Ocalan: «L’Imperialismo è la causa dei mali del Medio Oriente»

da al manar

Lo storico leader del Partito dei Lavoratori del Kurdistan, PKK, Abdullah Ocalan, ha lanciato un appello per la pace e la cessazione delle violenze ed ha accusato le forze imperialiste per quanto continua ad accadere in Medio Oriente

Le forze imperialiste mondiali sono responsabili della crisi in Medio Oriente, ha dichiarato, ieri, in un messaggio Ocalan dal carcere di Imrali, vicino a Istanbul, dove sta scontando una condanna all’ergastolo.

«La nostra regione è in crisi a causa delle politiche neoliberiste imposte dal capitalismo e dai loro collaborazionisti dispotici locali. Soffriamo dalla violenza dello Stato Islamico (EI) in cui la pista è stata aperta dalle forze imperialiste non vogliono rinunciare le loro ambizioni in Medio Oriente», ha sottolineato Ocalan.

Il leader dei curdi della Turchia ha chiesto la fine delle violenze e di «passare alla pace, la fratellanza e la democrazia».

Ocalan e ha ribadito il suo appello per la fine della rivolta avviata nel 1984 contro le autorità turche e ha annunciato l’inizio di una “nuova era” di pace.

Il suo messaggio è stato letto davanti a più di 200.000 persone che si sono riunite a Diyarbakir (sud-est),  capitale informale dei curdi in Turchia, in occasione delle celebrazioni del Nowruz, il Capodanno curdo.

Il governo di Ankara ha avviato nell’autunno 2012 negoziati diretti con Ocalan, per porre fine al conflitto curdo che ha provocato 40.000 morti dal 1984. La Turchia ha annunciato due anni fa un cessate il fuoco unilaterale da parte delle sue truppe. Ma i colloqui di pace sono in una fase di stallo, i curdi accusano i turchi di non avere mantenuto le promesse con la loro minoranza.

[Trad. dal francese per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

(VIDEO) Gino Doné Paro dalla Resistenza alla Rivoluzione

di Ciro Brescia

Sette anni fà se volvió eterno Gino Doné, il suo esempio è stato seminato dai suoi compagni e dalle sue compagne per ritornare moltiplicato, como si deve per i rivoluzionari. 

Gino “El Italiano”, come lo chiamavano nel Movimento 26 de Julio, era l’unico europeo ad aver partecipato allo sbarco dello Yate Granma nel 1956 con Fidel, Raul, el Che, Camilo e gli altri granmisti.

Prima ancora era stato tra i protagonisti della Resistenza partigiana contro l’imperialismo nazi-fascista nel Veneto, sua terra natale.

Gino Doné, dalla Resistenza alla Rivoluzione, era uomo tendenzialmente schivo, di poche parole, a tratti burbero, senza fronzoli e poco amante delle formalità. Ha vissuto nell’ombra per decenni, ufficialmente “desaparecido”. 

Il 29 novembre del 2006 abbiamo avuto il piacere di incontrarlo a Cuba, nel Campamento Julio Antonio Mella dell’ICAP, l’Istituto Cubano di Amicizia tra i Popoli, insieme ad una brigata internazionalista in occasione del 50° anniversario dello sbarco del Granma e degli 80 anni di Fidel. 

Oggi vogliamo ricordarlo con questo post.

da eleboa.blogspot.it

Dalla Resistenza alla Rivoluzione, chi è riuscito in questa impresa? Un Eroe, l’eroe dei due mondi, non parlo di Garibaldi! Si chiamava Gino Donè, di lui e della sua vita ho appreso leggendo la storia della Rivoluzione Cubana e lo ricordo particolarmente il giorno che ho visitato (nel 2001) il museo della rivoluzione dove resta traccia indelebile di questo valoroso Italiano. Potrei iniziare la sua storia dall’episodio datato 25 novembre 1956 giorno in cui un gruppo di 82 uomini partirono dal porto di Tuxpan in Mexico,con una piccola imbarcazione che chiarono Granma, diretti a Cuba.Gino Doné “el italiano”, come lo chiamava Fidel è l’unico Europeo, l’unico Italiano a bordo.

Gino era nato il 18 maggio 1924 a Monastier (Treviso) e al momento dell’imbarco aveva 32 anni. Gli altri componenti dell’equipaggio, ardimentosi che pensavano di poter combattere con pochi mezzi la dittatura di Batista, erano 78 cubani, raccolti da Fidel Castro nelle file del Movimento del 26 luglio, un argentino, Ernesto Guevara chiamato “el Che”, un messicano (Alfonso), un domenicano (Ramon). Sul Granma Gino entrò con il grado Tenente del terzo plotone, comandato da Raul Castro. Non era la prima volta che Gino indossava una divisa e partecipava ad una lotta di liberazione come dicevo prima durante la seconda guerra mondiale partecipò alla resistenza. L’8 settembre 1943, Gino Donè era nell’esercito, si trovava a Pola e con lo sbandamento dell’esercito ritornò a casa e divenendo così partigiano con la Missione Nelson e con il Comandante Guido, un ingegnere milanese italo-americano operante nell’area della laguna veneziana. Alla fine della guerra ricevette un encomio dal Generale Alexander e poi emigrò a Cuba passando dal Canada. Spirito inquieto e curioso di imparare (amava ricordare di aver fatto le scuole per corrispondenza), si era fatto una buona conoscenza della storia e del mondo e conosceva già l’opera politica e poetica di José Marti. Nel 1950 s’imbarca clandestino e sbarca a Manzanillo, proprio nella provincia del Granma dove sbarcherà la spedizione.

Nel 1951 lavora all’Avana come carpentiere nella grande Plaza Civica: l’attuale Plaza della Rivoluzione. “La sera”, racconta Gino, “mi sedevo sugli scalini dell’Università, e ascoltavo quello che dicevano i giovani studenti che si radunavano in piccoli gruppi. I loro discorsi mi interessavano sempre di più, perché mi rendevo conto che si stavano organizzando contro Batista”. La svolta decisiva avviene a Trinidad con l’incontro con Norma Turino Guerra, giovane rivoluzionaria di ricca famiglia cubana, abitante nella città di Trinidad, amica di Aleida March, futura seconda moglie del Che. Successivamente Gino entra nel “Movimento 26 Luglio”, chiamato con la sigla “M-26-7”, dalla data dell’assalto dei ribelli (il 26 Luglio 1953) alle caserme di Bayamo e Santiago di Cuba. Nel 1954 Gino sposò l’amatissima Norma Albertina Turino Guerra e aggiunse il cognome materno, Paro, al suo cognome. All’interno dell’organizzazione del Movimento “M-26-7”, Gino fu incaricato a portare denaro in Messico su richiesta di Fidel Castro. Il denaro serviva per comperare il battello Granma. Gino incontrò così Ernesto Che Guevara,a cui si legò in modo particolare durante la traversata e aiutò in occasione dei suoi attacchi d’asma. E’ stato Gino con i suoi uomini a ritrovare nel fitto delle mangrovia, al momento dello sbarco, il Che, colpito da un attacco d’asma. In quella spedizione persero la vita la metà degli uomini, da una parte perché attaccati dalle forze Batistiane, e dall’altra perché si trovarono in un terreno paludoso, in cui non avevano previsto di sbarcare. Dopo lo sfortunato sbarco, che avvenne il 2 dicembre 1956 a Nikero, vicino a Manzanilla, ai piedi della Sierra Maestra, e dopo la decimazione subita ad Alegria de Pio dai soldati batistiani, Gino tornò clandestinamente a Santa Clara, dove nel Natale 1956 partecipò ad azioni di sabotaggio contro postazioni militari, assieme all’amica Aleida March.

“Dopo il Desembarco del Granma, abbiamo fatto quello che abbiamo potuto, chi in una forma e chi in un’altra. Io che ero straniero ero il più indicato per starmene lontano e fare ciò che nella Sierra non avrei potuto fare. C’era necessità di collegamenti, di notizie, d’informazioni, di soldi, di armi, e di molte altre cose. Chi con le armi e chi senza armi ha fatto quello che doveva fare. E anch’io …”.

Nel gennaio 1957 riceve l’ordine di andare in clandestinità all’estero salpando con una barca da Trinidad. La destinazione è New York. Non rivedrà più l’amata moglie Norma, dalla quale divorzia per ragioni di sicurezza. Negli Usa sposa la portoricana Tony Antonia, conosciuta proprio attraverso Norma,con la quale successivamente si trasferisce in Florida. Da lì, come abbiamo detto, continua a collaborare segretamente con le autorità cubane. Senza figli e due volte vedovo, dal 2003 Gino si trasferì con la nipote Silvana a Noventa di Piave, vicino a San Donà, in provincia di Venezia… Nonostante questo si è recato diverse volte a Cuba dove ha potuto riabbracciare Fidel Castro, con cui è sempre rimasto in contatto. E nel 2006 ha partecipato alle celebrazioni del 50esimo del ‘Desembarco del Gramma a Cuba’.

Gino muore la sera del 22 marzo 2008, nella casa di cura per anziani dell’Ospedale di San Donà di Piave, due mesi prima del suo 84° compleanno. Pare che alla sera, prima di addormentarsi per sempre, abbia chiesto al personale della casa di cura, un sigaro e un “goto de ron” e abbia ricordato ancora una volta l’amico Fidel. Il suo funerale non è stato triste, anzi è stata una sorta di festa di addio a Gino (che ha raggiunto il Che e i suoi amici granmisti) con canti partigiani e cubani, brindisi con rum cubano la distribuzione delle sue inseparabili sigarette Camel senza filtro; gli ultimi pacchetti trovati nella sua abitazione erano a disposizione di chi aveva il piacere di portarsi via un suo ricordo. E’ stato cremato nel cimitero di Spinea Veneziana.

Qui di seguito riproduciamo alcuni video inerenti alla sua figura e al suo contributo alla causa dell’emancipazione dei popoli, per il Socialismo. Nonché un articolo apparsi sul Corriere della Sera il 19 agosto del 2001.

«E Fidel Castro mi disse: vai a salvare il Che»

Il racconto di Gino Donè, l’«eroe» italiano della Rivoluzione cubana: dal Veneto alla spedizione del «Granma»


DAL NOSTRO INVIATO FORT LAUDERDALE (Florida) – Raccoglie nella sabbia il dente di un pescecane. Sotto il cappello da cowboy, lo sguardo azzurro di un vecchio signore. Alza gli occhi verso le nuvole che minacciano la pioggia tiepida dell’estate tropicale. Un incontro come tanti nella Florida dei pensionati. Passi pigri lungo il mare, eppure questa faccia hemingwayana ha un’aria diversa dagli altri signori. A suo modo è la faccia di un fantasma. Si chiama Gino Donè. Il suo nome appare nelle lapidi eppure nessuno ha mai spiegato dove fosse sparito e perché. Nessuna traccia per 45 anni.

Quarantacinque anni fa, 5 dicembre ’56, ai piedi della Sierra Maestra di Cuba, in un posto dal nome sbagliato – Alegría de Pío – lo sfaccendato che adesso raccoglie i denti di squalo ha visto per l’ ultima volta un amico col quale aveva attraversato notti di chiacchiere a Città del Messico: Ernesto Guevara. Guevara stava curando i piedi martoriati di chi aveva marciato nella melma e sulle pietraie. Gli aveva sorriso come per dire: «Fin qui ce l’abbiamo fatta». Il vecchio signore aveva allora 32 anni. Disse al Che: «I miei uomini non riescono più a camminare. Chiodi degli scarponi che graffiano i piedi. Puoi fare qualcosa?». «Finisco qui e li mando a chiamare», risponde Guevara con fasce e alcool in mano. Il signore torna al posto di combattimento, cento metri in là. Guida il plotone di retroguardia col grado di tenente della rivoluzione agli ordini di Raul Castro. Deve coprire le spalle agli 82 uomini sbarcati dal Granma. Esercito e aerei del dittatore Batista li stanno seguendo. Appena siede nell’ombra pallida della canna da zucchero «arrivano centinaia di militari e un diluvio di pallottole. Cerchiamo di nasconderci fra le canne, ma piccoli aerei volano basso. Guidano la caccia a chi ci insegue. Mitragliano».

Quelle parole veloci e senza emozione saranno le ultime parole che si scambieranno Gino Donè e Che Guevara. Ferito al collo, il Che viene trascinato da un’altra parte. Non si vedranno più. «Ernesto», sospira oggi Donè. «Io lo chiamo ancora così. Che, non mi piace». Per mesi il tenente della retroguardia cercherà di raggiungerlo nelle montagne dell’Escambray. Arresti e imboscate lo costringono a scappare. Ritrova la clandestinità su una nave diretta a New York. «Ho visto molto più di quanto possa raccontare. Mi resta poco tempo».

Per quasi mezzo secolo di Gino Donè è rimasto solo un nome nei libri che ricordano l’ impresa del Granma, piccola barca con la quale Castro e gli altri sono sbarcati per cominciare la rivoluzione. La faccia pulita del giovanotto spunta nell’albo degli «Eroi» accanto al profilo irsuto di un Fidel, occhi ancora da studente, e di un Guevara grassoccio, diverso dalla figura romantica che ormai sventola a ogni corteo. Di Donè non si sapeva altro. Un nome e un volto che il tempo doveva aver cambiato. Nessuno immaginava come.

«Desaparecido», scrive il libretto trovato su una bancarella nelle strade attorno alla cattedrale dell’Avana. Ma perché è andato via? Ho incontrato Donè con tante domande. «Tutto è cominciato a Cuba. Molto, molto tempo prima che il Granma prendesse il mare». Gino Donè ha 77 anni. Viene da Passarella, San Donà di Piave. Dal 1960 abita negli Stati Uniti: cittadino americano. Negli archivi dell’Avana il suo nome figura fra i protagonisti dell’impresa del Granma. A bordo c’erano 79 rivoluzionari cubani più tre stranieri scelti da Castro perché «speciali». Il medico giramondo Ernesto Guevara, argentino: aveva conquistato Fidel nelle notti dell’ esilio di Città del Messico. Stava cercando un ideale al quale affidare la vita. Il secondo straniero è un dominicano, Ramon Mejias, detto Pichirillo. Il terzo è lui, Gino Donè, arrivato a Cuba da clandestino, fuggendo da un dopoguerra italiano senza lavoro per un milione di reduci. Veniva dalla Resistenza attorno al Piave.

Scivolava fra i tedeschi appostati sugli argini che abbracciavano le paludi attorno alle spiagge di Caorle e Jesolo, trascinando piloti inglesi e australiani nascosti da contadini senza paura. Arriva all’Avana nel ’52. Fa tanti mestieri: decoratore, ferraiolo che prepara i calcestruzzi del monumento di Martì al centro di quella che oggi si chiama piazza della Rivoluzione. Manovra i bulldozer che piantano i ponti della nuova strada per Trinidad. E alla sera questo italiano biondo passeggia nei giardini della città coloniale. Conosce una bella ragazza, Norma Turigno: si sposano. Entra nella famiglia di un ricco commerciante di tabacco. Aleida Guevara, vedova del Che, tre mesi fa continuava a chiedermi: «Chissà come ha fatto Gino a entrare in contatto con Fidel». La risposta viene dai viaggiatori che vanno e vengono dalla casa di Trinidad. Appartengono al partito Ortodosso, di matrice liberale, che appoggia la resistenza segreta degli esuli confinati a Città del Messico attorno ai fratelli Castro, graziati da Batista dopo quasi due anni di prigione per via di quell’attacco fallito alla caserma Moncada. Da fuori preparano la rivincita mentre a Cuba una rete segreta irrobustisce l’impresa. Servono soldi. Bisogna portarli in Messico con mani sicure. Ed ecco che, nella casa della moglie, il medico Faustino Pérez chiede a Gino di andare da Castro. «Peccato essere una donna», è l’invidia di Norma, «andrei subito a combattere con lui». Pérez le dà un bacio. Anche il medico si prepara a navigare sul Granma e a diventare ministro di Fidel. Stanno per cominciare «anni di gloria».

Solo Donè sceglierà l’ombra. Gino era finito in una famiglia che odiava la dittatura. Chiusa la sua guerra italiana, ricomincia nei Caraibi. Fa la spola tra l’Avana e Città del Messico. Due viaggi con passaporto italiano e nessun sospetto. Gli imbottiscono la giacca di dollari. Li consegna a Castro mentre Juanita, sorella del leader di una rivoluzione in quel momento virtuale, prepara il caffè. Oggi Juanita vive a Miami e non perde occasione per insultare il fratello. Perez informa Castro sulla storia di Gino. Fidel gli fa domande.

Ascolta le lunghe risposte in un silenzio insolito per il suo carattere. Donè lo osserva. Più imponente di come immaginava. Vestito «da sembrare un avvocato in tribunale. Trasmetteva sicurezza». Castro ha in mente di arruolarlo nell’impresa. Servono uomini esperti perché i cubani che stanno per partire non hanno mai sperimentato vere battaglie. Vuole che Gino sia della partita, ma non lo dice subito. Cerca di capire chi è.

L’ha invitata a cena? «Purtroppo no: una sfortuna. Ernesto raccontava che Fidel era un cuoco fantastico. Faceva spaghetti con pesce e frutti di mare». Cucinava anche il Che… «Può darsi, ma erano giorni di malinconia. Amore finito con la moglie, e Hildita, la figlia appena nata, anche lei lontana. Non aveva voglia di niente.

Continuava a chiedermi della guerra in Italia, dei nazi, di Mussolini e mi interrompeva con la domanda che l’ ossessionava: “Pensi che riusciremo a mandar via Batista?”. Impossibile, rispondevo. Ho combattuto con gli americani e so quanti soldi, quante munizioni e di quale risorse dispongono.

Non ce la faremo mai se vogliono appoggiare la dittatura, eppure bisogna tentare. Del resto non ho scelta. Se non provo non posso tornare a casa: Norma mi butterebbe fuori. E poi c’è Fidel. Lui inventa tante cose».

Le piaceva il Che? «Avevamo le stesse idee. Non importa se lui era ateo e marxista mentre io ero cresciuto attorno ai preti veneti, anche se ormai la mia fede era debole. Ci legava la ribellione all’ingiustizia e l’essere sempre dalla parte di chi non sapeva difendersi. Però Ernesto esagerava. Qualche volta, arrivai a prenderlo per la camicia. Eravamo andati a cena in un posto economico, da pochi pesos: una fonda, come si diceva. Perché la paga era niente. Anche Castro tirava la cinghia. O si mangiava o si fumava. Una sera contiamo i soldi: 12 pesos per uno. Appena da sfamarci. Ernesto, il Pichi dominicano e io entriamo in questa taverna che di bello aveva solo una cameriera indiana guahal. Ne eravamo innamorati. Ernesto resta dietro. E poi arriva assieme a una vecchia e due bambini. Compra da mangiare al banco. La donna se ne va con scodelle piene. Finalmente si siede al tavolo: “Stasera non ho appetito”, annuncia con allegria.

Aveva speso fino all’ultimo soldo per i mendicanti. Mi è andato il sangue alla testa: la città è piena di straccioni, gli dico. Non possiamo sfamarli tutti e sei troppo importante per noi. Impossibile cominciare la rivoluzione se non riesci a stare in piedi. Pichi fa da paciere: “Dividiamo quello che c’è”. Ernesto confessa con un’ innocenza che disarma: “Quando vedo la fame negli occhi degli altri, la vedo, capisci, devo subito fare qualcosa. Anche vuotare le tasche degli ultimi spiccioli”». Portano Donè a sparare nel poligono dove si addestrano sotto la guida di un vecchio ufficiale, grosso, un po’ lento: colonnello Alberto Bayo, madre cubana, padre spagnolo. «Aveva perso un occhio contro Franco e pensare – raccontava – che Franco era stato il suo comandante quando andava a caccia di ribelli nel Rif marocchino. Insegnava tecnica della guerriglia nella scuola militare di Salamanca. Bravissimo nelle teorie, non proprio aggiornato sulle furbizie che la seconda guerra mondiale ci aveva insegnato. Erano questi i miei pensieri mentre ascoltavo le sue lezioni sui prati della tenuta di Santa Rosa, una montagnola non lontano dalla città. Andavamo là a sparare. Fucili col binocolo. Bayo dava il voto contando i fori».

Castro sparava? «Era bravo. Ma non gli piacevano i bersagli immobili. Preferiva tirare ai tacchini». Poi Donè viene rimandato a Cuba. Riappare in Messico col pacco dei dollari più pesante. Settembre ’56: Fidel sta comprando il Granma, dall’Avana arrivano i fondi. Servono per un’ infinità di cose: le scarpe, per esempio: «Se Ernesto mi ripeteva di voler visitare Bologna per la scuola di medicina, Castro apprezzava dell’ Italia il buon gusto e la precisione degli artigiani. Ha voluto che le scarpe della spedizione le facesse un calzolaio italiano. Su misura. Ho scambiato qualche parole con l’uomo che si chinava sul mio piede: minuto, silenzioso e infastidito dalla mia curiosità. Non alzava gli occhi. Ma le scarpe erano buone. Solo i tacchi, con quei chiodi, ci hanno dato un sacco di guai». Sul Granma, nel mare in tempesta, la storia di Gino è uguale alla storia di tutti. Soffre un po’ meno degli altri: è abituato a navigare.

La fame resta la stessa. Dopo due giorni finiscono acqua, frutta e scatolette. Restano arachidi e altre noccioline. Cento ore di niente. Quando appoggia i piedi sul fondo della laguna dove il Granma si è impantanato – le 4 e mezzo del mattino, domenica 2 dicembre 1956 – Donè non è scontento. Ha imparato contro i nazi a muoversi in palude, ma ignora l’insidia delle mangrovie: radici dove inciampano le scarpe. Spine che strappano la tuta verde oliva indossata prima dello sbarco. E i morsi dei granchi. Dopo quattro ore di traversata nelle mangrovie sotto il tiro di aerei, fucili e cannoni di Batista; dopo cinque ore di marcia forzata in terra ferma, arriva l’ordine del riposo: «Eravamo sfiniti.

Confusi per essere arrivati nel posto sbagliato. Non ci aspettava nessuno. L’appuntamento era quattro giorni prima, un chilometro e mezzo più in là». Ordine di fare l’ appello col passaparola. Mancano in tanti. «Manca Ernesto, soprattutto». Fidel dice a Donè: «Va’ a cercarlo, ma non perdere tempo. Fa’ in modo di tornare presto». Gino ne respira la tristezza. Castro non sopporta la scomparsa di un amico tanto importante. Eppure deve andare avanti. L’inseguimento dei militari è cominciato. Il racconto di Gino piega in modo diverso la storia ufficiale di Cuba. «Prendo uno dei miei, forse si chiamava Luis. Torniamo verso la laguna. Non so dove trovavamo le forze: fame stanchezza, quei giorni all’aria aperta sul Granma, stretti come sardine, pioggia e mare grosso. Camminavamo in silenzio. Due chilometri, forse tre dalla parte di chi ci inseguiva. Ecco Guevara. Veniva avanti trascinando le gambe. Testa bassa. Fucile e lanciagranate sulle spalle. Appena ci vede cambia colore. Ancora più pallido, ma era sempre pallido. Si rianima. Un abbraccio, forte. Lo confesso: dalla felicità l’avrei baciato, ma eravamo dentro una guerra e gli abbandoni non sono ammessi. Coraggio, ci aspettano, dico. Stiamo pensando di accamparci. Puoi riposare. “No – risponde – mi arrangio da solo. Andate”. Cerco di levargli il fucile. Si arrabbia: “Il fucile lo tengo”. A fatica gli sfilo il lanciagranate e lo passo a Luis. Poi Ernesto ha un altro attacco d’ asma.

Lo prego di mettersi in ginocchio. Nora, mia moglie, soffriva d’asma: mi avevano insegnato come darle conforto. Massaggiarle spalle e collo, dall’alto in basso, lentamente. Ernesto sospira: “grazie, puoi smettere”, ma non si ribella se continuo. Non so quanto tempo è passato: forse mezz’ora. “Adesso andiamo”. Gli metto un braccio attorno alle spalle. Risaliamo verso l’accampamento. Mi fermo nel plotone di retroguardia. Accompagna Ernesto da Fidel, ordino a Luis». Nelle rievocazioni cubane, più o meno la stessa avventura (meno precisa, meno trepidante) viene testimoniata da Luis Crespo, forse l’ uomo che il tenente Donè ha portato alla ricerca del Che. Facile spiegare lo scambio di paternità del salvataggio. Crespo continua a marciare fino all’Avana, mentre Gino sparisce e diventa un fantasma. Per anni nessuno è riuscito a capire se fosse vivo o sepolto chissà dove. Quando l’ imboscata a Alegría de Pío disperde nella canna da zucchero il piccolo esercito di Fidel, Donè guida gli uomini verso la montagna. Al suo plotone si uniscono altri sette miliziani comandati dal «capitano» José Smith Comas. «Un ragazzo. Studiava all’Avana, mi pare venisse da un’università negli Stati Uniti. Fidel gli aveva affidato la bandiera del Movimento. Simpatico, deciso, ma spaventato dall’imboscata. “Andiamo sul mare, è più facile scappare”: lo ripeteva come un’ossessione. Dopo due giorni ci siamo divisi. Con i miei ho continuato dalla parte delle colline, lui ha piegato verso la spiaggia. Prima di lasciarci mi ha affidato la bandiera: “Se mi succede qualcosa portala a Fidel”. Non la volevo; ha insistito. Chi ci dava la caccia aspettava sulla costa. Li hanno presi e fucilati. Non subito, dopo una lunga tortura».

Ha portato la bandiera a Castro? «Non l’ho più visto. L’ho affidata a contadini che ci hanno nascosti. Erano dei nostri. Più tardi ho saputo: la bandiera era tornata nelle mani di Fidel». Gino raggiunge Santa Clara, nel centro dell’isola. Nella casa di un dentista incontra «una bella ragazza». Deve addestrarla e poi guidarla nel battesimo di fuoco. Passeggiano abbracciati come fidanzati davanti al palazzo della prefettura. Aleida nasconde la bomba a mano nella borsetta. La passa a Donè, ma Donè rinuncia. Le spiegazioni di Aleida e del vecchio italiano sono molte diverse. «C’era troppa luce, racconta oggi Aleida. «Aveva l’aria di una trappola», scuote la testa Donè. Gli sbirri tenevano d’occhio la maestrina. Si chiama Aleida March, più tardi sale sull’Escambray. Incontra il Che. Ne diventa la seconda moglie. Intanto Gino, inseguito dagli ordini di cattura della polizia di Batista, ricomincia a scappare. Fa il marinaio su tante navi finché si ferma a New York: 1958. Segue le conquiste di Fidel e del Che ascoltando la radio. Quando entrano all’Avana vorrebbe tornare. Ma il nuovo console cubano a New York lo guarda con diffidenza. Non gli concede il visto. Perché non le ha spiegato di aver navigato sul Granma con Fidel? «Come potevo fidarmi? E poi sembrava una vanteria».

STORIA CUBANA UOMO DEGLI USA

Il 10 marzo 1952, il sergente Fulgencio Batista, appoggiato da Washington, instaura la dittatura a Cuba. Batista era stato già protagonista della destituzione del dittatore Gerardo Machado, nel 1933. E nel 1944 era stato eletto presidente di Cuba. Costretto all’esilio dai rivoluzionari, nel 1959, è morto in Spagna, a Marbella nel 1973.

IN PARATA

I capi della rivoluzione sfilano all’Avana: il regime dittatoriale di Batista è finito. Il 2 gennaio 1959 Che Guevara e Camilo Cienfuegos entrarono per la prima volta nella città, mentre Fidel Castro conquistava Santiago. Nei giorni precedenti i barbudos avevano vinto la battaglia decisiva di Santa Clara durata più di tre giorni.

TEMERARI Fidel Castro, 75 anni, e Che Guevara, ucciso nel 1967 partirono da Tuxpan, in Messico, con il Granma (Reuters), nella notte fra il 24 e il 25 novembre 1956 Gino il barbudo.

NATO IN VENETO

Gino Donè è di San Donà di Piave, Venezia, ha 77 anni. Nel 1950 emigra all’ Avana in cerca di lavoro. Oggi vive in Florida.

SOLDI A FIDEL

Con il suo passaporto italiano fa la spola fra Cuba e il Messico dove Fidel Castro vive in esilio dal 1955: porta soldi per aiutare la rivoluzione.

SUL GRANMA

Per la sua esperienza nella Resistenza italiana Castro lo vuole nella spedizione del dicembre 1956.

DOPO LO SBARCO

L’esercito di Batista incalza i rivoluzionari, Donè è costretto a fuggire a New York La «Revolucion».

LA DITTATURA

Alla vigilia delle elezioni del 1952, Fulgencio Batista, con l’ aiuto degli Usa, instaura la dittatura.

LA SPEDIZIONE

Il 2 dicembre 1956, 82 guerriglieri, guidati da Castro, sbarcano a Cuba a bordo della barca Granma. Intanto insorge la città di Santiago.

SULLA SIERRA

La rivolta viene soffocata nel sangue e i 15 soli superstiti del Granma si rifugiano sulla Sierra Maestra.

A L’AVANA

La guerriglia si riorganizza e nella notte di Capodanno del 1959 conquista L’ Avana: Batista fugge a Santo Domingo.

__

__

__

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: