L’Alba fronteggia gli Stati uniti

di Geraldina Colotti – il manifesto

19mar2015.- Venezuela. La diplomazia di pace dell’America latina si mobilita contro il decreto Obama

L’Alleanza boli­va­riana per i popoli della Nostra Ame­rica (Alba) ha respinto com­patta le san­zioni degli Usa con­tro il Vene­zuela. Il docu­mento finale, pro­dotto dal ver­tice straor­di­na­rio che si è tenuto a Cara­cas, ha espli­ci­tato le ragioni del soste­gno al governo di Nico­las Maduro, defi­nito da Obama «una minac­cia straor­di­na­ria alla sicu­rezza degli Stati uniti». L’Alba chiede agli Usa di «aste­nersi» dall’intervenire negli affari interni degli altri paesi, e invita Obama a rian­no­dare il dia­logo. Per que­sto, pro­pone un «gruppo di faci­li­ta­tori del nostro emi­sfero e delle sue isti­tu­zioni (Celac, Una­sur, Alba-Tcp e Cari­com) per alle­viare le ten­sioni e garan­tire una riso­lu­zione ami­che­vole». Un gruppo subito ope­ra­tivo, coor­di­nato dal mini­stro degli Esteri ecua­do­riano Ricardo Patiño. I pre­si­denti dell’Alba (Cuba, Vene­zuela, Ecua­dor, Boli­via, Nica­ra­gua, Domi­nica, Gra­nada, San Cri­sto­bal e Nie­ves, Saint Vin­cent e Gre­na­dine, Anti­gua e Bar­buda, Suri­name e Santa Lucia) riba­di­scono il loro fermo appog­gio al Vene­zuela boli­va­riano «che non costi­tui­sce una minac­cia per nes­sun paese, ma è una nazione soli­dale che ha dimo­strato la sua volontà di coo­pe­ra­zione con i popoli e i governi di tutta la regione, e rap­pre­senta una garan­zia per la pace sociale e la sta­bi­lità del nostro con­ti­nente». L’Alba denun­cia anche la «feroce cam­pa­gna media­tica inter­na­zio­nale» tesa a scre­di­tare la rivo­lu­zione boli­va­riana, con l’obiettivo di «creare le con­di­zioni per un inter­vento sem­pre più mar­cato e lon­tano dalla solu­zione paci­fica dei contenziosi».

Una cam­pa­gna che si inse­ri­sce nel più gene­rale attacco dei poteri forti con­tro l’intero campo pro­gres­si­sta del Lati­noa­me­rica, per cui il blocco regio­nale esprime il pro­prio appog­gio anche al Bra­sile di Dilma Rous­seff e all’Argentina di Cri­stina Kirch­ner. «l’America latina e i Caraibi — dice il docu­mento — sono Zona di pace, uno spa­zio in cui le nazioni pro­muo­vono pro­cessi di inte­gra­zione e rela­zioni di ami­ci­zia, con l’obbiettivo di per­se­guire ulte­rior­mente la mas­sima feli­cità pos­si­bile dei nostri popoli» come auspi­cato dal Liber­ta­dor Simon Boli­var. L’Alba chiama per­ciò alla mobi­li­ta­zione «i movi­menti sociali, ope­rai, stu­denti, con­ta­dini, indi­geni, donne» affin­ché spie­ghino «al mondo e ai popoli della Nostra Ame­rica che il Vene­zuela e il governo legit­ti­ma­mente eletto del pre­si­dente Nico­las Maduro non sono soli e che una nuova aggres­sione impe­riale avrebbe con­se­guenze nefa­ste per la sta­bi­lità della regione».

Gli Stati uniti — ha affer­mato in quella sede il pre­si­dente cubano Raul Castro — «devono capire che è impos­si­bile sedurre o com­prare Cuba o inti­mi­dire il Vene­zuela. La nostra unità è indi­strut­ti­bile». E suo fra­tello Fidel ha inviato per l’occasione una seconda let­tera a Maduro, lodan­done il corag­gio per aver impo­sto a sua volta san­zioni ai fun­zio­nari Usa in base all’effetto di reci­pro­cità. Uno sco­glio non da poco nei nego­ziati in corso tra l’Avana e Washing­ton in vista di un pos­si­bile «disgelo». Una que­stione aperta sul pros­simo ver­tice delle Ame­ri­che, che si terrà a Panama il 10 aprile. E men­tre molti intel­let­tuali e movi­menti invi­tano i paesi pro­gres­si­sti a diser­tarlo, il campo legato agli Stati uniti vor­rebbe espun­gere la que­stione dal sum­mit, men­tre la diplo­ma­zia dell’Alba e degli altri bloc­chi regio­nali soli­dali col Vene­zuela spinge per far rien­trare il decreto Obama. Un altro segnale di dia­logo, potrebbe pro­ve­nire dall’elezione dell’uruguayano Luis Alma­gro (Frente Amplio) alla dire­zione dell’Organizzazione degli stati ame­ri­cani (Osa).

Appa­ren­te­mente, le san­zioni sono rivolte a un gruppo di fun­zio­nari che avreb­bero «vio­lato i diritti umani dell’opposizione». I media della destra vene­zue­lana hanno però for­nito un lungo elenco già prima che arri­vas­sero le san­zioni e pro­spet­tato un dise­gno ben più ampio, fino all’intervento armato. Alcune clau­sole con­te­nute nel dispo­si­tivo potreb­bero aprire la porta a un blocco eco­no­mico che mira alle atti­vità delle raf­fi­ne­rie vene­zue­lane Cigto in Nor­da­me­rica. In modo diretto o indi­retto, si potrebbe com­pli­care o impe­dire anche l’invio di far­maci e ali­menti. Diversi opi­nio­ni­sti, tra i quali Igna­cio Ramo­net, temono uno spo­sta­mento del fal­li­men­tare blocco Usa con­tro Cuba sul Venezuela.

Ieri, nel paese, è comin­ciata la rac­colta di firme «Obama ritira subito il decreto», che si pro­pone di rag­giun­gere 10 milioni di ade­sioni. Una peti­zione ana­loga cir­cola già su change​.org e per oggi è pre­vi­sto un twitt mon­diale di soli­da­rietà. In Vene­zuela, tutte le cate­go­rie sociali hanno rispo­sto all’appello dell’Alba, a comin­ciare dagli ope­rai del set­tore petro­li­fero. E mani­fe­sta­zioni per chie­dere a Obama il ritiro del decreto si stanno svol­gendo in diversi con­ti­nenti. Anche in Siria cen­ti­naia di mani­fe­stanti hanno sfi­lato per soste­nere il governo boli­va­riano e, negli Stati uniti, il Bronx — i cui poveri si scal­dano con il com­bu­sti­bile ero­gato gra­tui­ta­mente dal Vene­zuela attra­verso Cigto — è tor­nato a innal­zare i car­telli pro Maduro.

Dal Venezuela: «Basta! Lasciateci costruire un mondo migliore!»

ObamaDerogaElDecretoYada Correo del Orinoco

Il ministro Ricardo Molina dichiara: “Il Socialismo ricerca lo sviluppo della felicità, vuole salvaguardare il futuro dei nostri figli, così come la pace e la solidarietà. Guerre e disordini li promuove l’impero”.

La classe operaia rivoluzionaria del Venezuela, accompagnata dal ministro del Potere Popolare per l’Ecosocialismo, l’Ambiente e la Casa, Ricardo Molina, dinanzi alle minacce dell’imperialismo statunitense ha protestato in maniera ferma: “Adesso basta! Lasciateci costruire un mondo migliore!”.

Da piazza Morelos, a Caracas, in riferimento al cosiddetto tuitazo mundial #ObamaDerogaElDecretoYa, il titolare del dicastero per l’Ecosocialismo, l’Ambiente e la Casa ha segnalato che il decreto esecutivo del presidente Barack Obama, dove la Patria di Bolívar viene definita una “minaccia inusuale e straordinaria” per la sicurezza degli Stati Uniti, evidenzia l’antagonismo tra i due modelli.

“Il Socialismo ricerca lo sviluppo della felicità, vuole salvaguardare il futuro dei nostri figli, così come la pace e la solidarietà. Guerre e disordini li promuove l’impero”, ha affermato il ministro bolivariano.

Molina, ha poi aggiunto che il popolo venezuelano si è destato grazie al Comandante della Rivoluzione Bolivariana, Hugo Chávez.

Infine, il presidente della Gran Misión Barrio – Nuevo Barrio Tricolor, Manuel Quevedo, ha dichiarato che la Rivoluzione Bolivariana continuerà a lottare risolutamente contro la povertà estrema generata dal capitalismo.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione a cura di Fabrizio Verde]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: