Naim Chabouk: «Molti venezuelani vedono la Siria come uno specchio»

da portalalba.org

Intervista a Naim Chabouk, presidente de la Unión Sirio-Venezolano.

Come vede il conflitto in Siria oggi?

Il costo è stato alto, ma l’esercito arabo siriano sta progredendo e un nuovo mondo si sta realizzando attraverso la vittoria che la Siria realizza sul terrorismo internazionale e le forze del salafismo, wahhabismo e dell’estremismo.

Abbiamo piena fiducia nella forza dell’esercito nazionale, dal momento che determina il destino della Siria, e possiamo dire anche che il destino della regione e del mondo.

In Venezuela si segue con interesse il conflitto in Siria?

Oggi, il complotto contro la Siria è ancora più seguito dal popolo venezuelano e con grande molto interesse per i seguenti motivi:

  1. Dopo 4 anni di conflitto, tutto è più chiaro e gli orrendi crimini commessi da terroristi, che sono per lo più stranieri, sono evidenti agli occhi di tutti, qualsiasi mezzo comunicazione nel mondo non può più nascondere, perché la verità non può più nascondere o cambiare.
  2. Il Venezuela ha una popolazione tranquilla, umile e nobile, che è sempre stata dalla parte della causa della giustizia e verità, e attualmente, il popolo venezuelano è scioccato dagli eventi violenti in Siria e ha cercato ulteriori informazioni, hanno mostrato il loro affetto ai nostri social network, in particolare www.unionsiriovenezolano.com, la nostra pagina Web, richiamando la nostra attenzione per l’afflusso di visitatori ogni giorno, in cerca ogni giorno di notizie. Noi cerchiamo di mostrare la verità lasciando sempre spazio alle opinioni e alle parole di solidarietà.
  3. Un altro motivo è che, al momento, il Venezuela è una vittima dello stessa trama mediatica dell’ impero e, quindi, ora vedono la Siria come uno specchio, ma in uno scenario diverso.

Vede analogie tra la situazione in Siria e Venezuela?

Sì, ci sono molte somiglianze; per esempio, i media globali forniscono spazio all’opposizione. Come? mostrando enormi manifestazioni di massa, e la repressione del governo che calpesta i loro diritti con le forze di sicurezza, esattamente come è avvenuto in Siria nel 2011, quando un piccolo gruppo di giovani studenti manipolati dai loro insegnanti o da dirigenti politici dell’estrema destra venezuelana, che non hanno un proprio ordine del giorno, ma sono sostenuti dall’estero, proprio come nella realtà in Venezuela, è accaduto in Siria.

Chi sono coloro che promuovono proteste in Venezuela e qual è il loro scopo?

Molto facile. Sono i media a fare i video dove si possono vedere tutti i tipi di falsità; esempio, si dice che le forze di sicurezza del governo (guardie, polizia, ecc) reprimono una marcia o una protesta pacifica, ma non mostrano come queste giovani, distruggono le piazze e le vie, le strade zoccoli e attaccano le guardie violentemente che sono lì per la loro sicurezza.

Non mostrano che ci sono persone che per le proteste, sono costretti a stare in mezzo ai blocchi per lunghe ore, ai quali non vogliono partecipare. Questi blocchi possono ritardare il loro lavoro per ore impedendogli di adempiere ai loro obblighi, o spesso di affrontare un’emergenza per essere curati in un ospedale o si aggrava per il ritardo del trasferimento.

È importante ricordare che in meno di un anno, abbiamo partecipato alle elezioni presidenziali, governative e comunali, con conseguenti elezioni trasparenti e il ​​75% degli eletti sono del partito di governo. Nessuna rivendicazione di alcun tipo per quanto riguarda i risultati. E questo non si riporta nei media stranieri.

Quali sono le attività realizzate dalla Union Sirio-Venezolano?

 La Unión Sirio-venezolano (Red de Comunicación Social) USIVEN, è stata creata seguendo la trama sociopolitica (presunta rivolta araba) in Siria all’inizio del 2011, e in vista della guerra delle informazioni che ogni giorno viene gestito dal diversi media arabi, sostenuta dall’ occidentale e dai petrodollari, che hanno promosso e diffuso notizie false prefabbricate nel mondo occidentale attraverso i media di comunicazione manipolati e le agenzie di stampa internazionali. Fin dalla sua istituzione, la Unión ha decine di migliaia di seguaci in tutto il mondo e sono in costante crescita, sia su Facebook che su Twitter o al sito dell’Associazione. La USIVEN ha anche un corrispondente a Damasco, che copre e aggiorna il sito dell’Unione con gli ultimi eventi siriani, dando più credibilità alle nostre notizie.

La nostra principale attività quotidiana è quella di agire per mantenere informata la comunità siriana in Venezuela sulle vicende quotidiane della Repubblica araba siriana e sulla la Repubblica Bolivariana del Venezuela, incoraggiando la partecipazione e il lavoro in collaborazione tra la comunità siriana, araba e venezuelana, con uffici sia la patria e all’estero, consentendo agli utenti dei social network di partecipare on-line da qualsiasi parte del mondo; agevolare la raccolta delle informazioni necessarie in ogni momento con l’ aggiornamento immediato fornito dalle stesso popolo siriano.

Sin dall’inizio e anche oggi, la USIVEN, secondo le linee guida e le direttive del Dr. Ghassan Abbas, Ambasciatore della Repubblica araba siriana in Venezuela, che è il nostro Presidente Onorario, ha organizzato e convocato varie attività in solidarietà con la nostra patria Siria; Abbiamo organizzato convegni, conferenze, raduni, marce, volantinaggio, incontri e altre attività, in numerose occasioni in tutto il territorio nazionale.
Tra le principali iniziative possiamo ricordare:

  1. Convegno con la partecipazione dell’Ambasciatore della Siria Dr. Ghassan Abu Mazen, all’Assemblea Nazionale del Venezuela.
  2. Gli atti di solidarietà con la Siria con il governatore dello stato di Barinas, in presenza del governatore Adan Chavez, fratello del comandante Hugo Rafael Chávez Frías.
  3. L’organizzazione del viaggio di un gruppo di giornalisti di tutti i paesi latino-americani per conoscere la verità su ciò che sta accadendo in Siria.
  4. Il ricorso a progetti di aiuto umanitario per le persone colpite in Siria, il tutto sotto la supervisione dell’Ambasciata; In questi giorni è giunta a un totale di 15.000 la raccolti di capi di abbigliamento da inviare ai nostri fratelli siriani, attendiamo di ultimare i documenti la spedizione in Siria.

La minoranza araba in Venezuela ha un ruolo importante nella società venezuelana?

Allo stato attuale, la comunità arabo-venezuelana costituisce circa l’8-10% della popolazione, sono per lo più siriani, libanesi e di origine palestinese. Posseggono grandi magazzini e centri commerciali in Venezuela. abbiamo vissuto in questo paese per molti anni, altri sono nati qui e si sentono profondamente venezuelani, ma mantengono i nostri costumi, la cultura, la lingua, la religione, etc. tutto grazie ai nostri fratelli venezuelani che gli hanno permesso libertà economica, professionale e religiosa.

Abbiamo anche importanti esponenti politici e delle Istituzioni, come il Primo Vice-presidente ed ora Cancelliere, Elias Jaua, figlio di libanesi. Il Ministro degli Interni e della Giustizia e attualmente Stato Governatore Aragua Tareq El Aissami, figlio di siriani; Allo stesso modo molti deputati e ambasciatori; indicano che la comunità araba è cresciuta qui in Venezuela, per questo crediamo,  sosteniamo fermamente il Venezuela. Nello stesso modo in cui sosteniamo pienamente il presidente Nicolas Maduro, con alcune osservazioni, come qualsiasi altro venezuelano.

Infine, più che un grazie, voglio mandare un saluto e mi tolgo il cappello, al leader di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah, e tutti i membri di questo grande movimento di resistenza libanese che stanno rischiando la loro vita per combattere da parte dell’esercito siriano contro i terroristi mercenari.

Basta con tanti morti e omicidi. Chiediamo al mondo di rispettare la volontà del popolo siriano e se questo desidera che il suo presidente sia Bashar al-Assad, così deve essere.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

(VIDEO) Todo 11 tiene su 13: Il sequestro di un Presidente

13deAbrilda portalba.org

Oggi si è commemorato lo storico 13 aprile del 2002, quando l’unione civico-militare salvò la Rivoluzione Bolivariana, dopo aver liberato e riportato alle sue funzioni di Presidente della Repubblica il Comandante Hugo Chávez, che fu deposto solo per poche ore da un colpo di stato ordito dall’élite imprenditoriale e politica del Venezuela, promosso e finanziato dal governo degli Stati Uniti, che comprendeva il sequestro del leader socialista.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: