Il Circolo PD ungherese rifiuta Leopoldo López

All’attenzione degli Onorevoli:

Rampi Roberto, Schirò Gea, Verini Valter, Piccolo Salvatore, Lacquaniti Luigi, Manfredi Massimo, Minnucci Emiliano, Romanini Giuseppe, Ginoble Tommaso

Oggetto Mozione 1/01007
Budapest, 20 ottobre 2015

Cari compagni e care compagne,

è con profondo dispiacere che il Circolo PD Ungheria è venuto a conoscenza della mozione in oggetto, concernente la richiesta al governo italiano di intervenire a favore di tale López Leopoldo, attualmente detenuto, affinché venga disposta la sua scarcerazione in contravvenzione con la condanna legittima imposta dall’autorità giudiziaria venezuelana.
Tale mozione si fonda su criteri che, ad un’attenta analisi dei fatti, risultano quantomeno imprecisi, quando non del tutto errati.

A cominciare dall’episodio dell’interdizione dai pubblici uffici di López, insieme a “300 politici” da voi citati come prova di un tentativo di eliminare l’opposizione.
Coloro che hanno informato i compagni firmatari hanno forse omesso il fatto che, in mezzo a tali politici, vi erano moltissimi amministratori appartenenti al partito di governo, tali arresti furono la conseguenza di una seria lotta alla corruzione, ampiamente appoggiata dalla popolazione e tutt’ora in corso.

Quanto al personaggio in questione poi, non si è evidenziato per nulla il fatto che, rampollo di una delle famiglie più potenti del paese, coinvolto in episodi di corruzione legato ad istituzioni finanziate dalla CIA, López ebbe un ruolo di primo piano nel tentativo di golpe del 2002, che intendeva rovesciare il governo legittimamente eletto (come evidenziato dagli osservatori internazionali e dal Centro Carter, che hanno monitorato le ultime 20 elezioni nel paese sudamericano giudicandole corrette al 100%) del presidente Hugo Chávez. Lo stesso López ha più volte incitato alla violenza in passato, e non ha esitato ad associarsi a personaggi come Alvaro Uribe, ex presidente colombiano con diversi procedimenti in corso per corruzione è legato agli ambienti paramilitari di estrema destra che danno insanguinando il paese.

Riguardo le irregolarità sul processo, Sarebbe innanzitutto utile conoscere la fonte di tale informazione, dato che l’apparato giudiziario venezuelano, senza nascondere alcuni problemi frutto di decenni di mala amministrazione, e (peraltro comuni a quasi tutti i paesi latino americani) certo non ascrivibili all’attuale governo socialista, rimane un potere la cui indipendenza non può venire messa in dubbio sulla base delle dichiarazioni della moglie di López e dei suoi compagni di partito.

In quanto leader dell’opposizione López e moralmente responsabili per i 43 morti (ricordiamo che per la maggior parte si è trattato di appartenenti alle forze dell’ordine e sostenitori del governo socialista di quali nessuno paradossalmente pare interessarsi) causati dalle “guarimbas”, dal momento che i suoi incitamenti alla ribellione ma soprattutto i continui riferimenti a lottare fino all'”uscita” dell’attuale governo hanno sicuramente infiammato gli animi con tragiche conseguenze. Mi permetto quindi di chiedere a nome del nostro circolo di riconsiderare il vostro contributo alla suddetta mozione alla luce della necessità di sostenere il governo socialista in corso e semmai promuovere la pace l’armonia del paese facilitando quindi anche il miglioramento dei rapporti tra governo e opposizione.

I traguardi del governo socialista nella lotta alla povertà, nell’alfabetizzazione, estensione della tutela sanitaria, diritto alla casa sono riconosciuti da prestigiose istituzioni internazionali (come la FAO), facilmente verificabili e chiaramente appoggiate dalla popolazione, è compito e interesse nostro quindi, come appartenenti alla famiglia socialista, che questa linea progressista continui, senza la costante minaccia di violenza da parte di un opposizione ripetutamente e legittimamente sconfitta nelle urne.

In separata sede ci rivolgeremo al PSE affinché il partito di López, Voluntad Popular, venga escluso dalla Internazionale Socialista (al momento si trova nello status “soggetto ad approvazione”) trattandosi, come noto in tutto il Sudamerica, di un partito chiaramente di destra, senza il minimo legame con i valori socialisti che tutti noi, spero, condividiamo e portiamo nel cuore.

Ringraziandovi per l’attenzione, porgo a tutti voi i miei auguri di buon lavoro.

Cordialmente,
Daniele Romeo
Il segretario
Circolo PD Ungheria “Imre Nagy” pdungheria@gmail.com
Tel. (0036) 203490792

Venezuela: nessuno parla delle vittime della destra

Leopoldo Lopez courtdi Fabio Marcelli – ilfattoquotidiano.it

Ho avuto occasione di incontrare, qualche giorno fa, i rappresentanti del Comitato delle vittime delle guarimbas venezuelane, che si trovano in Italia dove stanno vedendo vari rappresentanti delle forze politiche, innanzitutto Movimento Cinque Stelle, ma anche esponenti del Pd (deputato Fabio Porta, senatore Claudio Micheloni), di Scelta Civica (Claudio Zin) Gruppo misto (senatore Luis Alberto Orellana) e rilasciando interviste a giornali e televisioni.

Scopo di questa missione è informare l’opinione pubblica sulla vera natura e le reali cause dei disordini che si sono avuti in Venezuela causando 43 vittime. “Guarimba“, letteralmente “nascondino” è il nome dato alla peculiare forma di guerriglia urbana cui la destra si è dedicata per tutto un periodo, con lo scopo dichiarato di ottenere l’estromissione dal governo del presidente legittimamente eletto Maduro. Tale strategia è fallita, dato che Maduro è ancora al suo posto, ma ha purtroppo determinato la morte di 43 persone. In precedenza si erano avute altre nove vittime e decine di feriti, nel momento in cui le manifestazioni di giubilo per la vittoria di Maduro il 13 aprile 2013 venivano attaccate da oppositori armati.

Le 43 vittime risalgono invece al periodo, tra febbraio e giugno del 2014, in cui parte dell’opposizione sconfitta alle elezioni aveva deciso come accennato di passare a una strategia di tipo insurrezionale. L’invito a scendere in piazza per ottenere in modo violento la cacciata del governo chavista veniva formulato da dirigenti della destra quali Leopoldo Lopez, Maria Corina Machado e Antonio Ledezma. Per questi fatti la magistratura venezuelana ha recentemente condannato a quattordici anni di carcere Leopoldo Lopez.

Delle 43 vittime censite, alcune sono state uccise da franchi tiratori non identificati, altre da agenti della forza pubblica, altre ancora sono perite per incidenti o scoppio di bombe nel momento in cui tentavano di rimuovere le barricate installate dall’opposizione. Secondo il Comitato delle vittime della guarimba la maggioranza delle vittime è responsabilità diretta dei manifestanti violenti, fra di esse si trovano ben nove funzionari dei corpi armati dello Stato. Si sono altresì registrati assalti armati ad asili infantili e centri di salute. In alcuni casi le vittime sono manifestanti. Alcuni agenti della forza pubblica sono sotto processo per uso illegittimo delle armi in relazione a tali episodi.

Ho incontrato in particolare la vedova di Ramzor Bracho Bravo, trentaseienne capitano della Guardia Nazionale, ucciso a pistolettate nella città di Naguanagua, mentre stava soccorrendo un commilitone ferito. Mi ha molto colpito il fatto che la signora, che è tenente della Guardia Nazionale, mi abbia detto che è giusto che gli agenti della forza pubblica che hanno fatto ricorso in modo non legittimo alle armi siano processati e che, quando ha incontrato la moglie di Lopez al Parlamento europeo, le ha gridato: “Mio marito è stato ucciso, mentre il tuo è ancora vivo”.

Ho incontrato anche German Oscar Carrero, autista quaranteseienne che ha perso un braccio per una bomba che gli è stata scagliata addosso dai manifestanti mentre trasportava dei medicinali. Altri casi riferiti nell’opuscolo del Comitato sono quelli di Elvis Duran De la Rosa, decapitato da un filo di ferro mentre attraversava in motocicletta una barricata, Rosiris Reyes Rangel, uccisa mentre difendeva un Centro di salute da un assalto, Giovanni José Pantoja, sergente della Guardia nazionale boliviariana, ucciso a colpi di arma da fuoco mentre rimuoveva una barricata, Julio Gonzalez Pinto, pubblico ministero incaricato delle indagini sugli scontri, morto in un incidente stradale dovuto a una barricata, Hender Bastardo Agreda, ucciso mentre festeggiava la vittoria di Maduro, Henry Rangel La Rosa, morto in circostanze analoghe.

E’ molto importante che il Comitato delle vittime della guarimba possa comunicare con organi di informazione e forze politiche, al fine di ottenere un quadro più obiettivo e completo delle gravi violenze che si sono compiute in Venezuela nei periodi riferiti e che non debbono più ripetersi. Infatti in Italia e in altri Paesi europei tende a essere diffusa un’immagine totalmente falsa e mistificatoria che vede da un lato un governo repressivo e dall’altro un movimento vittima di repressione, immagine per accreditare la quale parte della stampa e dei media sono addirittura ricorsi alla pubblicazione di fotografie desunte da contesti geografici totalmente diversi. La realtà è molto più complessa ed articolata. Il ricorso alla violenza, per cui è stato condannato Leopoldo Lopez, è stato fortemente voluto dai settori apertamente fascisti della destra sconfitta ed attuato con l’intervento di settori organizzati, in particolari esponenti del paramilitarismo colombiano, specie nelle regioni di frontiera tra Venezuela e Colombia, ma anche in altre parti del Paese.

Il Comitato delle vittime della guarimba esige che sia fatta piena luce sui gravi episodi di violenza e sulle circostanze che hanno portato alla morte di oltre cinquanta cittadini venezolani, anche con l’obiettivo di evitare, per il futuro, che ci siano ancora vittime, e di scongiurare la guerra civile. Tale devastante ipotesi è nell’interesse solamente di una classe dominante spodestata ma pronta a tutto pur di tornare al potere ed è evidentemente contraria all’interesse della grandissima maggioranza dei cittadini venezuelani, favorevoli o meno al governo attuale.

Sarebbe opportuno lo capisse anche Amnesty International, cui recentemente è stata spedita una lettera aperta che critica la sua decisione di schierarsi a fianco di Lopez, definito a torto un prigioniero di coscienza. Sconfortante, a tale riguardo, il fatto che la sede romana di tale associazione abbia deciso di non incontrare il Comitato delle vittime della guarimba adducendo incredibilmente il fatto che l’agenda del suo Direttore fosse già piena. Elementi di forte riflessione per un’Associazione che ha fatto indubbiamente molto per i diritti umani ma che rischia oggi di perdere la sua credibilità e la sua autorevolezza, in relazione a tali episodi e altri, come le ingiustificate critiche nei confronti delle milizie curde del Rojava.

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: