Medio Oriente: tra resistenza alla guerra imperialista, caos e migrazioni

da Forum Palestina

Roma, 12 dic2015.- Si è tenuto oggi a Roma il convegno “La CAUSA” con la presenza dei rappresentanti di diverse organizzazioni politiche italiane e internazionali protagoniste dello scenario politico-sociale e delle resistenze mediorientali.

Il convegno ha visto una grande partecipazione di comitati di solidarietà con la causa araba in generale e con quella palestinese in particolare;
gli interventi si sono concentrati sui seguenti punti:

il sostegno alla lotta per l’autodeterminazione del popolo palestinese e la costituzione dello Stato Palestinese indipendente, sovrano, laico e democratico, parte integrante del mondo arabo;

condanna del terrorismo dell’ ISIS, prodotto dall’imperialismo statunitense ed europeo;

invito a tutti i musulmani ad essere uniti contro ogni forma di terrorismo che deforma i principi di convivenza e rispetto tra i popoli;

la ferma solidarietà con il popolo siriano e con il suo legittimo governo nella lotta per difendere e mantenere l’unità del territorio, contro i piani di frammentazione sponsorizzati dagli statunitensi, dai sionisti e dai loro lacché, i paesi dei petrodollari;

il sostegno ai movimenti popolari pacifici arabi affinché riescano ad affermare i loro diritti umani e sociali;

il sostegno alla lotta per la democrazia, la libertà e i diritti del popolo del Bahrein, da decenni repressa dal governo del Bahrein;

l’immediata fine della brutale aggressione saudita allo Yemen;

la condanna di tutte le forme di complotti ed ingerenze del sistema imperialista contro i popoli che lottano per l’autodeterminazione;

la chiara condanna del processo neocoloniale che viene messo oggi violentemente in campo in Medio Oriente.

Considerando queste motivazioni, i partecipanti si appellano alle forze politiche, sociali e culturali italiane per una mobilitazione contro le aggressioni a paesi sovrani, e sollecitano maggior solidarietà, dichiarandosi:

– contro la guerra imperialista a guida statunitense alla Siria;

– contro il regime di apartheid israeliano e per il pieno sostegno alla campagna BDS;

– per il sostegno alla lotta del popolo palestinese contro il colonialismo di insediamento sionista nella Palestina storica e la giudeizzazione di Gerusalemme, e per la riaffermazione piena del diritto al ritorno;

– per il sostegno alle forze di resistenza che combattono il sionismo e i terroristi dell’ISIS in Libano, Siria ed Irak;

– per il sostegno alla pacifica opposizione del popolo del Bahrein;

– contro l’ingerenza straniera nello Yemen, per fermare il massacro quotidiano del popolo yemenita e l’aggressione al suo territorio da parte della coalizione saudita con l’appoggio logistico statunitense e sionista.

Invitiamo i mezzi di comunicazione di massa a dare una informazione libera e plurale, esattamente il contrario di quello che accade quotidianamente.

Facciamo appello alla partecipazione alla manifestazione del 16 gennaio 2016 contro la guerra.

Roma 12 dicembre 2015

Venezuela, la mobilitazione permanente dei media

di Gerladina Colotti – il manifesto

Intervista ad Enza Garcia, storica dell’arte e giornalista professionista, dirige l’emittente di Caracas Alba Ciudad, 96.3 fm.

“Adesso arrivano i prodotti nei supermercati: partite di maionese scadute, farina prodotta a luglio, medicine. Una prova evidente che si è trattato di merce accaparrata, nascosta per provocare malcontento contro il governo”. Enza Garcia, storica dell’arte e giornalista professionista, mostra al manifesto le foto inviate dai corrispondenti. Enza dirige l’emittente di Caracas Alba Ciudad, 96.3 fm.

Una radio che, al comando di un’agguerrita equipe di reporter e tecnici, conduce inchieste scomode e programmi seguiti, tramite internet, in ogni parte del mondo. Alba Ciudad dipende dal ministero della Cultura, ma “funziona come un medio comunitario, autonomo e vicino ai movimenti. Siamo tutti di sinistra – dice – ma nessuno ha la tessera di un partito. Io vengo da un’esperienza del cristianesimo di base, la radio dei gesuiti Fé e Alegria, l’unica che ha dato notizia di quel che accadeva durante il colpo di stato del 2002”.

Da 14 anni, Enza Garcia conduce anche un seguitissimo programma radio dal titolo La Ventana: una finestra sull’attualità venezuelana vista dai quartieri popolari.

Cosa ha ascoltato dalla sua Finestra, perché i quartieri chavisti sono mancati all’appello?
La sconfitta era nell’aria, ma nessuno immaginava potesse essere di proporzioni simili, tali da consentire all’opposizione di avere la maggioranza qualificata e di mettere le mani sull’Assemblea. Ritardi e titubanze del governo, non hanno saputo contrastare la guerra economica, la propaganda psicologica alimentata dai più diversi allarmi fatti circolare nelle code ogni giorno. Dopo sei ore sotto il sole cocente ad ascoltare gli agitatori parlare male del chavismo, la gente – soprattutto le donne – tornava a casa distrutta, senza voglia di accendere i canali d’informazione, preferendo vedere quelli privati di intrattenimento. In molti hanno finito per guardare con disinteresse, o con fastidio, anche la consegna di case, di computer e di tablet agli studenti, mentre venivano taglieggiati dagli alti prezzi e denunciavano inutilmente la corruzione esistente nelle reti governative.

Il Psuv, anziché concentrarsi sulla campagna elettorale, avrebbe dovuto investire di più su questi problemi, smascherare corrotti e conniventi, invece lo ha fatto con ritardo. Il proceso bolivariano ha cambiato il volto del paese, ma in molti hanno continuato a sabotare dall’interno. In certe sue parti, il Psuv ha mantenuto il funzionamento clientelare della IV Repubblica, ha una struttura modello Accion Democratica. Vi sono sindacati corporativi che non pensano al bene comune, ma solo a mungere di più lo stato. Per questo, Chavez ha spinto per l’organizzazione dei Consigli e delle Assemblee dei lavoratori.

Quando il Banco Central è stato nazionalizzato, tutti hanno conservato il posto di lavoro e ho visto molti funzionari andare in ufficio con la spilletta del Banco Santander. E anche nei supermercati Bicentenario parte della direzione amministrativa è rimasta fedele ai padroni di prima. Nel quartiere Catia, dov’è presente un mercato comunale che dipende dal municipio, si è speculato sui prezzi e gli accaparratori erano dappertutto. Nel 23 Enero ha agito il voto castigo promosso da alcuni collettivi e componenti anarchiche: che a parer mio hanno atteggiamenti infantili, una sinistra da tavolino che litiga per scrivere documenti ma non sa lavorare nelle comunità. Noi dicevamo: attenzione che così ci castighiamo da soli, ma solo ora il popolo degli astenuti si è reso conto delle conseguenze.

E sta tornando in piazza per ricostruire la riscossa contro una destra che vuole smontare lo stato sociale, cambiare la costituzione e cacciare il presidente. Il Psuv resta però il primo partito del paese, con il 41%. Primero Justicia, il più votato del cartello di opposizione, segue a venti punti di distanza. Nel complesso, l’opposizione è aumentata di poco. C’è stata una disaffezione al voto a scapito del chavismo. E’ mancato quello dei più giovani, cresciuti nella rivoluzione, per i quali essere di opposizione corrisponde a uno status. Hanno studiato, si sono laureati grazie al socialismo. Oggi siamo secondi in America latina per matricole universitarie e quinti nel mondo. Ma non sopportano l’etichetta di “marginali” che l’opposizione attribuisce al chavismo. Un’amica che lavora tutto il giorno per aiutare i genitori malati, ha un fratello laureato che non aiuta in famiglia perché lo considera disdicevole per un professionista. Il povero che ora si sente classe media si identifica con le classi dominanti per ottenere maggiori vantaggi o per paura di perderli. Per quanto riguarda il voto indigeno – il chavismo ha un deputato sui 3 previsti – hanno giocato le differenze interne alle varie popolazioni, e una difficile situazione di frontiera con gli Yupka, che hanno avuto tanti morti a causa dei latifondisti.

Qual è il suo giudizio sui media venezuelani?
L’imparzialità è un’ipocrisia. L’osservazione della realtà è filtrata dai modelli e dagli strumenti che agiscono nella mente del giornalista, frutto della sua storia. Questo è ancora più evidente in una società polarizzata come la nostra, in cui l’informazione è prevalentemente gestita dal sistema privato. I giornalisti sono militanti politici. Chi lavora per i grandi gruppi occulta il lavoro positivo che ha fatto lo stato, enfatizza i difetti della parte avversa e tace sui propri padroni o committenti pubblicitari. Dall’altra, i giornalisti sono a volte poco reattivi. Prima di tutto, contano i principi base del giornalismo, raccontare i fatti confrontando le opinioni per consentire al lettore di formarsi la sua: anche a costo di subire le critiche di quella parte del popolo che ci rimprovera di dare spazio alla parte avversa, che ne ha già tanto di suo. I media comunitari, per questo, sono preziosi, anche se scontano lo snobismo dei giornalisti titolati, laureati nelle scuole. Ora la legge della comunicazione popolare, approvata dal parlamento ancora chavista dà più norme e protezione alla comunicazione alternativa. E tutti siamo in mobilitazione permanente, pronti a parare i colpi di una destra aggressiva che vuole metterci il bavaglio.

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: