Yarmouk, i palestinesi sostengono operazione con la Siria

da hispantv

Le fazioni palestinesi hanno dichiarato che supportano un’operazione militare congiunta con l’esercito siriano per espellere l’Isis (Daesh, in arabo), che ha occupato gran parte del campo profughi palestinese di Al-Yarmuk, a sud di Damasco.

«Lo sforzo palestinese completerà il ruolo dello Stato siriano per liberare il campo di Al-Yarmouk dai terroristi», ha affermato, oggi, il delegato dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), Ahmed Majdalani

Inoltre, ha aggiunto che 14 fazioni palestinesi hanno distaccato un’operazione di sicurezza da realizzare in collaborazione con il governo di Damasco, il cui obiettivo principale dovrà essere la sicurezza dei palestinesi sotto assedio nel campo.

Majdalani ha anche assicurato che le forze palestinesi lavoreranno in collaborazione con lo Stato siriano per sgombrare il campo della presenza degli estremisti supportati dall’estero.

Tra l’altro, proprio ieri, il ministro siriano per riconciliazione nazionale Ali Haidar, aveva evidenziato la necessità di un’operazione militare per prendere il controllo di Al-Yarmouk al gruppo terroristico Isis.

Croce Rossa chiede il permesso di entrare in Al-Yarmuk

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) ha lanciato un appello per entrare nel campo di Al-Yarmuk, per distribuire aiuti umanitari tra i palestinesi assediati.

Attraverso un comunicato, il CICR ha espresso allarme per la situazione critica dei rifugiati palestinesi a causa degli attacchi dell’Isis.

«Con la recente recrudescenza dei combattimenti dentro e intorno ad al-Yarmuk la situazione dei civili è nuovamente peggiorata», ha sostenuto il direttore del CICR in Siria, Marianne Gasser.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

Yarmouk: La guerra fratricida dei palestinesi e le colpe di Hamas

di Alessandro Aramu – Spondasud.it

C’è un punto di non ritorno per il campo profughi palestinese di Al-Yarmouk, un sobborgo al sud di Damasco. Quel punto si chiama Daesh (ISIS). Le responsabilità sono sotto gli occhi di tutti, giusto celate dalle menzogne della stampa mainstream, il grande circo mediatico dell’informazione occidentale che diffonde con una cadenza quasi cronometrica una serie di notizie false o distorte sulla Siria. In quel campo i terroristi ci sono sempre stati. E se non li volete chiamare così, perché il nome vi fa prudere il naso, allora chiamateli jihadisti, islamisti o salafiti. Spesso si tratta di uomini, sigle e fazioni sovvenzionate dalla Turchia e dal Qatar, attraverso la grande centrale mondiale della Fratellanza Musulmana. Tutto, ovviamente, in funzione anti Assad.

Le cattive alleanze dei palestinesi anti Assad

Dentro il campo, da sempre, c’è Al- Nusra, braccio siriano di Al-Qaeda. E ci sono altre sigle vicine o promanazione di alcune fazioni palestinesi anti Assad. Quei gruppi, in combutta con l’Esercito Siriano Libero, ha tenuto sotto scacco il campo di Al-Yarmouk in tutti questi anni, impedendo l’ingresso degli aiuti umanitari, spesso spartendoseli o vendendoli al mercato nero, taglieggiando la popolazione e riducendola in una sorta di schiavitù a cielo aperto.

Quelle fazioni hanno lavorato con i gruppi ribelli, in primis l’Esercito Siriano Libero, in quei quartieri, limitrofi al campo, dai quali sono entrati proprio i mercenari di Daesh. Tra questi mercenari-terroristi ci sono anche molti palestinesi cresciuti nel campo che hanno deciso di cambiare casacca (che importa dopo tutto essere di Al – Nusra, di Daesh o di una fazione in armi) solo per qualche centinaio di dollari. I documenti dei terroristi rimasti sul campo non mentono: i palestinesi dentro il campo non sono tutti uguali, non sono tutte vittime.

La Brigata palestinese nata per colpire il FPLP

Nell’ottobre del 2012, i ribelli della brigata Soukour al-Golan hanno armato i palestinesi “desiderosi” di combattere contro il Governo di Assad: «Abbiamo creato la Brigata Liwaa al-Assifah, costituita esclusivamente da combattenti palestinesi», disse all’agenzia Reuters un comandante ribelle della brigata: «Il suo compito è quello di prendersi cura del campo di Yarmouk».  Detto fatto.

I ribelli di Soukour al-Golan spiegarono che con la nuova brigata avrebbero attaccato  tutti coloro che a Yarmouk  erano fedeli al PFLP-GC di Ahmad Jibril, accusati di attaccare i combattenti ribelli dell’Esercito Libero Siriano (SLA). Palestinesi contro palestinesi. La storia del campo profughi è tutta qui. “Il regime” ha davvero poche responsabilità in una storia dove una parte dei palestinesi, guidati da Hamas, ha trasformato il campo in una sorta di scacchiere dove sperimentare strategie e alleanze mutevoli.

Prima della guerra, circa 500.000 palestinesi vivevano in Siria, per lo più discendenti di coloro che sono rifugiati dopo la creazione di Israele nel 1948. La Siria baathista di Assad è sempre stata sostenitrice della causa palestinese e ha sempre finanziato diverse fazioni. La rivolta  ha messo in luce, come dimostra la vicenda di Al-Yarmouk, le divisioni tra i palestinesi in Siria. Molti si sono uniti al campo anti-Assad, come gli islamisti palestinesi di Hamas che dal 2012 hanno deciso di chiudere la loro sede a Damasco.

La situazione nel Campo

Oggi sappiamo che solo una parte del campo è in mano ai terroristi. Daesh ha infatti preso possesso solo delle posizioni che prima erano sotto il controllo del Fronte Al-Nusra”, in coordinamento con quest’ultimo. L’ingresso è avvenuto principalmente dalla zona di Al-Hajar Al-Aswwad. Secondo la sinistra palestinese e i comitati di resistenza locali,  Al-Nusra ha ricevuto, dall’alto, direttive precise per l’ingresso di Daesh, «finalizzato al propagarsi della crisi, obbiettivo e interesse di agende esterne».

Alcuni gruppi sono la causa principale del disastro. La bufala dell’esercito di Assad che assedia Al-Yarmouk è stata smentita proprio dalle fazioni palestinesi più moderate, come il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, che ha raccontato come non ci sia un solo soldato siriano, per accordo, nel perimetro del campo profughi.

La nuova strategia, Hamas alle corde

Sempre il Fronte Popolare, che guida la controffensiva contro i jihadisti insieme ai comitati palestinese di resistenza popolare, ha invitato il movimento Hamas a prendere una “posizione non ambigua” riguardo a quanto accade nel campo profughi, invitandolo ad attenersi e a non scavalcare le decisioni prese dalle fazioni palestinesi: «Hamas è direttamente implicata in questa situazione, come fazione palestinese e come parte interessata al destino e alla catastrofe che sta affrontando il popolo palestinese».

Abu Ahmad Fuad, vice segretario generale del FPLP, ha inoltre lanciato un appello all’’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP)affinché sostenga concretamente i palestinesi presenti in Siria aggiungendo che «il momento è difficile, la responsabilità è storica e se si ritarda, si rinvia e non si affronta la situazione, questo sarà un grande fardello sulle spalle del nostro popolo che , fino all’ultimo, ha tentato di evitare il coinvolgimento in questa crisi».

Uniti contro DAESH

Un appello che sembra aver prodotto dei risultati. Secondo alcune fonti locali e giornalistiche, le fazioni palestinesi avrebbero deciso di unirsi e formare una forza unita per affrontare e respingere lo Stato islamico dal campo. Messo da parte l’odio per Assad, anche le componenti palestinesi più vicine all’Esercito Siriano Libero e ad altri gruppi radicali, avrebbero deciso di condurre un’azione congiunta.

Malgrado le notizie di stampa, che prendono come unica fonte il fantomatico Osservatorio Siriano per i diritti, finta ONG con sede a Londra, al soldo di Turchia, Arabia Saudita e Qatar, la notizia di barili bombe lanciate dall’aviazione siriana sul campo è del tutto falsa. L’Esercito di Assad non sta effettuando alcuna operazione militare aerea e tanto meno utilizza armi di fabbricazione artigianale come dei barili pieni di schegge e chiodi.

L’esperto militare siriano

Un esperto militare di Damasco, una fonte riservata che vuole mantenere l’anonimato, sorride e afferma: «Armati da Russia e Iran, con armi moderne e super tecnologiche, non abbiamo certo il tempo di costruire simili strumenti che invece vengono utilizzati dai terroristi (n.d.r. ribelli) per ammazzare i civili.  Questa notizia dei bombardamenti a Al – Yarmouk è falsa, basta chiederlo alle fazioni palestinesi che non appoggiano i terroristi e che hanno consentito l’uscita di migliaia di civili dal campo. La verità è che gli abitanti  del campo sono intrappolati soprattutto nella parte sud, quella controllata da al Nusra, Hamas e i gruppi che sostengono i ribelli del Free Army. Dalla nostra parte, al nord, abbiamo fatto uscire migliaia di persone. Questo grazie al FPLP e ai comitati di resistenza popolare».

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: