Maduro recibe Premio Rodolfo Walsh en Argentina

por telesurtv.net

El presidente de Venezuela, Nicolás Maduro Moros, recibió el Premio Rodolfo Walsh, en reconocimiento a su lucha por la integración latinoamericana. El galardón fue otorgado de forma unánime por el Consejo Directivo de la Facultad de Periodismo y Comunicación Social de la Universidad Nacional de la Plata, en Argentina.

Esta casa de estudios se basó en el esfuerzo que viene realizando el mandatario para preservar la integración latinoamericana a fin de garantizar el bienestar de los pueblos.

La noticia fue anunciada a través de un boletín de prensa emitido por el Parlatino en el que indicaron que la Universidad destacó la democratización de las comunicaciones en Venezuela, mediante la creación de medios comunitarios.

En la nota, el profesor universitario y vicepresidente del Partido Socialista Unido de Venezuela (Psuv) para asuntos internacionales, Rodrígo Cabezas, comentó que “reconocen además las políticas de inclusión educativa y alfabetización del Estado Venezolano y la firme defensa contra los ataques golpistas de los grupos concentrados de medios de comunicación en el país y en la región latinoamericana y caribeña”.

Cabezas destacó que este reconocimiento académico que se le otorga al dignatario tiene un gran significado para el pueblo venezolano, pues lo recibe en momentos en los que se ha recrudecido la guerra mediática en su contra.

FAO premia Maduro per la lotta alla fame

Venezuela. Fao premia Maduro per lotta contro la fameda tribunodelpopolo.it

Per lo stupore della stampa occidentale, che non se ne capacita, la Fao (Food and Agricolture Organization) ha premiato il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, per il suo impegno e per i risultati conseguiti nella lotta contro la fame. Eppure secondo gli Usa, l’Europa e molti intellettuali alla “Saviano”, Caracas rappresenta un “regime”. Un “regime” talmente bizzarro da essere stato votato democraticamente.

Spesso quando si vuole perorare una causa piuttosto che un’altra sarebbe necessario partire da un punto fermo: conoscere i fatti. E’ sin troppo facile infatti definire buono o cattivo questo o quel paese sulla base del giudizio che spesso un pugno di opinion leaders affida troppo frettolosamente ai salotti Tv, più difficile approfondire e contestualizzare. A nostro avviso è quello che accade al Venezuela, paese vittima di una importante campagna di demonizzazione mediatica ormai da diversi anni proprio perché il suo governo, quello di Chávez prima, e di Maduro poi, è inviso all’occidente per ovvi motivi politici e geopolitici.

Il problema è che Hugo Chávez prima e Nicolás Maduro poi hanno vinto democraticamente le elezioni e di conseguenza la loro rivoluzione Bolivariana di stampo socialista è del tutto legittima. E quanti lamentano autoritarismo e tendenze autoritarie da parte del governo dovrebbero comunque compiere lo sforzo di ricordare che cosa fosse il Venezuela prima dell’avvento del chavismo, ovvero un paese poverissimo in balìa delle bande criminali, dell’analfabetismo e della corruzione spietata al servizio delle multinazionali e dei potentati stranieri.

Ai salotti non piaceva Chávez, militare dai modi spicci, e non piace Maduro, che con la sua semplicità fa arricciare il naso ai benpensanti opinion leaders di casa nostra, quelli che per intenderci abboccano ogni volta alle campagne di isteria e demonizzazione contro il “regime” di turno. Non piace nemmeno a personaggi come Saviano che, incautamente, hanno accusato Caracas di essere collusa con il narcotraffico prendendo per buone notizie di fonte Dipartimento di Stato Usa, ovvero lo stesso paese, gli Stati Uniti, che nel 2001 ha tentato un golpe contro il chavismo e che ininterrottamente finanzia e supporta l’opposizione di destra per destabilizzare il governo venezuelano.

Quella che però non si può occultare è la realtà, e infatti la Fao, ovvero il programma Food And Agricolture Organization delle Nazioni Unite, ha deciso di premiare proprio il presidente venezuelano Nicolás Maduro per il suo impegno nel combattere la fame in Venzuela.

“Il Venezuela è il Paese che ha combattuto di più la fame nel mondo, grazie ai programmi sociali di cibo e al lavoro quotidiano instancabile”, ha spiegato la Fao, che ha fatto riferimento al piano di sussidio istituito da Chávez nel 2003. Secondo recenti statistiche tale programma è riuscito nell’impresa di distribuire circa 26,5 milioni di tonnellate di prodotti alimentari, sconfiggendo la fame in quasi tutto il Paese.

Ma non è finita qui, anche se il Venezuela sta attraversando una difficile congiuntura economica a causa della crisi dovuta anche ai prezzi del petrolio, secondo la tv sudamericana Telesur, Maduro avrebbe deciso di chiedere un aumento delle spese per l’allargamento del piano voluto da Chávez: “Tra il 2015 e il 2016 saranno stanziati 24 miliardi di BsF per la costruzione di nuovi centri di distribuzione e supermercati Mercal”. Ma non si tratta solo di propaganda dato che è stato lo stesso Fao a riconoscere che il governo venezuelano ha diminuito la povertà del 50% nel 2012. Di fronte ai dati gli opinionisti cosiddetti e sedicenti “democratici” semplicemente non ne parlano, preferendo dare invece spazio a tutte le rivendicazioni dell’opposizione venezuelana, dipinta invece sempre e comunque con toni positivi.

 

(VIDEO) Napoli ripudia la campagna diffamatoria contro Cabello

YA_Italia_-_Napoles03da mre.gov.ve

I rappresentanti del Movimento di Solidarietà con il Venezuela a Napoli si sono recati presso la sede del Consolato Generale per manifestare sostegno al Governo Bolivariano e al Presidente dell’Assemblea Nazionale, Diosdado Cabello.

Hanno consegnato alla Console Amarilis Gutiérrez, un documento elaborato dalla redazione di ALBAinformazione – pubblicazione dell’Associazione Nazionale di Reti ed Organizzazioni Sociali (ANROS Italia) – e sottoscritto dalle associazioni Assadakah Napoli e Russkoe Pole. [Qui il VIDEO della lettura e consegna del documento]

Nel testo del documento si afferma: «… Ribadiamo il nostro sostegno al Presidente dell’Assemblea Nazionale venezuelana e dirigente fondamentale della Rivoluzione Bolivariana. Diosdado Cabello è vittima di accuse infamanti che non trovano alcun fondamento nella realtà e di intimidazioni dal sapore mafioso, come testimonia la squallida copertina di Newsweek che lo ritrae sotto tiro di un mirino telescopico».

È stato inoltre rilevato che in Italia alcuni media hanno preso parte a questa campagna mediatica, coinvolgendo giornalisti e intellettuali riconosciuti, come nel caso di Roberto Saviano.

I rappresentanti dei gruppi di solidarietà hanno evidenziato che «nonostante mistificazioni, menzogne, aberranti campagne mediatiche, tentativi di destabilizzazione violenta e guerra economica, il Venezuela Bolivariano gode di forza e prestigio internazionale».

Sottolineando che la Patria di Bolívar può far affidamento sul sostegno di grandi paesi come Cina e Russia, con i quali è in fase di costruzione il nuovo mondo multipolare.

«Il Venezuela socialista è forte perché il popolo è protagonista e ha in mano il proprio destino. È forte perché grazie alla Rivoluzione Bolivariana il reddito dei lavoratori è in continuo rialzo dal 1999, perché entro il 2019 il 40% dei venezuelani vivrà in una degna casa costruita per il benessere del popolo, perché sono state sconfitte fame e povertà con ampio anticipo rispetto al cosiddetto ‘Obiettivo del Millennio’ nonostante la pesante eredità lasciata dai governi neoliberali».

Il momento si è rivelato opportuno anche per coordinare il programma di lavoro della delegazione napoletana che si recherà a Bruxelles per il Vertice dei Popoli in programma da mercoledì 10 a giovedì 11 giugno 2015.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Hernández: La Siria può contare sul sostegno di Cuba

da sana.sy e Syria -L’altra faccia della rivolta 

Cuba ammira e sostiene il popolo siriano per la sua lotta contro i gruppi estremisti e mercenari addestrati all’estero, ha dichiarato a L’Avana Esteban Lazo, membro dell’Ufficio Politico del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba (PCC) e il presidente dell’Assemblea nazionale del potere popolare.

Il presidente del Parlamento cubano ha detto ad Hilal al-Hilal, vice segretario generale del partito socialista arabo Baath e alla sua delegazione che l’unità e l’integrazione aiuteranno a superare il nemico e possono contare sulla solidarietà cubana nella loro resistenza all’aggressione criminale.

Da parte sua, il Vicepresidente cubano, José Ramón Machado Ventura, in occasione del suo incontro con il Segretario Regionale aggiunto del Partito Socialista Arabo Baath, Hilal Al-Hilal, ha dichiarato che la fermezza del popolo siriano e il suo sostegno all’esercito sono il segreto della vittoria.

«I sacrifici sopportati dal popolo siriano nella lotta contro il terrorismo non sono solo per difendere la Siria, ma tutti», ha dichiarato Ventura.

Il vicepresidente ha sottolineato la simpatia del popolo cubano verso i fratelli siriani in lotta per la dignità e la libertà, sottolineando l’importanza dei risultati della visita a Cuba di Hilal.

Da parte sua, al-Hilal ha affermato la determinazione del popolo siriano nel proseguire la lotta contro il terrorismo e la difesa della sua sovranità e indipendenza, confermando che la guerra guidata dagli Stati Uniti e dai suoi alleati contro la Siria non è riuscita grazie proprio alla fermezza del popolo e l’esercito siriano.

Hilal ha precisato che la solidarietà di molti paesi, tra cui Cuba, ha contribuito al consolidamento della fermezza del popolo siriano e che i motivi per la presa di mira di questi due paesi sono il loro impegno nella difesa della sovranità e dell’indipendenza nazionale, il loro sostegno ai movimenti di liberazione e la loro resistenza al colonialismo.

Anche il capo del Parlamento cubano, Esteban Lazo Hernández, ha ribadito che la vittoria della Siria, sotto la guida del presidente Bashar al Assad, al terrorismo e ai suoi sponsor è inevitabile grazie alla forza della sua gente e del suo esercito.

«Ci rendiamo conto che la Siria difende una questione giusta, vale a dire, la sovranità, l’indipendenza e la dignità. E continueremo a sostenerla», ha dichiarato Hernández.

[Traduzione dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: