Quando dire “asino” non è un’offesa

di Marinella Correggia

Animali salvifici. Gli asini, a lungo dimenticati e bistrattati, li rivediamo in ogni guerra e emergenza: resistono alle intemperie e aiutano nella fuga gli umani in difficoltà

Qual­cuno ha notato que­gli angeli dalle lun­ghe orec­chie, dai lan­guidi occhi e dal pelo mor­bido, che anche nella peg­gior sorte si ren­dono così utili, sop­por­tano tutto e non chie­dono quasi nulla? Quando le guerre o altre cala­mità fla­gel­lano luo­ghi poveri — e suc­cede spesso – gli asini accom­pa­gnano, alle­viano, tal­volta sal­vano masse di esseri umani in fuga da quella pena di morte col­let­tiva che è la guerra.

Di recente hanno aiu­tato i curdi siriani in fuga dall’orrore del sedi­cente Stato isla­mico; pochi mesi fa era stato il turno delle fami­glie gazawi che si lascia­vano alle spalle i bom­bar­da­menti israe­liani. Dal nord del Mali, nel 2013, a dorso d’asino hanno tra­spor­tato i pochi averi di tante fami­glie dirette verso il Sud o i paesi con­fi­nanti per scap­pare dalla minac­cia delle bande armate islamiste/trafficanti e da quella delle bombe fran­cesi.


Nel 2001, gli afghani che a cen­ti­naia di migliaia pren­de­vano i sen­tieri e le strade verso il Paki­stan, ave­vano ammas­sato l’indispensabile sui loro asini; intanto le casu­pole di terra, ter­reni minati e scarne col­ti­va­zioni face­vano da tiras­se­gno agli aerei da guerra anglo-statunitensi (a pro­po­sito di ani­mali vit­time di guerra: anche due cani smi­na­tori furono uccisi dalle bombe, a Kabul nel 2001).


L’esodo non è solo a causa della guerra. Emer­genza sic­cità in Africa, 2011 e 2012: nelle foto di per­sone in mar­cia nella pol­vere, il nulla die­tro di loro, non man­ca­vano mai gli asi­nelli cari­chi, insieme ai veli di donne magre, un’immagine eterna. Negli stessi mesi la «coa­li­zione del volon­te­rosi» di turno bom­bar­dava la Libia — da lì, sono scap­pati a milioni ma senza asini; que­stione di red­dito per i libici, e que­stione di mare da attra­ver­sare per gli afri­cani. Li usano dun­que i fug­gia­schi, ma anche i soc­cor­ri­tori. Asini e muli rie­scono por­tare acqua e cibo in zone imper­vie e povere. Sono stati dei sal­va­vita durante i ter­re­moti in mon­ta­gna. Nell’attacco a Gaza del 2008, angeli a quat­tro zampe fecero da ambu­lanza per i feriti, quando quelle a motore non pote­vano arrivare.

Sono gli ultimi ani­mali a morire, i più resi­stenti, quelli che por­tano acqua e legna fino allo stremo. Ma nem­meno loro ce la fanno, a volte. La tre­menda sic­cità del Ser­tão in Bra­sile ha lasciato migliaia di asini e muli morti per strada.

A loro si pensa poco. Solo alcune orga­niz­za­zioni, come il Don­key Sanc­tuary e il Brooke Hospi­tal pagano vete­ri­nari locali nei paesi impo­ve­riti, per l’assistenza agli equini da lavoro – asini, ma anche muli e cavalli da tiro –, pic­coli sisifo che con­di­vi­dono le fati­che quo­ti­diane dei com­pa­gni umani.

Scrive Jac­ques Pré­vert: «È un asino che dorme / Bam­bini, guar­da­telo dor­mire / Non sve­glia­telo / Non fate­gli qual­che scherzo / Quando non dorme è spesso infe­lice / Non man­gia tutti i giorni / Ci si dimen­tica di dar­gli da bere / E spesso lo pic­chiano / Guar­da­telo / È più bello di tutte le sta­tue che vi dicono di ammi­rare e che vi anno­iano».


Sfrut­tati. Mal ricom­pen­sati. A loro Leo­nardo da Vinci, vege­ta­riano e anti­spe­ci­sta ante lit­te­ram dedicò un indo­vi­nello: «Le molte fati­che saran remu­ne­rate di fame, di sete, di disa­gio e di maz­zate e di pun­ture». Due bel­lis­simi libri a loro dedi­cati sono Pla­tero y yo di Juan Ramón Jimé­nez e Joanna and Ulis­ses di May Sar­ton. Nel 1966 Robert Bres­son diresse Au hasard Bal­tha­zar. E non vanno dimen­ti­cate le ita­liane Edi­zioni dell’asino.


Come pro­le­tari, gli equini da tiro furono man­dati a morire nelle guerre, insieme ai sol­dati di leva. Fanti al macello, a due e quat­tro zampe. Quelli a quat­tro erano in gran parte forti muli. Incol­pe­voli tra­spor­ta­vano a dorso armi, muni­zioni, can­noni. Acca­deva che sal­vas­sero i sol­dati feriti, por­tan­doli via dalla bat­ta­glia e dalle trin­cee. È diven­tato famoso l’asino Her­mann che lavo­rava per i tede­schi. A un certo punto, si è ammu­ti­nato. Ha sag­gia­mente diser­tato.


Adesso in guerra gli asini non ser­vono più. Ma in Afgha­ni­stan nei posti più impervi, i mili­tari stra­nieri ne hanno ingag­giati, per il tra­sporto di acqua e viveri in basi di mon­ta­gna. Quanti muli mori­rono insieme ai sol­dati di leva nell’orrore delle guerre mon­diali? Da leg­gere il rac­conto La strada del gior­na­li­sta e scrit­tore sovie­tico Vasi­lij Seme­no­vic Gross­man. La car­ne­fi­cina bel­lica è vista dallo «spa­zioso cer­vello» (e sen­tita sulla pelle scor­ti­cata) del mulo Giù, che pre­sta ser­vi­zio nel con­vo­glio del reg­gi­mento di arti­glie­ria: «Il 22 giu­gno del 1941 per­cepì di colpo molti cam­bia­menti, ma natu­ral­mente non sapeva che il füh­rer aveva con­vinto il duce a entrare in guerra con­tro l’Unione Sovie­tica. Gli uomini si sareb­bero mera­vi­gliati se fos­sero venuti a cono­scenza di quante cose poteva notare un mulo nel giorno dello scop­pio della guerra a est (…)». Dopo molte fati­che e pati­menti in con­te­sti diver­sis­simi, Giù fini­sce in Rus­sia, nella morsa del gene­rale inverno: «Il super­la­voro senza tre­gua, il freddo, la logora imbra­ca­tura entrata nella pelle del petto fino alla carne, le pia­ghe insan­gui­nate sul gar­rese, il dolore alle zampe, gli zoc­coli con­su­mati, sbri­cio­lati, le orec­chie con­ge­late, i reu­ma­ti­smi agli occhi, le coli­che alla pan­cia per via del cibo gelato e dell’acqua ghiac­ciata». Fin­ché non trova un amico, un cavallo com­pa­gno di fatica. E insieme – lo pos­sono notare i loro con­du­centi umani — i due piangono.

(VIDEO) Maduro recibe primer ejemplar del periódico Cuatro-F

por Venezolana de Televisión

El presidente Nicolás Maduro visitó los espacios de la imprenta Alfredo Maneiro, ubicada en Caracas, lugar donde recibió el primer ejemplar del naciente periódico Cuatro-F.

“Gran emoción cuando vimos salir los primeros periódicos que van rumbo al Pueblo para ganar la Batalla de las Ideas…”, publicó el Primer Mandatario a través de su cuenta Twitter, @NicolasMaduro.

Igualmente recordó a toda Venezuela que este periódico comenzará a circular a partir de este domingo 23 de noviembre. “Búscalo y compártelo con tod@s”, agregó.

Este periódico nace para decir las verdades aquí y en el mundo (…) esta naciendo el periódico que va hacer una Revolución en el periodismo político, social, cultural, nacional, internacional en nuestro país. Nuevo periodismo revolucionario”, agregó.



__

 

 

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: