Lettera da Aleppo. Le stesse paure, le stesse minacce

da al manar 

La testimonianza del frate marista Georges Sabe da Aleppo, la seconda città della Siria, fino al 2011 motore economico del paese arabo. Oggi, Aleppo è ridotta in macerie, la popolazione soffre l’assedio delle bande terroriste. Frate George, con la sua congregazione, affrontando molti rischi, come la caduta dei razzi e i colpi di mortaio lanciati dalle bande armate, ha organizzato diverse attività per portare aiuto alla popolazione di Aleppo, senza distinzione di credo religioso, nello spirito di solidarietà e accoglienza che ha sempre caratterizzato il popolo siriano.

Ecco la sua testimonianza, il primo giorno di Ramdan ad Aleppo:

Oggi, 19 giugno 2015 è il primo Venerdì di Ramadan … Questa mattina, le strade erano quasi deserte. Tutti che ancora dormivano. I musulmani che digiunano sono rimasti svegli fino a tarda notte per poter fare colazione prima della preghiera dell’alba che annuncia l’inizio del digiuno.

Abbiamo distribuito oggi, il paniere alimentare mensile alle famiglie sfollate, nell’ambito del “Paniere marista Blu”.

La madre di Duha non è venuta. Infatti, la piccola Duha 5 anno è all’ospedale San Luigi da Domenica, ordinata come parte del progetto “Civili feriti dalla guerra.” È stata duramente colpita alla testa e alla mano dalle schegge. La sua famiglia vive in una delle zone più calde della città. Sono poveri. Non hanno quasi nulla. Questo quartiere è il più economico. L’ultima casa in cui hanno vissuto fino a domenica mattina è la casa della zia.

Negli ultimi 3 mesi, si erano trasferiti 2 volte, sempre nello stesso quartiere, ad alto rischio … Ogni colpo di mortaio che è caduto ha distrutto parte della casa, hanno dovuto cercare rifugio altrove. Douha tornerà a vivere in questo quartiere nelle stesse condizioni di insicurezza!

Per lei e molte come lei, abbiamo lanciato il progetto didattico “Io voglio imparare.” Come lei, molti ragazzi dei nostri progetti sono minacciati ogni giorno, così come i loro genitori, con armi da fuoco.

Penso a Hiba che finirà con tutta la sua famiglia di 8 persone per strada. Con tutte queste famiglie, troviamo le stesse paure, le stesse minacce, le stesse preoccupazioni, soprattutto, quando sono alimentate da alcune voci:  «So no qui hanno conquistato un tale quartiere,  una via. Li abbiamo visti, abbiamo visto la loro bandiera, abbiamo sentito il loro grido. Li abbiamo visti passare». Ma queste sono solo voci annunciate dai profeti di sventura.

Sì, è Aleppo, una città ricca di voci di una possibile invasione da parte dei gruppi armati. Come se non fosse già sufficiente per le persone vivere sotto la minaccia di bombardamenti e colpi di mortaio, devono vivere con ansia per il loro futuro

Dovremmo cercare una risposta? Non dovremmo creare il panico? Dovremmo preoccuparci e allarmare la gente? Cosa fare, come comportarsi, quale parola usare? Quale atto si può tradurre in fiducia? Quale gesto?

Molte le domande che ci impongono di noi maristi Blu, per essere portatori di speranza.

Quando, amici da tutto il mondo, ci contattate per avere notizie o per mostrare la vostra solidarietà e il vostro sostegno, noi respiriamo, prendiamo forza, siamo incoraggiati a continuare il percorso così difficile.

Stasera credo che tutti i nostri amici musulmani, per i quali il digiuno è il periodo di ritorno a Dio e agli uomini, qualsiasi uomo, in particolare, i più svantaggiati, i più poveri. Questo è il tempo di elemosina “Zakat”. Questo è il momento in cui ognuno ha il diritto all’”iftar”, il pasto che chiude il digiuno.

Penso ai miei amici ai musulmani che pregano e convertono i loro cuori. Durante il Ramadan, mentre il ritmo della vita cambia. Tutti i negozi, le attività culturali e ricreative ruotano per circa 29 giorni intorno a Ramadan, quando la vita si trasforma in culto e di fede.

In Siria, il Ramadan è un’occasione per condividere, ad aprirsi gli uni agli altri, vicini, parenti, amici Sono sempre stato colpito da qualsiasi persona che digiuna. La mamma di Kosai 5 anni, è venuta a pregarmi di convincerlo a non digiunare. Un accordo si è concluso, a giorni alterni

Nella tradizione dell’Oriente, nell’augurare musulmani un buon Ramadan, diciamo loro: “Mabrouk Ta3itkon”.  “Dio benedica la vostra obbedienza.” È il tempo di adeguare il loro stile di vita al ritmo della loro fede. Un esempio, un modello in questo terzo millennio.

I nostri amici musulmani hanno sempre rispettato i loro fratelli cristiani che non digiunano. Nulla viene imposto ai cristiani. Essi sono liberi di vivere la loro vita e la loro fede nella tradizione cristiana pura, senza alcuna minaccia o imposizione.

Eravamo lontani dal fanatismo che vuole imporre un punto di vista, uno visione. Quanto siamo lontani da quel estremisti mondo estraneo alla nostra storia e dalla nostra tradizione culturale. Noi abbiamo sempre rispettato la fede, la cultura e le tradizioni degli altri.

Oggi, vogliono convincerci che l’altro è un nemico. Vogliono convincerci che per vivere bisogna escludere l’altro. Vogliono convincerci che la diversità non dovrebbe esistere. Solo una dottrina, una visione, una legge e chiunque non aderisce è minacciati, perseguitato, emarginato e ucciso.

In questo grande mondo alla ricerca di un modo per offrire a Dio, vivere la propria fede e l’impegno per l’uomo sono un’eloquente testimonianza dei valori che danno significato.

[Trad. dal francese per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

EL BLOG DE CARLOS

Por un mundo mejor, posible y necesario

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: