politico capace di produrre leggi elettorali e riforme istituzionali che restringono sempre più la nostra democrazia e che ci tagliano fuori da qualsiasi possibilità di decidere qualcosa delle nostre vite.

TINA, “there is no alternative”, è un mantra che governo, partiti e anche sindacati ci ripetono quotidianamente. Tuttavia, si tratta, più che di una realtà, di un loro desiderio. Le alternative ci sono e alcune sono già in essere.

In alcuni paesi dell’America Latina, ad esempio, da ormai almeno un decennio, si prova a fare qualcosa di diverso. C’è un paese, il Venezuela, che spende il 60% del suo budget in spesa sociale. Mentre qui, in tutta l’Unione Europea, si fa una vera e propria guerra a scuole, ospedali, trasporti pubblici, l’83% dei giovani venezuelani oggi va all’università, la Misiòn Barrio Adentro ha permesso, grazie all’intervento di medici cubani, di curare persone che non avevano mai visto un medico in vita loro. Mentre a casa nostra è tornato lo spettro della povertà, in Venezuela le politiche di lotta alla povertà l’hanno ridotta a livelli mai così bassi nella storia del paese. Mentre in Italia decine di migliaia di famiglie rischiano di trovarsi in mezzo ad una strada perché non riescono più a pagare l’affitto, qualche settimana fa nel paese latinoamericano è stata consegnata la casa numero “1 milione”. E potremmo andare avanti a lungo…

Ma l’elenco dei risultati ottenuti non ci dice tutto. Non ci dice come sia stato possibile raggiungerli, quali ostacoli si siano dovuti superare, come si è fatto a rompere il muro della paura, come gli abitanti dei quartieri poveri abbiano abbandonato quella “passività” che secondo cliché razzisti li avrebbe contraddistinti in maniera quasi genetica. Non ci spiega cosa sia quel “poder popular” di cui tanto parlano in Venezuela, che è diventato una parola diffusa in tutto il continente latinoamericano e comincia a far capolino anche in Europa.

Potere popolare significa potere al popolo. Ma come? Al di là di slogan e retorica, cosa significa? Le pratiche in atto in Venezuela possono dirci qualcosa? Possiamo imparare da quest’esperienza? E cosa?

Ne parleremo con Geraldina Colotti, giornalista de “Il Manifesto”, che è stata più volte in Venezuela ed in America Latina, con Alfredo Viloria Pérez (rappresentante dell’Ambasciata della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Roma) e Amarilis Gutiérrez Graffe (Console Generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli).

—–
Je so’ pazzo è un ex-opg (ospedale psichiatrico giudiziario) occupato nel marzo 2015 da un gruppo di studenti, lavoratori, disoccupati, per sottrarlo all’abbandono e per restituirlo alla città, per ricostruire la memoria di questo luogo terribile di esclusione e tortura, e lanciare percorsi di mobilitazione a partire dalle nostre concrete esigenze: dal lavoro al territorio, dalle scuole alle università, dalla casa alla sanità.

—–
Come arrivarci?

– Metro Linea 1: Fermata Materdei
(5 minuti a piedi verso Salita San Raffaele)
– Dal centro storico (15 minuti a piedi):
arrivare al museo nazionale e salire via Salvator Rosa,
all’incrocio con via Imbriani ci trovate sulla destra.

—–
Ex Opg Occupato – Je so’ pazzo
pagina facebook: https://www.facebook.com/exopgjesopazzo
sito web: http://jesopazzo.org/
twitter: https://twitter.com/ExOpgJesopazzo

Articolo successivo
Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: