Análisis de Entorno Situacional Político (15dic2015)

por Néstor Francia

Martes 15 de diciembre de 2015

 

– No son estúpidos

– Nuevos problemas y retos

– Con las artes de engaño

– La pelea no será fácil

– La táctica de piel de cordero

– Es hora de humildad

– La forma clásica de aprender

– Mitología chavista

– Baratijas demagógicas

– Diputados a prepararse bien

– Un mejor producto que cada vez se vende menos

– Schemel, Ramos Allup y la agenda conspiradora

Quien siga creyendo que los opositores son estúpidos estaría cometiendo, precisamente, una estupidez. Son mediocres, pero no son estúpidos, lo acaban de demostrar, aprovechándose atinadamente de las dificultades económicas producidas tanto por la guerra económica como por lo crasos errores del Gobierno, así como de matrices que han sembrado durante años y no hemos sabido contrarrestar, como las que se refieren a corrupción, deterioro de los servicios públicos, ineficiencia del Estado, mala administración de empresas públicas y fracaso de las acciones expropiadoras, entre otras.

Ahora que han alcanzado la mayoría calificada en la Asamblea Nacional, la oposición se enfrenta a nuevos problemas y retos. Por los vientos que soplan, no vienen a quitarse la careta tan rápido. Sus intenciones neoliberales y privatizadoras, que persiguen beneficiar al capital en detrimento de los trabajadores, son claras en la agenda legislativa que presentaron al país, pero van a vender su mercancía reaccionaria con las artes de engaño que han venido utilizando con éxito demostrado. No esperemos una pelea política fácil donde la gente perciba rápidamente quiénes son los buenos y quiénes los malos. Nosotros tenemos cinco millones y medio de efectivos dispuestos a defender la Revolución, pero también es verdad que diez millones de personas no nos apoyaron (contando los que votaron por la MUD y los que se abstuvieron). Por supuesto, ese contingente no tiene la coherencia, la organicidad ni la moral del chavismo, pero nos apalearon en la reciente elección, o sea que han sabido usar los instrumentos de la democracia para ganarnos terreno.

A pesar de las amenazas de Ramos Allup, es claro que la mayoría de los voceros de la MUD han venido planteando una táctica de piel de cordero. Lo más probable es que sea esa la que se imponga, aunque nunca se sabe, eso va a depender mucho de las alianzas internas en el seno de la entente derechista. También van a manejar conceptos e ideas que tiendan a convertirlos en alternativa de poder para muchos que ahora no los ven así. Si frente a las tácticas opositoras nos vamos a seguir comportando con la prepotencia y el sectarismo que nos caracteriza, vamos a contribuir con su éxito. Es hora de humildad, como asomó Freddy Bernal, de darnos cuenta de que no nos las sabemos todas, aun nos falta mucho por aprender.

En tal sentido, la forma clásica de aprender, no superada por ninguna otra hasta ahora, es estudiar. Llegó el momento de desechar cierta mitología chavista que se consolidó con las repetidas victorias electorales. Dentro de esa mitología está el creer que el pueblo entiende todo lo que decimos, está convencido de las bondades de nuestras propuestas y aprueba nuestros modos de hacer y decir las cosas. El resultado del 6D parece apuntar a otra cosa ¿Estamos seguros de que la mayoría está realmente en contra de que se hagan algunas privatizaciones vinculadas a los factores económicos?

¿Cuántos venezolanos piensan que el Estado es ineficiente y que esa es la causa de los problemas económicos? ¿Es cierto, como señalan algunas encuestas, que la mayoría de la población favorece un tipo de economía mixta donde tengan un papel importante algunos factores del sector privado de la economía? ¿Sabemos si el pueblo está dispuesto o no a cambiar la Ley de Precios Justos por una Ley de Protección al Consumidor como plantea la agenda opositora?

La oposición ha comenzado a vender baratijas demagógicas para irse posesionando ante el pueblo que la favoreció electoralmente y seguir con sus votos amarrados. En ese empeño andan ya ofreciendo supuestos beneficios que pueden funcionar para conservar el favoritismo de la gente. Julio Borges dijo en estos días que “Precisamente a los beneficiarios de la Misión Vivienda les vamos a dar la propiedad, que sean dueños de su casa, de sus viviendas y sus hijos puedan heredar, ser dueños de su destino, igual con quienes viven en los barrios, que sean dueños de la tierra, queremos democratizar la propiedad en el país, y eso lo vamos lograr en semanas cuando estemos en la Asamblea”. Y también: “Todas las competencias de la Asamblea están en la Constitución, allí no hay ninguna ley, está todo blindado, hay que consolidar el grito que pegó Venezuela y convertirlo en un programa de cambio profundo a favor de la economía, política y los derechos humanos”.

Por su parte, otro diputado electo de la derecha, José Guerra, anunció que “Las leyes de carácter social tendrán prioridad en la agenda legislativa de la nueva Asamblea Nacional” y consideró, igualmente, que se debe “regularizar” la propiedad de las personas que han recibido apartamentos de la Misión Vivienda.

Otro opositor electo, Enrique Márquez, detalló que se centrarán en trabajar en el área de producción nacional y abastecimiento: “No estamos hablando de política, estamos hablando de asuntos sociales y económicos que son realmente los problemas de la gente, tenemos un plan a desarrollar y lo haremos público”

Entretanto, en medio del debate que se está dando en el chavismo, no podemos olvidar que nuestros 55 diputados deben prepararse bien para el otro debate, el que se dará en el parlamento.

Lo cierto es que parece avecinarse un conflicto institucional de altos decibeles, y que una de los temas que debemos revisar a fondo es el de la comunicación pública, porque la derecha, al menos en los años recientes, se anda vendiendo mejor que nosotros. Nuestro producto es mucho mejor, pero cada vez se vende menos. Hay que hacer algo con los vendedores.

Por supuesto, la agenda conspiradora de la derecha no va a ser puesta de lado, pero sí tratarán de adaptarla a la nueva situación política. Como señala Oscar Schemel,

“Hay factores internacionales muy poderosos, con muchos recursos. Como está ocurriendo en Brasil y Ecuador, la oposición va a presionar por una crisis política, por una confrontación… Lo que se busca es un referéndum revocatorio o incluso una reforma constitucional, terminar de neurotizar y caotizar a la sociedad venezolana, profundizando la crisis política”.

Esta opinión parece refrendada por Henry Ramos Allup: “Considerando objetivamente todos los factores de dentro y fuera del Gobierno, la situación económica y política, y lo que acaba de suceder, no veo a este Gobierno llegando a su término natural que serían las próximas presidenciales de 2019; no lo veo, porque ¿cómo se sostiene este Gobierno?”.

(VIDEO) 16 años de Constitución Bolivariana

por Aporrea

Caracas, diciembre 15 – Este martes se realizó el conversatorio: “Constitución del Futuro: “16 años de la Constitución Bolivariana” en el Teatro Bolívar de Caracas, en los que participan entre otros el Defensor del Pueblo Tareck William Saab, el abogado constitucionalista Hermann Escarrá y varios gobernadores del país, como Castro Soteldo y Aristóbulo Istúriz.

En este acto Escarrá destacó la participación de los ciudadanos en las iniciativas que se tomen en el parlamento venezolano: “Ellos dicen que van a una enmienda, que tienen el 30% y lo tienen, a una enmienda para acortar el período del presidente Maduro, bueno, muy bien, bienvenido, pero eso va a referéndum, eso va a consulta popular, es el pueblo el que lo va a decidir, usted lo puede aprobar en la Asamblea, pero usted lo que aprueba en la Asamblea es la iniciativa, la aprobación o no de la enmienda es de referéndum popular, la reforma constitucional sólo es aprobada en referéndum popular”.

Asimismo, el Defensor del Pueblo, Tarek William Saab, indicó que en la Carta Magna de 1999 se refleja la lucha del pueblo venezolano en la defensa de los derechos sociales: “Celebrar la Constitución de Venezuela no es una oda, es un poema a la Academia, no puede ser visto como una especie de elogio del magisterio, visto este como una élite, sino al pueblo de Venezuela que luchó durante décadas, durante muchísimo tiempo por ver consagrado en esa Constitución que ha sido llamada ejemplar porque lo es, porque recoge de manera ejemplar e icónica toda la gran gama y formas de batalla que tuvieron los movimientos sociales de este país”.

___

..


 

(FOTO) Melnikov (KPRF): «Lottiamo per il Socialismo del XXI secolo»

di Danilo Della Valle

Spesso si tende ad identificare, a torto, tutta la scena politica della Federazione Russa nella figura del suo Presidente Vladimir Putin e del Partito al governo (Russia Unita). Ci sono invece altri partiti con una storia consolidata e un buon bacino elettorale; uno di questi è il KPRF (Partito Comunista della Federazione Russa) erede del PCUS, seconda forza del Paese per rappresentanza Parlamentare e prima forza d’opposizione all’interno della Duma. ALBAinformazione ha incontrato a Mosca il vice Presidente della Duma e del Partito Comunista della Federazione Russa, Ivan Ivanovich Melnikov, per conoscere il parere e le posizioni del KPRF in merito agli ultimi sviluppi di politica internazionale e per discutere dei progetti del suo partito in politica interna.

Oggi tutto il mondo parla della minaccia dell’ISIS e del problema sorto in Siria/Iraq, eppure fino a poco fa molti dei governi che ora dicono di combattere l’ISIS (penso ad Usa, Francia, Turchia, Arabia Saudita, Israele, ecc…) erano più concentrati nel sostenere la rimozione del legittimo Presidente Assad piuttosto che nel combattere l’avanzata dell’ISIS. Come giudica l’atteggiamento tenuto da questi Paesi e dalla stampa Internazionale? Crede che ci possa esser un’unità d’intenti tra questi Paesi e l’asse formato da Russia, Libano ed Iran che hanno sempre sostenuto, e continuano a farlo, il legittimo governo Siriano presieduto da Assad?

È noto, che l’ISIS, insieme ad alcune altre strutture terroristiche, come Al Qaeda, siano nate a causa della politica miope degli USA che speravano di usare il terrorismo internazionale come uno strumento per raggiungere i propri scopi geopolitici e geo-economici. Purtroppo non hanno previsto, che prima o poi i terroristi sfuggono di mano e cominciano un loro gioco, incluso contro quelli che li hanno creati o che li ha osservati crescere passivamente, come ha fatto l’Europa Occidentale. Per questo, quando parliamo della lotta degli USA e dell’Europa contro l’ISIS, dobbiamo ricordarci che loro spengono un incendio causato da loro stessi. Quanto alla Turchia, Qatar e Arabia Saudita, dobbiamo ricordare, che questi Paesi hanno un rapporto speciale con i terroristi e molto spesso hanno con loro stretti legami di sangue. La politica di Washington e della maggior parte dei suoi alleati dalla cosiddetta coalizione antiterroristica che si occupa del problema siriano, mette in evidenza che la Russia non può contare sulla loro collaborazione nella lotta contro il terrore. La Russia, non nutre nessuna illusione verso i partner Occidentali e sviluppa una linea sua per il consolidamento della propria alleanza internazionale nella lotta con il terrorismo.

La Turchia e gli USA appoggiano direttamente la cosiddetta “opposizione moderata”, anche se è chiaro, che sono delle forze distruttive, e la loro essere “opposizione moderata” è solo di facciata. Dopo i successi notevoli dell’Aeronautica Militare della Federazione Russa e in seguito ai successi dell’esercito siriano, l’Occidente si è attivato e ha cominciato a intraprendere una serie di azioni a scopo di bloccare gli sforzi reali di Mosca intenti a sopprimere le strutture terroristiche in Siria.

Per quanto riguarda la Stampa Internazionale, è ben noto, chi controlla la maggior parte di essa. Da qui risulta che la maggior parte della Stampa Internazionale si trova al servizio della politica cinica e doppiogiochista di Washington e dei suoi alleati. Per esempio, com’è possibile non vedere il trasporto illegale del petrolio verso la Turchia? Non c’è niente da interpretare qui! Questi sono i fatti, ci sono immagini molto chiare. Ma nonostante tutto, poco a poco, la verità sta venendo fuori anche tra i mass media Occidentali.

In Europa abbiamo un fronte aperto molto importante, quello Ucraino. Il suo Partito è molto attivo su ciò che sta accadendo al popolo Ucraino intero, quale è la posizione sul Donbass e sulla scottante questione della Crimea?

Riguardo l’Ucraina, devo ricordarle che sono stati gli USA a provocare il colpo di Stato in questo Paese. E l’Unione Europea, rappresentata da Germania, Francia e Polonia, ha rotto l’ accordo con il governo in carica proprio nel momento del golpe. Facendo fallire la sua autorità, ha di fatto aiutato un gruppo neonazista ad arrivare al potere a Kiev. Adesso l’Ucraina si ritrova senza una sovranità nazionale e con il Paese alle prese con una crisi politica, sociale ed economica senza precedenti. Quelli che sono arrivati al potere li conosciamo tutti. Ci sono da sempre nel Paese, gli eredi della «gestapo» hitleriana, solo che sono sempre stati un gruppo marginale, molto piccolo. E adesso per portare avanti una politica antirussa, volendo favorire l’entrata dell’Ucraina prima nell’Unione Europea e poi nella Nato, questi neonazisti vengono nutriti politicamente, che è un errore simile a quello fatto nel Medio Oriente. Poi l’Unione Europea dovrà fare i conti con il regime fascista all’interno di sé stessa. Guardi: hanno litigato nel Consiglio Supremo (Verchovna Rada dell’Ucraina) anche prima di Euromaidan e adesso si azzuffano di nuovo, benché abbiano raggiunto la maggioranza intera. Tutto ciò non dovrebbe suscitare una sorpresa, delle domande?

Per quanto riguarda la posizione del Partito comunista, noi ci siamo sempre opposti sia alle forze della Reazione, che adesso sono al potere in Ucraina, sia al rozzo tentativo dell’Occidente di intervenire negli affari interni di questo Paese. La Russia non è mai intervenuta. C’è qualcuno che può affermare di aver ascoltato come noi discutevamo dell’appartenenza della Crimea nel periodo tra il  1991 e il 2014? No. Solo nel 2014, la maggior parte della gente di origine russa non ha voluto essere parte dell’Ucraina golpista post-Maidan, non ha riconosciuto il nuovo governo. A questo punto le autorità della Crimea hanno deciso di usare lo strumento principale di democrazia, della volontà del popolo, il referendum dei cittadini. E se non ci fosse stato, ci sarebbe stato un massacro ancora più sanguinoso di quello del Donbass. Adesso la questione dell’appartenenza della Crimea è ormai chiusa e non può esser argomento di discussione. Essa è un soggetto della Federazione Russa. Punto.

Un altro continente attaccato dall’imperialismo è quello latinoamericano; come giudica le esperienze delle democrazie popolari latinoamericane con le loro politiche di inclusione delle classi più disagiate, di aumento della spesa pubblica, nazionalizzazioni e il tentativo di una integrazione continentale in grado di contrapporsi al trattato del libero commercio delle Americhe (ALCA) voluto dagli USA?

Nell’ultimo decennio in America Latina si è avuto uno spostamento notevole a sinistra, in molti Paesi sono giunte al potere forze di sinistra, centro-sinistra o patriottiche. Suppongo che l’esempio di Cuba unito al carisma dei leader di molti Stati dell’America Latina dove la sinistra ha trionfato, abbiano avuto la loro influenza. Contemporaneamente, nelle ultime settimane, in certi Paesi del Continente, per esempio in Argentina e Venezuela, sono avvenuti dei processi opposti, si è avuto un rafforzamento della destra di tendenza pro-USA. Penso che questo sia una conseguenza causata, per una parte, dagli sbagli delle forze di sinistra al potere e, dall’altra, dall’influenza e dalle pressioni da parte di Washington. Ma li considero, in ogni caso, delle cadute temporanee e non una tendenza seria e duratura. I popoli di questi Paesi sono più disposti verso i valori della sinistra.

Oggi si sente parlare spesso dei Paesi BRICS come di una reale e possibile alternativa al mondo unipolare, mentre qualcuno si spinge addirittura oltre pensando ai BRICS anche come possibile alternativa economica e politica all’attuale sistema capitalista e come una sorta di fronte antimperialista, cosa ne pensa?

È bene precisare che i BRICS non sono un’unione ideologica. Sono un’unione geopolitica di Paesi con sistemi sociali, economici e politici molto diversi tra loro. Per cui è, a mio avviso, un abuso considerare il blocco BRICS come un fronte antimperialista. Allo stesso tempo, però, questa unione si oppone ai tentativi degli USA di mantenere un mondo unipolare, che si è installato dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica. Il blocco BRICS è un fattore importantissimo per il rafforzamento della tendenza globale verso un mondo multipolare.

Con la caduta dell’URSS si è assistito ad un periodo di smarrimento ideologico tra le forze comuniste europee, molte organizzazioni oltre a prendere le distanze dall’esperienza socialista in URSS hanno messo in secondo piano la lotta per i diritti sociali, soffermandosi solo su quella per i diritti civili, questo ha portato inesorabilmente ad un lento declino dei Partiti comunisti e di sinistra nell’Europa Occidentale. Quale è il suo pensiero a riguardo?

Prima di tutto non posso essere d’accordo con la tesi secondo cui l’esperienza del socialismo nell’URSS possa considerarsi fallita. Al contrario, le conquiste sociali dell’Unione Sovietica non solo sono state grandi, ma hanno avuto un’importanza indiscutibile dal punto di vista storico. Con le proprie conquiste in vari settori, l’Unione Sovietica è stata un esempio per molti Paesi e per molti lavoratori, e ha influenzato l’andamento storico mondiale, a cominciare dalla liberazione dell’Europa dal fascismo e fino alla dissoluzione del sistema coloniale e la trasformazione del capitalismo verso un modello di sviluppo più orientato socialmente.

Di sbagli ce ne sono stati, certamente. E molti di questi sbagli hanno portato l’Unione Sovietica alla sconfitta nella Guerra Fredda, anche perché forze esterne l’hanno minata agendo sull’interno. Ma questo non ha nulla a che vedere con l’idea, l’ideologia. Il pendolo della Storia si sposterà di nuovo, perché l’atteggiamento del capitalismo d’oggi nella sua fase superiore, ossia la fase dell’imperialismo, è l’inizio dell’agonia, dell’accumulazione delle contraddizioni. Dietro le azioni apparenti dell’imperialismo si nasconde l’aspirazione avara del “miliardo d’oro” di risolvere i propri problemi scaricandoli su altre regioni, a carico delle economie in sviluppo. Le guerre aperte e nascoste, scatenate dagli USA sono le leve di una crudele concorrenza finanziaria.    

Per quanto riguarda le forze della sinistra in Europa, a mio avviso è davvero sbagliato questo sbilanciamento che hanno avuto verso i diritti civili a discapito della lotta per i diritti sociali. L’abbandono della lotta per i diritti sociali devia la sinistra dagli interessi da essa storicamente sostenuti, ovvero quelli della lotta per il progresso sociale.

In questo vuoto ideologico si è assistito alla nascita di nuove teorie politiche, penso ad esempio a quella del politologo Dugin per quanto riguarda la Russia, che tendono a dichiarare superate le ideologie novecentesche e la dicotomia destra-sinistra, e provano a mischiare elementi imperiali russi, elementi del fascismo e del socialismo sovietico. Pensa sia possibile una cosa del genere? Che posizione ha il KPRF verso queste organizzazioni in Russia?

Penso che nel mondo tutto ciò sia già stato creato, pensato e provato molto prima di noi. Esistono solo due forze, due concetti, due scienze: Il capitalismo e il socialismo. Il resto è solo una retorica disgiunta dagli interessi del popolo e dai rapporti politico-economici. Molto spesso questa retorica è diretta a confondere le teste dei lavoratori, a mistificare certi processi, ad aggiungere nel proprio programma degli ingredienti “più dolci”, tali da far apparire quello che non si è.

Nella Russia contemporanea, tranne il Partito comunista della Federazione Russa, nessun altro partito politico dispone di una base ideologica forte e di una posizione con una visione del mondo così concreta. E questo riguarda sia il Partito al potere (Russia Unita), che gli altri partiti più piccoli dell’opposizione, che altre organizzazioni con “nuove teorie politiche”. Proprio questo permette al KPRF, nonostante le enormi risorse finanziarie del Partito al potere, di rimanere la seconda forza politica nel Paese con una sua influenza ed una forte rappresentanza in Parlamento.

Secondo diversi sondaggi, il Presidente Putin, grazie alla sua politica estera, è il presidente più amato al mondo. Nonostante ciò, però il KPRF resta il secondo partito del Paese, ha consolidato la sua forza e ha conquistato la maggioranza in alcune città importanti della Russia, penso a Irkutsk e Novosibirsk. Quali sono le prospettive politiche del suo partito nel medio periodo? Come giudica l’operato del Governo russo in politica estera ed interna? Si può dire che il KPRF ha l’obiettivo di instaurare il Socialismo in Russia?

Certamente, possiamo affermare che noi lottiamo per realizzare il Socialismo del XXI secolo: un socialismo privo degli errori del passato, che raccoglie le migliori esperienze del Socialismo sovietico e dei paesi contemporanei, governati dai Partiti comunisti. Ecco perché lottiamo per il potere politico. E come ha notato, in alcune regioni lo facciamo con successo. Certo, in una singola regione non si può realizzare il proprio programma globale, ma si può conquistare la fiducia dei cittadini, attraverso il lavoro onesto, l’attenzione verso i bisogni del popolo. Per quel che riguarda la popolarità del presidente Putin, credo sia dovuta al fatto che oggi la sua persona rappresenti il fattore di unità del Paese intero, unità sia del Partito di governo che dei Partiti dell’opposizione contro le pressioni esterne. E il Partito comunista della Federazione Russa lo sostiene nella politica estera. Noi separiamo queste questioni: la politica estera e le battaglie di  politica interna. Il Partito comunista è un partito molto responsabile ed in questo non ci sono contraddizioni. Durante l’ultima riunione plenaria del CC del KPRF abbiamo discusso dal punto di vista di classe su quali argomenti possiamo essere d’accordo con il governo e su quali invece siamo fortemente in contrasto.

In conclusione, lei oltre ad esser un deputato della Duma è un professore universitario ed ha vissuto anche nel periodo dell’URSS, come è cambiata l’istruzione con il passaggio dal socialismo alla Russia attuale? Pensa che la Russia abbia ancora un efficace sistema educativo?

Il sistema russo è ancora buono per quanto riguarda il personale, il sistema della selezione dei talenti e la sua base scientifica e metodologica. Ma diventa sempre meno efficace, perché ha subito molte riforme, su consiglio della Banca Mondiale, che ha dato raccomandazioni non favorevoli per il futuro della Russia. Sfortunatamente, la tendenza ad americanizzare il sistema educativo non siamo stati in grado di fermarla. Secondo la mia opinione, però, non solo il popolo, ma ben presto anche il governo lo capirà: dobbiamo tornare alle basi sovietiche. Questa tendenza  già si palesa in alcune decisioni, per adesso piccole, non sistematiche. Per esempio, negli esami a “risposta multipla” siamo riusciti a far reintrodurre anche il relativo commento scritto alle risposte, da sempre molto importante per il nostro sistema educativo. Noi comunisti lotteremo per tornare ai livelli dell’istruzione sovietica, che ci ha permesso di spedire il nostro Paese e tutto il mondo per la prima volta nello spazio.
___

 

 

 

 

 

 

 

 

(VIDEO) El 6D triunfó el voto castigo no la oposición

por aporrea.org

El director de la encuestadora Hinterlaces, Oscar Schémel, argumentó este domingo que el 6 de diciembre pasado triunfó en Venezuela el voto castigo, no la oposición.

“El pasado 6 de diciembre presenciamos un voto castigo no un voto a favor de la oposición, ellos (la oposición) tiene que entender cual fue el significado de la votación; en primer término se manifestó el descontento y segundo el 6-D se expresó un sentido de urgencia de soluciones y respuestas por parte de la gente a los problemas económicos”.

Schémel aseguró que si la oposición no entiende las expectativas y demandas del venezolano puede generarse un “corto circuito” y perderían el capital electoral que han logrado, porque, a su juicio, el sector opositor es una fuerza electoral , pero, no una fuerza social, política ni simbólica, no tiene presencia en la calles ni en movimientos sociales, siendo su respaldo más militante la élite y la clase media alta.

El analista político precisó que la oposición no hizo campaña, entendió que tenía que canalizar el descontento, que debía convertir la tarjeta de la denominada Mesa de la Unidad Democrática (MUD), para castigar la gestión económica.

En ese sentido, explicó Schémel los opositores tomaron la economía como el tema fundamental que decidió el comportamiento electoral del venezolano. “La oposición hizo lo que tenía que hacer, no hacer nada”.

Entrevistado en el programa José Vicente Hoy que conduce el periodista José Vicente Rangel por el medio privado Televen, Schémel enfatizó que la oposición no es una alternativa política porque carecen de discurso, de narrativa, de proyecto que cautive o persuada y movilicen a los venezolanos.

__


"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: