Anna Gabriel (Cup): «Una Catalogna di liberi e uguali»

di Geraldina Colotti – il manifesto

24dic2015.- Spagna. La deputata Anna Gabriel, portavoce del partito Candidatura d’Unitat Popular (Cup)

Sui possibili scenari in Spagna, abbiamo sentito Anna Gabriel. Deputata al parlamento catalano, Gabriel è la portavoce di Candidatura d’Unitat Popular (Cup) ed è considerata la personalità femminile più influente del suo partito.

Qual è la sua analisi dei risultati elettorali in Spagna?
Crediamo ci siano diverse letture possibili. Anzitutto, bisogna notare che nei Paesi Baschi, nei Paesi Catalani e in una parte importante della Galizia, la coalizione vincolata a Podemos, le mareas ed altre formazioni di sinistra, sono risultate la prima forza in queste elezioni. È un fatto importante perché — sebbene non siano forze indipendentiste– riprendono nel loro programma il referendum sull’indipendenza, oltre al fatto che offrono alternative sul piano sociale e democratico, alternative che in parte coincidono con le nostre posizioni. Se consideriamo tutto il territorio statale, questa coalizione si situa come terza forza, sicuramente una buona notizia. Ma c’è un’altra lettura da considerare: il Pp e il Psoe restano le due forze maggioritarie. Continuano ad avere, quindi, un forte appoggio i partiti di centro, conservatori, e che sono disposti ad applicare senza scrupoli le politiche e le imposizioni della Troika. Per realizzare la sua proposta di referendum, Podemos dovrebbe scendere a patti con queste formazioni politiche, che già hanno negato il diritto all’autodeterminazione dei popoli. Prendendo atto che questo atteggiamento ostile ancora esiste, come sinistra indipendentista restiamo in attesa che tutto questo spazio politico accetti di appoggiare la nostra lotta per conseguire la rivendicazione nazionale.

Quale sarà il quadro delle alleanze e quale scenario potrebbe favorire i vostri obiettivi?
Vedremo fino a dove arrivano le imposizioni della Troika e dei mercati, e se forzeranno un patto in nome della stabilità, il che vorrebbe dire la continuità delle politiche neoliberiste. Questo significherebbe che il Pp e il Psoe chiuderebbero qualsiasi possibilità di cambiare il panorama politico che dura da quarant’anni. Altri scenari di alleanza si preannunciano complicati, inclusa la possibilità di un governo di minoranza con appoggi puntuali, qualcuno ha già notato come la politica spagnola sembra assomigliare alla situazione parlamentare italiana. In ogni caso, spero che lo Stato comprenda che ci sono questioni che non possono non essere affrontate, così come lo hanno evidenziato le elezioni. Comunque, in Catalogna le urne del 27 settembre scorso ci hanno consegnato un mandato. Giustamente, abbiamo voluto trasformare le elezioni in un plebiscito, perché lo Stato ci ha negato — fino ad ora– la possibilità di celebrare un referendum per l’indipendenza del nostro paese. Noi stiamo lavorando per gettare le basi di questa Repubblica. Lavoriamo affinché questa Repubblica sia costruita e difesa da tutti quelli che hanno votato per le forze indipendentiste il 27 settembre scorso, ma anche per tutti quelli che non vedono nell’indipendenza un’opportunità per la trasformazione sociale. Di fronte abbiamo una sfida tra le più emozionanti: i cittadini di questo paese hanno l’opportunità di essere protagonisti di un processo costituente, di ridisegnare il volto di questo paese. Di discutere e decidere su tutto ciò che li riguarda. È una sfida coinvolgente, appassionante.

Podemos (il primo partito in Catalogna e nei Paesi Baschi) vuole imporre al Psoe un referendum in Catalogna. Cosa farà il suo partito?
Speriamo che ci riescano. Altrimenti, gli chiederemo di appoggiare la nostra via: quella unilaterale.

Quali sono i vostri alleati e su quali programmi?
Non cerchiamo alleanze solo tra i partiti. Sono alleati i movimenti, chi lotta ogni giorno nelle fabbriche, nelle università, chiunque capisca che la politica è questione di ogni giorno. Proviamo a trasmettere il bagaglio della lotta popolare, e a far sì che il nostro programma difenda gli interessi della maggioranza, dei lavoratori e delle lavoratrici. Abbiamo un’agenda comune con una moltitudine di attori politici, sociali, sindacali e una geometria variabile sul piano strategico.

Quali sono i rapporti tra la Cup e la sinistra basca?
Molto stretti, da sempre. Siamo internazionalisti, e non possiamo concepire la politica come qualcosa che non sia espressione della «tenerezza dei popoli». Sappiamo che la durezza dello stato spagnolo con il popolo basco è arrivata a limiti inaccettabili. Guerra sporca, isolamento dei prigionieri politici, leggi che rendono illegali partiti politici e negazione dei diritti. Non possiamo non camminare al fianco del popolo basco.

Quale modello di paese propone la Cup per la Catalogna e che relazione immagina con l’Unione europea?
Vediamo l’Unione Europea come espressione della logica di cooperazione tra Stati e interessi economici privati. Quindi, non la consideriamo un’istituzione adatta a soddisfare i diritti sociali basici. Proponiamo invece la creazione di un modello alternativo al capitalismo, che metta la vita al centro degli interessi. Quando riscattiamo le banche e non pensiamo alle persone, quando devastiamo il territorio ci stiamo comportando in modo selvaggio. Per vivere bene tutti, qualcuno deve perdere qualche privilegio. Proponiamo un paese che sia esempio nella difesa dei diritti umani, sociali e democratici. Un paese che si relazioni con il sud del mediterraneo, affinché lo stretto di Gibilterra non sia mai più quella vergognosa fossa comune che è attualmente. Un paese che consideri l’agenda femminista come qualcosa di strategico e basico, se si vuole rendere possibile un altro sistema di relazioni economiche, produttive e sociali.

Il modello bolivariano del Venezuela e dei paesi dell’Alba è stato uno degli attori della campagna elettorale in Spagna. Qual è la sua opinione?
C’è chi utilizza il tema per screditare, chi invece, come noi, considera che, per garantire una dignità minima alle persone, l’uscita dal sistema capitalista è urgente e necessaria. Altri lo consideriamo un punto di riferimento, un modello. Non è difficile capire che chi si oppone agli agenti dell’imperialismo riceva ogni genere di diffamazione. E’ l’amara realtà.

E come vede le relazioni solidali sud-sud? I Brics sono un’alternativa alla Ue?
Le relazioni solidali hanno la loro espressione nella società organizzata, nel denso tessuto di espressioni che lavora, da anni, puntando su un altro modello di relazioni internazionali. Purtroppo, gli Stati membri della Ue istaurano un modello di relazioni che ha l’interesse economico capitalista al centro della sua agenda.

(Ha collaborato Davide Angelilli)

Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: