(VIDEO) Napoli 25lug2015: Assemblea Popolare e concerto

ORGANIZZARSI E COORDINARSI

Tenere aperte le aziende! Creare posti di lavoro! Costruire l’alternativa!

Non sono i padroni ad essere forti, sono gli operai e le masse popolari che devono fare valere la loro forza!

APPELLO DEGLI OPERAI E DELLE OPERAIE DEL PORTO DI NAPOLI PER UN’ASSEMBLEA POPOLARE E NAZIONALE

Abbiamo deciso di resistere all’attacco da parte dei padroni e contro il governo il cui decreto Sblocca Italia prevede, tra le altre cose, l’eliminazione di gran parte delle Autorità Portuali, organi di governo dei porti, ulteriore avanzata del processo di privatizzazione delle strutture produttive e di eliminazione di posti di lavoro. Solo nel porto di Napoli sono 500 i lavoratori a rischio! Abbiamo deciso di occuparci delle nostre aziende per impedire che vengano chiuse, ridimensionate, delocalizzate.

Per quanto sia ragionevole, giusto, legittimo rivendicare “più diritti”, “più lavoro”, protestare contro questo corso delle cose, finché le operaie e gli operai e gli altri lavoratori lasciano nelle mani delle attuali autorità il compito di trovare soluzioni e attuare le misure di emergenza che sono necessarie, le cose non possono cambiare e non cambieranno.

La nostra è un’iniziativa con cui intendiamo promuovere lo sviluppo del coordinamento per le lavoratrici e i lavoratori dei porti di tutta Italia, di Ancona, di Genova, di Livorno, di Salerno, di Taranto, di Trieste e di tutti gli altri, e mira a coordinarsi anche con le lotte di tutti gli operai, di tutti i lavoratori e di tutte le masse popolari del paese.

Vogliamo coordinarci con tutti quelli che sono sempre più colpiti dalla crisi del capitalismo che si aggrava e si estende, con uno smantellamento industriale in tutte le parti d’Italia, con una lacerazione del tessuto produttivo in intere aree e in fabbriche che costituiscono centri di produzione vitali per intere città e regioni.

Noi lavoratori possiamo e dobbiamo coordinarci contro un governo che attacca i diritti e le conquiste della classe operaia e delle masse popolari nel campo del lavoro (ultima misura è il Jobs Act), della scuola, della sanità, dell’ambiente: in ognuno di questi campi e in tutti gli altri che riguardano la vita delle masse popolari il governo Renzi interviene a fianco dei padroni, dei Marchionne e di tutti gli altri per eliminare tutto quanto abbiamo conquistato e per negare il futuro alle giovani generazioni.

Possiamo e dobbiamo coordinarci con gli operai della FIAT di Pomigliano, di Melfi, di Termoli, di Cassino e degli altri stabilimenti, con gli operai della siderurgia di Terni, di Taranto, di Piombino, con gli operai della Fincantieri, con gli operai che si organizzano in comitati e si coordinano, come alla Piaggio di Pontedera, alla Continental di Pisa, alla GKN e alla CSO di Firenze, con gli operai e le operaie in lotta alla Fiber di Bergamo, alla  Nuova Sinter di Arzano, alla Avio Interiors di Latina, all’IKEA, all’ALCOA, con i lavoratori delle Aziende Partecipate di Napoli e con tutti i lavoratori che si organizzano nelle aziende pubbliche, nelle amministrazioni, negli ospedali, nelle scuole, nei trasporti, con i disoccupati, con gli studenti, con gli immigrati, donne, con chi lotta per la casa, per l’acqua, per difendere i beni comuni e l’ambiente, i movimenti NoTAV e NoMUOS.

Possiamo e dobbiamo coordinare le azioni di lotta e confrontarci per iniziare ad elaborare e sperimentare la messa in campo di possibili misure atte alla ripresa delle produzioni utili alla collettività o alla conversione di quelle dannose, salvaguardando i posti di lavoro, i diritti e le condizioni di vita dei territori, creando nuovi posti di lavoro.

Possiamo farlo, se non restiamo chiusi a chiedere soluzioni a chi, come Renzi, come Marchionne e come tutti gli altri, non può né vuole darcene, se non restiamo fermi allo sdegno, alla denuncia, alla protesta, alla rivendicazione. Possiamo farlo mettendo a confronto le rispettive esperienze di organizzazione e di lotta, pensandoci e ponendoci come artefici di una nuova governabilità dal basso, occupandoci direttamente del futuro delle aziende, sperimentando misure d’emergenza a partire da quella centrale:

UN LAVORO UTILE E DIGNITOSO PER TUTTI!

 

Possiamo UNIRE veramente le migliaia di forme in cui si esprime la resistenza degli operai, di tutti i lavoratori, dei giovani, delle donne, di chi lotta per la difesa dell’ambiente, per la difesa dei beni comuni, della Costituzione, del patrimonio che ci ha lasciato la Resistenza, insomma di tutte le mobilitazioni in corso tra le masse popolari. Possiamo unire e unirci non tanto e non solo stando fermi a resistere alla guerra non dichiarata che la classe dominante conduce contro la classe operaia, tutti i lavoratori e le lavoratrici e tutte le masse popolari del nostro paese, ma muovendoci insieme nelle fabbriche, nelle città e nelle campagne, passo dopo passo, ciascuno organizzandosi nel suo ambito di lavoro, di vita, di interesse, come istituzioni di governo della produzione e dei territori, come fondamento di un’alternativa politica e di una nuova governabilità che dia a quello che decidiamo e facciamo in ogni nostro ambito forma di legge che regola l’economia, la politica e la società in tutto il paese.

Il 25 luglio del 2015, nell’ambito della Festa Nazionale della Riscossa Popolare – 22 al 27 luglio, terremo il dibattito su Organizzarsi e coordinarsi, tenere aperte le aziende, creare posti di lavoro, costruire l’alternativa. Lo terremo nel porto di Napoli.

 

Invitiamo le organizzazioni operaie e popolari del paese a contribuire alla costruzione di questa iniziativa, invitiamo tutti i sinceri democratici, gli intellettuali, gli attivisti, i sindacalisti che difendono gli interessi dei lavoratori, tutti quelli che hanno a cuore il progresso del paese a partecipare, ad inviarci la loro adesione, a sottoscrivere questo appello.

Al dibattito del 25 luglio 2015 seguirà un concerto di sostegno alla nostra lotta, organizzato nella Festa della Riscossa Popolare al Parco dei Camaldoli, a Napoli. Agli artisti che porteranno il loro contributo con le loro parole, la loro musica, i loro messaggi di solidarietà, auspichiamo se ne aggiungano molti altri, cantando e suonando insieme come, ad esempio, hanno fatto per l’Aquila dopo il terremoto, perché anche qui dobbiamo ricostruire un paese devastato, e lo faremo,  perché sappiamo e impariamo a farlo e sappiamo come sbarrare il passo a chi continua a devastarlo. Il concerto porterà il primo contributo a una cassa di resistenza e di mutua solidarietà come quelle che abbiamo imparato a costruire fino dalle origini del movimento operaio organizzato, il nostro movimento che oggi con maggiore coscienza, fiducia e forza di ieri si mette all’opera per garantire gli interessi e le aspirazioni di tutte le masse popolari italiane, per un nuovo governo del paese e per una nuova società.

COMITATO LAVORATORI PORTO di NAPOLI

comitatolavoratoriporto@gmail.com tel. 339 2077715 . in fb: Comitato Lavoratori Porto Napoli

Adesioni

Collettivi Operai e Lavoratori

  • Comitato di Lotta Cassintegrati e Licenziati FCA di Pomigliano d’Arco
  • Cobas Richard Ginori, Sesto Fiorentino
  • Comitato Lavoratori del Golfo di Gaeta
  • Coordinamento Lavoratori Portuali di Trieste
  • Comitato Cassintegrati Telecom di Ostuni

Operai,  lavoratori singoli, studenti

  • Mimmo Mignano per i cinque licenziati politici FCA, Pomigliano d’Arco
  • Mimmo De Stradis, RSA FIOM FCA Melfi – Coordinamento dei Lavoratori FCA del Centro SUD
  • Franco Rizzo, RSU USB ILVA Taranto
  • Emanuele Salvati, operaio AST, Terni
  • Domenico Loffredo, RSA FIOM FCA Pomigliano
  • Nunzia Amura, operaia Alenia, coordinatrice Fronte Unito dei Lavoratori della Campania, Napoli
  • Giuseppe Iapicca, RSU FIOM GKN, Campi Bisenzio (FI)
  • Gabriele Ravì, operaio, GKN, Campi Bisenzio, Firenze.
  • Andrea Tortora, operaio FCA Pomigliano
  • Paolo Casole,   operaio Piaggio  Pisa
  • Mario Maddaloni, RSU CGIL (area SAC) ENI-NAPOLETANAGAS, Napoli
  • Claudio Goffi, operaio, attività ferroviarie, Roma
  • Amedeo Testa, operaio ENI-NAPOLETANAGAS, Napoli
  • Giuseppe Severgnini, operaio SAME, Brignano
  • Luiso Francesco, operaio SAME, Arcene
  • Defendini Roberto, operaio SAME, Treviglio
  • Soldati Cristiano, operaio SAME, Treviglio
  • Pucci Pasquale, operaio SAME, Pagazzano
  • Massimiliano Finardi, operaio SAME
  • Barbeta Savino, operaio SAME, Treviglio
  • Cozzi Davide, operaio SAME, Caravaggio
  • Tresoldi Gabriele, operaio SAME, Treviglio
  • Roglio Ivana, operaia SAME, Treviglio
  • Missoni Daniela, operaia SAME, Treviglio
  • Seresini Noris, operaio SAME, Fara D’Adda
  • Tarenghi Livia, impiegata SAME, Treviglio
  • Claudio Boccardi, archivista SAME, Treviglio
  • Piero Azzoli, operaio, FCA Cassino
  • Maurizio Getti, operaio (disoccupato), Spoleto
  • Michele Caligiana, operaio, Perugia
  • Riccardo Giustarini, operaio Whirlpool, Siena
  • Rita Vada, operaia Whirlpool, Siena
  • Massimo Scali, operaio Whirlpool, Siena
  • Giuseppe Furi, operaio Whirlpool, Siena
  • Serena Sani, operaia Whirlpool, Siena
  • Carlo Nieri, operaio Whirlpool, Siena
  • Laura Lenzini, operaia Whirlpool, Siena
  • Cristiano Bisogni, operaio Whirlpool, Siena
  • Fiorenzo Bertocchi, operaio, Segretario provinciale PRC Brescia.
  • Angelo Davoli,   autista Amt   Genova
  • Maurizio Nesci, ATM, Milano
  • Raffaele D’Angelo, ATM, Milano
  • Massimiliano Pedrarenetti, Impiegato ATM, Milano
  • Paolo Vittori, operaio in ATM, Milano
  • Vincenzo Signovello, operaio in ATM, Milano
  • Anna Maria Cariglia, ATM, Milano
  • Francesco Mariani, ATM, Milano
  • Gaetano Bellavia, ATM, Milano
  • Giancarlo Di Lairano, operaio in ATM, Milano
  • Salvatore Daniello, operaio in ATM, Milano
  • Giovanni Vezzoli, operaio in ATM, Milano
  • Oscar Gerosa, operaio in ATM, Milano
  • Davide Stoppini, impiegato in ATM, Merate (MI)
  • Alessandro Botton, operaio in ATM, Milano
  • Vincenzo Iovine, operaio in ATM, Brugherio (MI)
  • Gioacchino Terrasi, elettrauto in ATM, Pozzuolo Martesana (Milano)
  • Stefano Santinoli, impiegato in ATM, Voghera (PV)
  • Ruocco Gennaro, operaio in ATM, Milano
  • Andrea Manca, autista ATM, Milano
  • Monica Bassi, autista ATM, Milano
  • Stefano Norcini, infermiere, delegato RSU, promotore del Comitato Lavoratori Utenti Ospedale Meyer, Firenze
  • Emanuele Falsetti, operatore sociale, Coordinamento USB Appalti, Firenze
  • Barbieri Pietro, capotreno, Bergamo
  • Scalise Raffaele, macchinista Trenord, Bergamo
  • Alberto Bonavoglia, capostazione, Bergamo
  • Carissimi Serafino, ferroviere Trenord, Bergamo
  • Lorenzelli Vittorio, ferroviere Trenord, Bergamo
  • Corsini Giacomo, ferroviere, Bergamo
  • Piccoli Vera, capotreno, Bergamo
  • Ginocchi Loreto, macchinista, Bergamo
  • Spadafora Carmine, macchinista (LC)
  • Crisalli Antonino, capotreno, Bergamo
  • Caracciolo Domenico, capotreno, Bergamo
  • Not Federica, capotreno Milano- PG
  • Zema Luciano, capotreno Milano- PG
  • Martino Domenico, ferroviere, Bergamo
  • Giuseppe Ceprano, ferroviere, Bergamo
  • Mendola Giuseppe, ferroviere, Bergamo
  • Antonio Panella, ferroviere, Bergamo
  • Nazzareno Condina, macchinista Trenord, Verdellino (BG)
  • Daniele Paparotto, capotreno, Bergamo
  • Franco Damele, ferroviere, Milano
  • Claudiano Borriello, ferroviere, Milano
  • Minelli Giuseppe, ferroviere, Brescia
  • Mora Roberto, contadino pensionato, Caravaggio
  • Pedrini Lorenza, pensionata, Bergamo
  • Pedrini Angiola, pensionata, Bergamo
  • Roberta Vavassori, commessa, Seriate
  • Geneletti Patrizia, insegnante, Bergamo
  • Luigi Carpentiero, medico, Medicina Democratica, sezione Pietro Mirabelli, Firenze.
  • Marco Spezia, ingegnere, esperto di sicurezza sul lavoro, La Spezia.
  • Claudia Mumoli, insegnante, COBAS scuola, Napoli
  • Stefano Moreno, operatore culturale, Napoli
  • Daniele Erasmo, VVD, USB, Napoli
    Raffaele Mangiapili, VVD, USB, Napoli
    Rochi Geneletti, macchinista TreNord, Bergamo
    Giovanni Carlo Donati, pensionato, Spoleto
    Michele Panico, disoccupato, Maggione (PG)
    Sergio Bisiani, operatore sanitario, Cooperativa Sorriso sul Mare, Gaeta
    Aldo Tosi, collaboratore scolastico, Perugia
    Marco Nassini, medico, Bernareggio, Bergamo
    Alberto Bocchini, progettista, Spoleto
    Maria Soranidis, pedagogista, Spoleto
    Paolo Patella,  disoccupato, militante NO TAV Val Susa
    Valerio Colombardi, pensionato, militante NO TAV Val Susa
    Ezio Richetto, pensionato, militante NO TAV Val Susa
    Carmine Fungillo, ASIA, RSU CGIL Napoli
    Canzio Visentin,  dipendente pubblico   Ravenna
    Michele Venturoni, studente, Manerba del Garda (BS)
    Samuel Magarotto, disoccupato, Gardone Riviera (BS)
    Sacha Pino, disoccupata, Torino
    Alessandro Scattolo, studente, Desenzano del Garda (BS)
    Alessandra Zanini, dietista, Brescia
    Guido Fissore, militante NO TAV Val Susa, ex consigliere comunale di Villar Focchiardo imputato nel maxi processo per i fatti del luglio 2011 a Chiomonte

Organismi                                                                                                         

Casa Rossa, associazione politica, Spoleto
ALBAinformazione – per l’amicizia e la solidarietà tra i popoli
ANROS Italia, Napoli

Esponenti istituzionali

Amarylis Gutierrez Graffe, console della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli
Vincenzo Durante, Consigliere comunale Cassino

Artisti

Michele Salvemini, detto Caparezza, cantautore,
Daniele Sepe, musicista, Napoli
Andrea Tartaglia, cantautore, Napoli
Enrico Capuano, cantante, Roma
Banda Bassotti, Roma
Bisca, gruppo musicale, Napoli
Oyoshe, cantante rap, Napoli
O’ ROM, gruppo musicale, Napoli
Roberto Colella, gruppo La Maschera, Napoli
Blindur, gruppo musicale, Napoli
Pietro De Luca Bossa, batterista dei Delucao, Napoli
Mario Insenga, musicista dei Blue Staff, Napoli
Musicisti Basso Lazio gruppo musicale Frosinone
Paolo Romano, cantante, Napoli
Malacrjanza Feat Tony Cercola (gruppo musicale, Napoli)
Marcello Coleman, cantante, Napoli
Antonio Cece, chitarrista Swunk Infusion, Napoli
Fernando Alfredo Cabrera, insegnante di tango, Napoli
Gennaro Minopoli, musicista, Napoli,
Massimo Pucci, musicista, Napoli
Francesco Coraggio, musicista, Napoli
Silvia Cannas, musicista, Napoli-Milano
Luca D’Apolito, musicista, Foggia
Vincenzo Salerno, musicista, Napoli
Vincenzo Di Martino, musicista, Napoli
Calatia Ensemble, gruppo di musica popolare, Caserta
Gianluca Di Bonito, cantautore operaio, Napoli
Pierpaolo Iermano, musicista, Napoli
KATAP, gruppo musicale, Napoli
SUDD, gruppo musicale, Napoli
Marco Piscopo, musicista, Napoli
Claudio Cimmino, musicista, Napoli
Collettivo Insorgenza Musica, Napoli
Pierpaolo Capovilla, Teatro degli Orrori e One dimensional man, cantautore, Roma,
Mario Romano, Quartieri Jazz, musicista, Napoli
Aldolà Chivalà, cantante, Napoli
Chiodo Fisso, gruppo musicale, Napoli

__

Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: