Discorso di Amarilis Gutierrez Graffe per il 70° Anniversario della Vittoria

amarilis napolida Consulado General de la República Bolivariana de Venezuela en Nàpoles

Discorso della Console Generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli, in occasione del 70° anniversario della vittoria dell’Armata Rossa e del Popolo Sovietico sulla Germania nazista e la fine della Seconda Guerra Mondiale

Cari Compagni,

Un Saludo al Dott. Vincenzo Schiavo Console Onorario della Federazione Russa a Napoli

Un saluto ai membri della Associazione Aiuto agli ex – cittadini dell’Unione Sovietica in Italia

Un abbraccio bolivariano a tutti i presenti.

Ci troviamo qui oggi per ricordare il 70° anniversario dell’eroica vittoria del popolo sovietico nella Grande Guerra Patriottica (1941 – 1945) contro il nazifascismo.

Innanzitutto esprimo tutta la mia gratitudine per l’invito ad un’appuntamento così importante. Porto i saluti del Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela Nicolás Maduro, che si trova ora a Mosca, invitato dal premier Vladimir Putin, per partecipare alla cerimonia di commemorazione della vittoria dell’Esercito Rosso dell’Unione Sovietica.

Porto anche i saluti dell’Ambasciatore della Repubblica Bolivariana del Venezuela in Italia, Julián Isaías Rodríguez.

Il popolo venezuelano saluta e ricorda con attenzione il 9 maggio 1945, data della resa delle truppe naziste a Berlino. Oggi viene ufficialmente inaugurata presso la ‘Casa Amarilla’ (il palazzo giallo), centro storico e culturale della nostra capitale Caracas, una mostra fotografica che ricorda la verità su questa impresa.

L’Unione Sovietica sacrificò 27 milioni di esseri umani per sconfiggere il nazifascismo. La Germania perse 8 milioni di soldati nell’avventura intrapresa da Hitler per conquistare e dominare il mondo intero iniziando dall’Europa.

Come affermato dal nostro Presidente Maduro, «…noi figli di Bolivar, di Chávez siamo qui nel 70° anniversario della vittoria del popolo sovietico contro le truppe nazifasciste…» e anche qui a Napoli siamo presenti.

La Repubblica Bolivariana del Venezuela, è una terra di pace. Duecento anni fa, i nostri liberatori hanno levato in alto le loro spade per i diritti dei nostri popoli e per l’indipendenza di sei nazioni sudamericane. Non abbiamo mai aggredito un altro paese. Professiamo la tolleranza, il dialogo, e l’inclusione. Questo è il nostro impegno per la pace, la giustizia e il reciproco rispetto tra le nazioni.

Allo stesso tempo nella città di New York, presso la sede delle Nazioni Unite, il Venezuela ha fatto sentire la sua voce attraverso il Ministro Rafael Ramirez, per rendere omaggio ai popoli che sconfissero il fascismo nella Seconda Guerra Mondiale.

Ramirez ha affermato che «a settant’anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, tuttavia, notiamo con profondo dolore e preoccupazione come in vaste aree del pianeta si riproducono ideologie intolleranti e aggressive, risorge il fascismo, così come l’estremismo e l’odio motivato da ragioni religiose, etniche, politiche, nazionali o storiche. Ideologie miranti a infiammare gli spiriti e giustificare la guerra per imporre un sistema economico globalizzato ed egemonico che risulta ingiusto, predatorio e insostenibile».

Per questa ragione affermiamo che la regione latinoamericana e caraibica è una «Zona di Pace», libera dalle armi nucleari dal 1967, dove si promuove il dialogo, la solidarietà e l’unità tra popoli fratelli. Dove si promuovono sviluppo sociale e lotta contro la povertà.

Vediamo con dispiacere che la guerra che devasta importanti regioni del pianeta, il colonialismo, l’interventismo, il sostegno e il finanziamento al terrorismo come strumento per destabilizzare paesi e creare il caos con finalità economiche e geopolitiche, sono la prova tangibile che abbiamo ancora molto da fare nell’azione internazionale per superare questi problemi e raggiungere una pace sostenibile.

Nelle circostanze politiche attuali, economiche e sociali in ambito planetario, questo anniversario ha un significato speciale, viste le costanti minacce alla pace da parte del capitalismo collettivo capeggiato dagli Stati Uniti e la possibilità reale di un nuovo conflitto militare di dimensione planetaria, che sarebbe l’ultimo perché causerebbe l’estinzione dell’umanità.

Il Venezuela, patria del Comandante Hugo Chávez, ribadisce con il suo Socialismo del XXI Secolo, la volontà di voler preservare le generazioni future dal flagello della guerra.

Il Venezuela ribadisce di essere un territorio di pace, che sostiene e diffonde la Diplomazia solidale tra i popoli.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: