Il “Cartello di Madrid” e la cospirazione contro il Venezuela

El “Cartel de Madrid” y los delitos de conspiración contra la patria venezolanadi Freddy Marcial Ramos – telesurtv.net

01 luglio 2015

Spettabili lettrici e lettori.

In una recente intervista realizzata dal giornalista Earle Herrera al Dott. Tarek William Saab, il quale attualmente ricopre la carica di Difensore del Popolo che risiede nella Repubblica Bolivariana del Venezuela e all’estero. L’intervista è stata trasmessa in diretta nel suo programma televisivo domenicale “El Kiosco Verás”, divulgato dall’emittente dello Stato Vtv Canal 8. Dunque in questa intervista il chiacchierone Herrera domanda al dott. Saab: che ne pensi del “club di Madrid”? Ed egli risponde: “[…] a quel gruppo di ex presidenti delle repubbliche orientati a destra e all’estrema destra, personalmente lo definirei ‘Il Cartello di Madrid’”! Esso è formato da ex capi di Stato che durante i loro governi hanno autorizzato e cooperato con i paramilitari, i narcotrafficanti, i terroristi, i corpi militari e polizieschi di cui si sono avvalsi anche i leader di estrema destra e della destra fascista, commettendo orribili assassini di massa contro chi si è opposto alle loro nefaste azioni di violazione dei diritti umani. Oppure verso uomini e donne innocenti vittime dei loro piani guerrafondai e terroristi che hanno classificato come “danni collaterali”.

Il dott. Saab ha proseguito: “Tutti quegli ex governanti sono stati e sono tuttora collaboratori o diretti impiegati dell’apparato di sicurezza del Dipartimento di Stato degli USA (CIA – FBI) e la violazione dei diritti umani è diretta conseguenza degli organismi di sicurezza dello Stato a cui appartengono coloro che hanno governato”. Saab ha anche aggiunto che: “Questo cosiddetto ‘Cartello di Madrid’ è formato da: Sebastián Piñeira (Cile), che ha maltrattato gli studenti, la classe operaia e gli indigeni “Mapuches” durante il suo governo ed è anche un piccione del dittatore Augusto Pinochet; Felipe Calderón (Messico), il quale durante il suo governo ha fatto uso della forza militare, paramilitare e poliziesca per commettere uccisioni e flagrante violazione dei diritti umani del popolo messicano con il pretesto di combattere il narcotraffico, irrobustendo inusitatamente questo settore criminale; Álvaro Uribe Vélez (Colombia), creatore e difensore delle Fuerzas Unidas de Colombia (FUC). Formazione paramilitare che, congiunta ai cartelli dei narcotrafficanti, ha massacrato e tuttora massacra centinaia di dirigenti politici dell’opposizione e migliaia di colombiani e colombiane, contadini e indigeni, spogliandoli delle loro proprietà e terre ancestrali con il presunto obiettivo di rendere applicabile l’indesiderato e fallimentare “Plan Patriota – USA”. Ma in realtà costituisco azioni di repressione politica per proteggere gli interessi degli empori imprenditoriali transnazionali; José María Aznar (Spagna), piccione nazifascista del generale Francisco Franco, durante il suo governo ordinò l’impiego dell’esercito spagnolo per appoggiare George Walker Bush (padre e figlio). Entrambi noti governanti criminali di guerra dell’impero capitalista neoliberale degli USA, i quali pianificarono, finanziarono, coordinarono, promossero e attuarono le guerre contro i Balcani, Afganistan, Iraq e altri paesi del cosiddetto “Corno d’Africa”. José María Aznar è stato uno dei primi governanti che appoggiarono il “colpo di stato del 2002”, compiuto dall’oligarchia venezuelana rappresentata da Pedro Carmona Estanga e la sua combriccola di golpisti militari e civili. Ancora oggi, insieme alla direzione del “Partido Popular Español” (PP), presieduto dall’attuale capo dello Stato, Mariano Rajoy, continuano ad appoggiare finanziariamente la realizzazione di cospirazioni e colpi di stato contro la nostra patria venezuelana”.

Il dott. Saab ha aggiunto anche che “il detto ‘Cartello di Madrid’ è stato una creazione di Felipe González (grandissimo amico dell’ex capo di stato venezuelano Carlos Andrés Pérez), ex mandatario spagnolo che secondo quanto afferma il sito web ‘La Iguana Tv’, durante i suoi primi cinque anni di governo in Spagna sono esistiti i cosiddetti gruppi antiterroristi di liberazione, una formazione paramilitare che praticò il terrorismo di stato contro il gruppo ribelle basco, ETA. Questi paramilitari, più noti come GAL, hanno agito tra il 1983 e il 1987 e sono stati responsabili della morte di 27 persone.

Felipe González ha ingannato il paese quando lo ha spinto a formar parte della NATO, accordando la presenza di basi militari nordamericane in suolo spagnolo. Eliminò le organizzazioni di base e i sindacati. Oltre ai già elencati ex mandatari coordinati dal Dipartimento di Stato e dal Congresso degli USA, formano anche parte di questo “Cartello di Madrid” altri non meno conosciuti per le violazioni dei diritti umani dei cittadini e delle cittadine residenti nei paesi che hanno governato. Tra questi si possono annoverare: Oscar Arias, presidente della Costa Rica (1986-1990; 2006-2010); Micheline Calmy Rey, presidentessa della Svizzera (2007 e 2011); Fernando Henrique Cardoso, presidente del Brasile (1995.2003); Philip Dimitrov, primo ministro della Bulgaria (1991-1992); Vicente Fox, presidente del Messico (2000-2006); Eduardo Frei, presidente del Cile (1994-2000); Osvaldo Hurtado, presidente dell’Ecuador (1981-1984); Chandrika Kumaratunga, presidentessa dello Sri Lanka (1994-2005); Aleksander Kwasniewski, presidente della Polonia (1995-2005); Luis Alberto Lacalle, presidente dell’Uruguay (1990-1995); Ricardo Lagos, presidente del Cile (2000-2006); Zatko Lagumdzija, primo ministro della Bosnia Herzegovina (2001-2002); Yves Leterme, primo ministro del Belgio (2008; 2009-2011); Ruud Lubbers, primo ministro dei Paesi Bassi (1982-1994); Antônio Mascarenhas Monteiro, presidente delle isole di Capo Verde (1991-2001); Andrés Pastrana, presidente della Colombia (1998-2002); Iveta Radicova, primo ministro della Slovacchia (2010-2012); Petre Roman, primo ministro della Romania (1989-1991); José Manuel Ramos Horta, presidente di Timor-Leste (2007-2012); Olusegun Obasanjo, presidente della Nigeria (1976-1979 e 1999-2007); Julio Maria Sanguinetti, presidente dell’Uruguay (1985-1990 e 1995-2000).

Il mediatico “club di Madrid” che, secondo quanto afferma il dott. William Saab, rappresenta il “Cartello di Madrid”, pretende continuare ad agire contro il governo legittimo e costituzionale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, presieduto dal coraggioso leader operaio e chavista Nicolás Maduro Moros. Questi signori si stanno dando da fare per intromettersi negli affari interni della nostra patria venezuelana, violando in modo flagrante, mediante le loro azioni cospirative, gli accordi stabiliti con le nazioni aderenti allo “Statuto di Roma” in materia di Diritto Internazionale (i quali non sono stati firmati dagli USA e da alcuni altri paesi governati da mandatari sepoy). L’ex presidente spagnolo Felipe González pretende farsi passare per il Difensore giuridico delle seguenti personalità: Leopoldo López, Antonio Ledezma, insieme con altri cospiratori, golpisti o terroristi che in questo momento sono agli arresti per aver violato quanto previsto nell’art. 128 paragrafo unico del Codice Penale Venezuelano (CPV), dove recita: “Chiunque, in accordo con un paese o Repubblica straniera, nemici esterni, gruppi o associazioni terroriste, paramilitari, insorgenti o sovversivi, cospiri contro l’integrità del territorio della patria o contro le istituzioni repubblicane o li utilizzi per qualsiasi altro scopo per il conseguimento di questi fini, sarà punito dai venti ai trent’anni di prigione”.

Nel paragrafo unico del CPV si legge: “Chi fosse coinvolto in qualsiasi dei casi sopraddetti non avrà diritto a godere dei benefici processuali della legge, né l’applicazione di misure alternative per il corretto adempimento della pena”.

Tuttavia la difesa dei cospiratori golpisti pretende che ai loro assistiti siano conferiti i diritti previsti del “Codice Organico Processuale Penale” (COPP) in vigore. Condizione giuridica inapplicabile in questo caso. Purtroppo il sistema giuridico corrente adottato dallo Stato rivoluzionario venezuelano, garante fino all’ultimo della “Costituzione della Repubblica Bolivariana (CRBV)” e dei Diritti Umani Fondamentali dei cittadini e delle cittadine, ha concesso dei benefici ad alcuni dei golpisti che sono stati privati della loro libertà con sentenza del Tribunale come “Politici prigionieri per i crimini commessi” e nonostante si è consapevoli che con questi procedimenti giuridici si viola quanto previsto dall’art. 128 del COPP suddetto. Che vi sembra?

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione  di Vincenzo Paglione]

I commenti sono chiusi.
"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: