Izquierda europea busca crear una organización similar al ALBA

Alessandro Di Battistada cubadebate.cu

El diputado del Movimiento 5 Estrellas (M5S) de Italia, Alessandro Di Battista, viajará  a América Latina para buscar información sobre el proceso de integración regional, y proponer a los países del sur de Europa la creación de un bloque similar a la Alianza Bolivariana para los Pueblos de Nuestra América (Alba).

Se trataría de una organización compuesta por Italia, España, Portugal y Grecia, que “son los países más perjudicados económicamente” del Viejo Continente.

El objetivo: iniciar una lucha “contra el poder concentrado en pocas manos” y conseguir que “la soberanía recaiga, de nuevo, en los ciudadanos”.

“En Europa, el poder está concentrado en pocas manos, en la ‘Troika’. El poder central, compuesto por la Comisión Europea, el Banco Central Europeo y del Fondo Monetario Internacional, está causando graves daños a millones de personas”, afirmó Di Battista en una entrevista con Efe.

Y añadió: “La lucha de hoy y del futuro ya no es entre Derecha o Izquierda, sino entre el pueblo que reclama su soberanía y los gobernantes que ceden parte de esta soberanía al gobierno europeo”.

Por eso, Di Battista viajará, previsiblemente, antes de final de año a Bolivia y a Ecuador, con el objetivo de recabar información y conocer “los logros que los países del ALBA han alcanzado” con su alianza.

“Obviamente, América Latina y Europa tienen diferente problemática, sus países son distintos; pero los países de la Alba han formado una alianza bajo un común denominador que es la solidaridad. Es la misma idea que proponemos nosotros desde el M5S para unirnos a Grecia, Portugal y España”, subrayó.

A su juicio, “Europa tiene mucho que aprender de América Latina”.

“Si hablamos de solidaridad entre países en dificultad, para mí los logros de los países de la Alba en materia socioeconómica son un ejemplo”, añadió.

Además, dentro de sus planes está también mantener encuentros bilaterales con los gobiernos de Uruguay y Argentina, aunque con estos países “las conversaciones aún están en curso”.

“Nos gustaría conocer cómo Argentina está enfrentando el problema de la deuda, porque nosotros, en Italia, también tenemos el mismo problema”, apuntó el diputado italiano.

Las fechas para estos viajes aún no están cerradas, aunque ya ha habido un primer acercamiento entre Di Battista y el presidente de Bolivia, Evo Morales.

Ambos mantuvieron un encuentro en Roma el pasado miércoles, cuando el mandatario latinoamericano visitaba la capital italiana para participar en el Encuentro Mundial de los Movimientos Populares y también para realizar una intervención en la Organización de las Naciones Unidas para la Alimentación y la Agricultura (FAO).

Preguntado por si esta alianza sureuropea contemplaría la unión de partidos como Podemos, en España, o Syriza, en Grecia, Di Battista negó que se trate de una organización de ideología de izquierdas.

“Nosotros hablamos de una alianza entre ciudadanos, no entre partidos de una ideología determinada. Queremos sencillamente una alianza entre ciudadanos que, a través de movimientos y fuerzas políticas, compartan una visión común para salir de la crisis”, comentó.

Una crisis que, insistió, se supera “dejando atrás el euro y retomando la moneda de cada estado, y estableciendo relaciones comerciales de solidaridad entre los países que han sido más golpeados por el poder central”.

La Alianza Bolivariana para los Pueblos de Nuestra América (Alba) es una iniciativa promovida por Venezuela para la integración de los países de América Latina y el Caribe, que pone énfasis en la lucha contra la pobreza y la exclusión social.

Chomsky: EE.UU. es “el estado terrorista número uno del mundo”

Estados Unidos es “el estado terrorista número uno” si se tienen en cuenta sus mortíferas operaciones dirigidas por la CIA en países como Nicaragua y Cuba, denuncia el historiador y filósofo social Noam Chomsky en un nuevo artículo de opinión.

En un artículo publicado en Truthout.org, Chomsky se refiere a una revisión hecha por la CIA sobre sus operaciones encubiertas recientes para determinar su efectividad, a raíz de la cual la Casa Blanca concluyó que, por desgracia, los éxitos son tan escasos que es necesario reconsiderar esa política, en especial la de armar a insurgentes en todo el mundo, algo que -recuerda el filósofo- han practicado en sus 67 años de historia. 
 
La CIA llevó a cabo su análisis de eficacia, mientras la administración de Obama contemplaba la posibilidad de armar a los rebeldes que luchan contra las fuerzas del presidente Bashar al Assad en Siria. 
 
‘The New York Times’ fue el primero en destapar la historia, que publicó bajo el título ‘Estudio de la CIA sobre la ayuda encubierta aviva el escepticismo acerca de ayudar a los rebeldes sirios’, a raíz de lo cual Chomsky sugiere su propio titular que, según él, debería haber sido: ‘Ya es oficial: Estados Unidos es el principal estado terrorista del mundo, y está orgulloso de serlo’.
 
El profesor del Instituto Tecnológico de Massachusetts (MIT por las iniciales en inglés, Massachusetts Institute of Technology), pasa a continuación a detallar algunos de los casos evaluados en la revisión de la CIA, explicando por qué queda demostrado que EE.UU. es “el campeón del mundo en la generación de terror”, y está empeñado en contraponer su oposición en todo el mundo. 

Ya es oficial: Estados Unidos es el principal estado terrorista del mundo, y está orgulloso de serlo

“El primer párrafo del artículo de ‘The New York Times’ cita tres de los ejemplos principales de ‘ayuda encubierta’: Angola, Nicaragua y Cuba. De hecho, cada caso fue una operación terrorista llevada a cabo por EE.UU.”, asegura Chomsky. 
 
El catedrático agrega que EE.UU. apoyó en la década de los 80 la era del apartheid en Sudáfrica, que invadió Angola para protegerse “de uno de los grupos terroristas más notorios del mundo”, según Washington: El Congreso Nacional Africano de Nelson Mandela.
 
“Washington se unió a Sudáfrica para dar apoyo crucial al ejército terrorista Unita de Jonas Savimbi en Angola. Continuó haciéndolo incluso después de que Savimbi sufrió una rotunda derrota en una elección libre y cuidadosamente vigilada”, escribe Chomsky. “Las consecuencias fueron horrendas. Una investigación de la ONU en 1989 estimó que las depredaciones sudafricanas provocaron 1,5 millones de muertes en países vecinos, sin mencionar lo que ocurría en Sudáfrica misma”, añade.

La campaña asesina contra Cuba

Chomsky también menciona la “campaña asesina y destructiva” durante varias décadas de EE.UU. contra Cuba, incluyendo la fracasada invasión de Playa Girón y un embargo severo que continúa hasta nuestros días. 
 
“El número de víctimas de la larga guerra terrorista fue amplificado por un embargo destructor que continúa aún hoy desafiando al mundo. El 28 de octubre, la ONU, por 23ª vez, respaldó ‘la necesidad de poner fin al bloqueo económico, comercial, financiero impuesto por Estados Unidos contra Cuba’”, escribe.  

Chomsky concluye su artículo refiriéndose a “la mayor campaña terrorista del orbe: el proyecto global de asesinato de terroristas lanzado por Obama”, y afirmando que “el impacto generador de resentimiento de esos ataques con drones y con fuerzas especiales debe de ser bastante conocido para requerir mayor comentario”.
 
“Todo esto constituye un registro que hay que contemplar con cierto horror”, sentencia.  

La dittatura bipartitica negli USA esclude la classe operaia

house_chamberda TelesurCome dimostrato dalle ultime elezioni parlamentari, il sistema politico degli Stati Uniti non consente rappresentanza per la classe operaia

La dittatura bipartitica negli Stati Uniti è stata evidenziata ancora una volta in occasione delle elezioni per il Senato e la Camera dei Rappresentati, alle quali non ha potuto partecipare alcun rappresentante della classe operaia statunitense.

Questo è quanto affermato da Carolus Wimmer, deputato e presidente del Parlamento Latinoamericano – capitolo Venezuela – analizzando la situazione politica post-elettorale nel paese del nord. “Quella che abbiamo negli Stati Uniti, è una dittatura dell’aristocrazia finanziaria e delle multinazionali imperialiste”.

Ha poi sostenuto che, per aspirare a qualsiasi candidatura, non basta avere un buon programma elettorale, perché il sistema obbliga che qualsiasi candidatura sia avallata dalle grandi multinazionali, che decidono politiche e candidati di entrambi i partiti.

Il presidente del Parlamento Latinoamericano, ha sottolineato che la vittoria conseguita dai repubblicani non rappresenta alcun cambiamento, perché essi al pari dei democratici rappresentano la destra conservatrice. “L’agenda di entrambi i partiti include tagli fiscali per le multinazionali, ulteriori tagli ai programmi sociali finanziati come la sicurezza sociale e i piani di edilizia popolare, oltre all’intensificazione della repressione contro gli immigrati”.

Wimmer ha assicurato che i repubblicani, di concerto con lo stesso Barack Obama, pretenderanno l’ampliamento dell’apparato militare e d’intelligence, contro gli interessi del popolo statunitense, insieme all’espansione delle aggressioni militari all’estero.

Infine, ha sottolineato Wimmer, in questa tornata elettorale il popolo statunitense ha confermato di avere scarsa fiducia nel bipartitismo, visto che è stato toccato il minimo storico del 38% di partecipazione elettorale. “Le politiche di entrambi i partiti sono impopolari per la classe operaia, i lavoratori e i giovani statunitensi, che non credono alle fasulle contese elettorali realizzate da repubblicani e democratici, per celare i loro accordi bilaterali miranti a soddisfare richieste e interessi delle grandi multinazionali”.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Napoli: Il Consolato Venezuelano ospita “L’esistenza dei mostri”

di Marco Miggiano

Dedicare ed intitolare il primo singolo di un lavoro discografico alla figura del Comandante e Presidente venezuelano Hugo Chávez e riuscire a presentare l’intero lavoro presso la sede del Consolato Generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli, facendo addirittura commuovere il neo Console Generale Amarilys Gutierrez Graffe, non è certo un operazione semplice e banale.

Ad esserci riusciti, il duo napoletano L’esistenza dei mostri, che ieri mattina ha presentato il loro nuovo Ep dal titolo “Co.Co.Pro. – Condizioni Comatose Prorogate”, disco aperto dal singolo “Chávez”, una piccola perla che ha riscosso immediatamente enorme successo grazie anche ad un divertentissimo e ben fatto video che sta girando sul web già da qualche settimana, per la regia di Renato Zagari. Dietro tutto questo, c’è il lavoro quanto mai prezioso ed efficiente dell’etichetta Subcava Sonora, famosa per essere stata in Italia la prima a lavorare con gruppi che rilasciavano le proprie opere sotto licenze Creative Commons, etichetta rappresentata questa mattina da Sara Manocchio.

Nelle sede del consolato venezuelano a Napoli, che più che una sede istituzionale assomiglia ad una galleria d’arte con quadri ed opere in ogni angolo tra le quali spiccano ovviamente i dipinti raffiguranti Hugo Chávez, l’attuale Presidente dello stato sud americano Nicolás Maduro e quella del rivoluzionario Simón Bolívar, si è dato vita a qualcosa di veramente particolare. Non so se è la prima volta che un progetto musicale viene presentato durante una conferenza stampa all’interno di un consolato, ma oggi le porte e soprattutto i cuori di coloro che lavorano all’interno di questo spazio si sono aperte, trasformandolo quasi in uno di quei non luoghi autogestiti da collettivi di artisti e studenti. Oggi si è voluto concretizzare la nascita reale di alternative concrete a quelle che sono in primis le logiche del diritto d’autore ma anche di coloro che sostengono che dietro ad un disco non ci sia un lavoro politico e culturale. Diciamolo chiaramente, qui i titoli di Bennato ed Enzo Jannacci (Sono solo canzonette e Trattasi di canzonette) fanno a cazzotti con le reali intenzioni del duo L’esistenza dei mostri, dell’etichetta Subcava e di Soundreef, che hanno dimostrato con i fatti come l’alternativa all’attuale monopolio Siae sia possibile, necessaria e nei fatti già realizzata. Qui non si fanno canzonette, qui si fa impone un sistema nuovo.

Ad introdurre la conferenza stampa il Console Aggiunto Marnoglia Hernández Groeneveledt che ha voluto salutare tutti i presenti: “Oggi è un momento molto importante di condivisione culturale che si realizza con tutti voi. La musica ci unisce, la musica è un modo per stare insieme, la musica è amore e noi come popolo venezuelano vogliamo essere un’espressione d’amore per tutti. Questo momento è anche molto importante perché oggi è il primo incontro ufficiale della nostra Console Generale Amarilys Gutierrez Graffe che è arrivata solo qualche giorno fa qui a Napoli”.

A moderare l’incontro, Sarah Manocchio dell’ufficio stampa della Subcava Sonora: “L’alternativa è il filo conduttore che lega tutti noi. Io faccio parte della Subcava Sonora, un’etichetta che diffonde le proprie produzioni solo in creative commons, così come hanno fatto i ragazzi de L’esistenza dei mostri con il loro Ep. Federico, invece, con l’attività di Soundreef è proprio una manifestazione concreta della possibilità di realizzare una differente economia e soprattutto di valorizzare determinati aspetti che spesso vengono schiacciati da un sistema burocratico troppo vecchio ed assolutamente antiquato”.

E’ toccato poi a Mauro Sommella, autore e chitarrista del duo, introdurre e spiegare il loro nuovo lavoro: “Voglio ringraziare prima di tutto il Console e tutto lo staff del Consolato per averci ospitato oggi. Questa è sicuramente una location insolita per la presentazione di un disco, però quanto mai apprezzata da parte nostra. Ho un po’ di difficoltà a parlare dell’Ep perché sono canzoni che ho scritto scavando in profondità dentro me stesso e quindi non avrei altre parole per descriverle se non quelle dei testi. Quello che c’è dentro il disco sono cose che sento molto nel mio intimo ma che poi vengono fuori dal contesto in cui tutti stiamo vivendo cioè un epoca precaria, senza punti di riferimento. Anche la scelta di intitolare il primo singolo dell’Ep “Io sto con Chá­vez” è stato un modo per lanciare una provocazione in un paese in cui certi argomenti sono un tabù. Le alternative esistono, magari sono ancora lontane ma una via d’uscita è sempre possibile. Dietro questa piccola produzione ci sono tante persone. In primis Francesco Mc doppia C, che ha lavorato al singolo Chá­vez; poi ci sono i video clip che sono diventati parte integranti di tutto il progetto e con cui siamo riusciti, grazie ai registi, ad ampliare e meglio definire il nostro messaggio. L’ultima motivazione alla base di questo lavoro è quella del copyleft, a cui ci teniamo molto. Oltre a voler raccontare storie con le nostre canzoni, volevamo fare qualcosa di materiale e quindi fin da subito abbiamo scelto di non accettare la logica del copyright e della Siae, cioè quella proprietà intellettuale che concepisce le opere come qualcosa di chiuso che non è possibile far circolare e condividere liberamente con gli altri. Quindi abbiamo scelto le licenze alternative, le creative commons e abbiamo trovato anche l’appoggio di Soundreef, un progetto davvero molto interessante che sta scardinando con i fatti il sistema Siae”.

Marcello Vitale, invece, ha posto l’accento maggiormente sull’aspetto artistico del progetto: “Nel lavoro sono centrali i testi di Mauro. Fin dal primo momento in cui ci siamo avventurati in questo viaggio ho capito che i suoi testi dovevano essere enfatizzati, dovevano risultare centrali. Doveva essere sostanzialmente un progetto di songwriting. Doveva essere la canzone il messaggio principale dell’EP. Ci siamo impegnati molto in questo disco che, anche se è solo di cinque brani, è estremamente intenso e che è orgogliosamente prodotto da noi. Rispecchia esattamente quello che volevamo, quello che sentite è quello che volevamo. Quasi tutti i suoni che sentirete nell’Ep provengono da un mandolino elettrico, grazie ad un lavoro di ricerca che sto portando avanti da un po’ di tempo e che ha un significato anche simbolico”.

A chiudere gli interventi il rappresentate di Soundreef, Federico Camici: “Come Soundreef siamo contenti di essere qui oggi perché quest’album, già leggendo le parole stampate sul libretto, come i testi delle canzoni e le dediche, si capisce che ha degli ideali in comune con quella che è poi l’ideologia che è alla base con cui è stato costruito il progetto Soundreef, ovvero l’accesso alla cultura e l’alternativa a un modello esistente. Una possibilità concreta quindi di far crescere le cose dal basso, il che non è stato sempre semplice. Nello specifico, Soundreef è una società inglese che si è lanciata nel mondo del diritto d’autore, proponendo un’alternativa alla Siae, utilizzando alcuni punti fermi come la tempestività, la trasparenza e la capacità analitica. Sino ad oggi le società come la Siae, pagano gli autori a 18 mesi di distanza da quando maturano i diritti. Questa cosa per noi non è giusta e così facciamo in modo che gli autori vengano pagati entro 90 giorni da quando fanno un concerto ed entro 7 giorni possono avere visibile sul loro account on line tutto ciò che hanno guadagnato. E’ un meccanismo di ripartizione dei diritti basato sulla trasparenza. Abbiamo creato quindi dei meccanismi di semplificazione del diritto d’autore e di recente abbiamo ricevuto una sentenza in Italia che sostanzialmente legalizza il lavoro di Soundreef anche nel nostro paese. Oggi quindi siamo un’alternativa alla Siae a 360°”.

L’alternativa quindi esiste e se volete ascoltare dal vivo chi ha scelto di scommettere su questa reale alternativa lo potrà fare il prossimo 14 novembre quando L’esistenza dei mostri presenterà il proprio album in un locale del centro storico di Napoli, il George Best.

Il Venezuela sosterrà la Siria all’Onu

da al manar

L’ambasciatore della Siria in Venezuela, Ghassan Abu Mazen, ha affermato che il conflitto generato nel suo paese è anche una guerra contro i popoli del mondo, ma la nazione araba ha come base principale la giustizia.

Questa affermazione è stata espressa nel corso di una conferenza del Comitato per la Giustizia e la Verità, che ha evidenziato la lotta dei popoli della Siria e del Venezuela nella difesa dei diritti umani e della pace.

Questo paese aiuta la Siria a partire dai primi giorni dell’avvento al potere del ex-presidente Hugo Chá­vez, ha ribadito il diplomatico.

Ora, il Venezuela occupa un seggio nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, sarà una voce forte per il popolo siriano, ha dichiarato.

Il governo di Caracas difende i diritti umani legiferando contro la tortura, politica comune dell’Esercito Usa, che finanzia circa 8.000 mercenari per provocare una guerra civile in Siria, ha spiegato Ghassan Abu Mazen.

Infine, ha anche ringraziato per la solidarietà internazionale contro gli attacchi promossi da Washington contro la Siria, in particolare, il popolo e le autorità venezuelane.

«In questa guerra saremo vittoriosi perché ci assiste la giustizia», ha sottolineato l’ambasciatore.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

Di Battista: «L’Alba sia un modello di organizzazione per i paesi del sud Europa»

IMG_2051-620x330da lantidiplomatico.it

Il deputato italiano del Movimento 5 Stelle (M5S), Alessandro Di Battista, si recherà in America Latina per prendere informazioni sul processo d’integrazione regionale, e proporre ai paesi del sud Europa la creazione di un blocco simile all’Alleanza Bolivariana per i Popoli di Nuestra America (ALBA). Si tratterebbe di un’organizzazione composta da Italia, Spagna, Grecia e Portogallo, che “sono i paesi economicamente più colpiti” del Vecchio Continente.L’obiettivo: iniziare una lotta «contro il potere concentrato in poche mani» e ottenere che «la sovranità torni a essere, di nuovo, dei cittadini».«In Europa, il potere è concentrato in poche mani, quelle della ‘Troika’. Il potere centrale, composto dalla Commissione Europea, la Banca Centrale Europea e il Fondo Monetario Internazionale, sta causando gravi danni a milioni di persone», ha affermato Di Battista in un’intervista all’agenzia di stampa spagnola Efe.

Ha inoltre aggiunto: «La lotta di oggi e del futuro non è più tra destra e sinistra è, ma tra le persone che reclamano la propria sovranità e i governanti che cedono parte di questa sovranità al governo europeo».

Pertanto, Di Battista si recherà probabilmente entro la fine dell’anno, in Ecuador e Bolivia, al fine di raccogliere informazioni e conoscere «le conquiste che i paesi dell’ALBA hanno raggiunto» grazie alla loro alleanza.

«Ovviamente, l’America Latina e l’Europa hanno problematiche diverse, i loro paesi sono diversi; ma i paesi Alba hanno formato un’alleanza sotto un denominatore comune che è la solidarietà. E’ la stessa idea che noi del M5S proponiamo a Grecia, Portogallo e Spagna per unirci», ha sottolineato.

A suo giudizio, «l’Europa ha molto da imparare dall’America Latina».

«Se si parla di solidarietà tra paesi in difficoltà, per me le conquiste dei paesi dell’ALBA in materia socio-economica sono un esempio», ha aggiunto.

Inoltre, Di Battista è intenzionato a tenere anche incontri bilaterali con i governi di Uruguay e Argentina, anche se con questi paesi, «i colloqui sono ancora in corso».

«Ci piacerebbe vedere come l’Argentina sta affrontando il problema del debito, perché noi, in Italia, abbiamo lo stesso problema», ha segnalato il deputato italiano.

Le date di questi viaggi non sono state ancora stabilite, ma vi è già stato un primo avvicinamento tra Di Battista e il presidente della Bolivia, Evo Morales.

I due si sono incontrati mercoledì scorso in quel di Roma, dove il capo di stato latinoamericano si trovava per partecipare all‘Incontro Mondiale dei Movimenti Popolari, e per tenere un discorso alla FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura).

Alla domanda se l’alleanza dell’Europa meridionale comprenderà l’unione tra partiti come, Podemos in Spagna, o Syriza in Grecia, Di Battista ha risposto negando che si tratti di un’organizzazione con un’ideologia di sinistra. «Noi parliamo di un’alleanza tra cittadini, non tra partiti di una determinata ideologia. Vogliamo semplicemente un’alleanza tra cittadini che, attraverso i movimenti e le forze politiche, condividano una visione comune per uscire dalla crisi».

Una crisi che, insiste Di Battista, si supera «abbandonando l’Euro e tornando alle monete nazionali, stabilendo inoltre relazioni commerciali di solidarietà tra i paesi che sono stati più colpiti dal potere centrale».

L’Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America (ALBA) è un’iniziativa proposta dal Venezuela per l’integrazione dei paesi dell’America Latina e dei Caraibi, che si concentra nella lotta contro la povertà e l’esclusione sociale. 

[Trad. dal castigliano di Fabrizio Verde]

(VIDEO+FOTO) Maduro recibió a jóvenes palestinos que estudiarán Medicina

002_fb_5862_1415328256por Alba Ciudad 96.3

El presidente Nicolás Maduro, dio la bienvenida este jueves a 119 jóvenes palestinos que arribaron a Venezuela para cursar estudios universitarios en la Escuela Latinoamericana de Medicina Dr. Salvador Allende (ELAM), ubicada en Mariche, estado Miranda. “Ese ha sido nuestro gesto de solidaridad, formar al pueblo palestino para la vida, para la paz después de la masacre que han vivido durante tanto tiempo”, manifestó el mandatario nacional durante la entrega de viviendas a familias venezolanas en el estado Miranda.

Maduro calificó este día como “histórico” y explicó al tiempo que las y los jóvenes palestinos forman parte de un contingente de mil estudiantes que serán formados en el país en el programa de Medicina Integral Comunitaria. “Es una meta dura, no podemos fallar”, expresó. “Para nuestro corazón de bolivariano, de hijos de Chávez que está lleno de solidaridad con Palestina, hoy es un día histórico al recibirlos en nuestra Patria. Palestina no se ha dejado eliminar, se ha negado a morir, ha resistido, Palestina va a vivir, va a vencer, estamos seguros de eso”, manifestó el jefe de Estado.

Dijo estar seguro que el pueblo venezolano recibe a los jóvenes palestinos con amor e instruyó al ministro del Poder Popular para Educación Universitaria, Ciencia y Tecnología, Manuel Fernández, para que se amplíe el número de carreras a fin de formar jóvenes en otras áreas del conocimiento. Maduro indicó que el plan de formación de médicos “es un paso de solidaridad y de apoyo” que dan los países integrantes de la Alianza Bolivariana para los Pueblos de América (ALBA) para impulsar el desarrollo de los jóvenes.

Rechazó que el gobierno de Israel haya interferido para que se retrasara el viaje de los jóvenes palestinos a Venezuela y agradeció al canciller palestino, Riad Malki, “por todas la gestiones que hizo para solucionar la saboteo de Israel”. Dijo que “más temprano que tarde la causa palestina va a triunfar, no tengo ninguna duda que la causa de Palestina va triunfar como han triunfado las causas de otros pueblos”.

Al recordar un aniversario más de la caída del muro de Berlín se preguntó: ¿Quién condena el muro de Israel contra Palestina que son muros más asesinos, son muros gigantescos, y las alcabalas que colocan por todas partes para humillar al pueblo palestino y no pueda ir a visitar algún familiar, quién condena eso?, se preguntó Maduro.

“Más temprano que tarde vamos a ir a celebrar la caída del muro de Israel”, manifestó.

Por su parte la embajadora del Estado de Palestina en Venezuela, Linda Sobeh Ali, agradeció al presidente Nicolás Maduro por el gesto de solidaridad y todo el esfuerzo hecho para traer a los jóvenes palestinos al paìs para estudiar medicina. Denunció que el gobierno de Israel retuvo por tres días a los jóvenes palestinos quienes estuvieron “pasando hambre y frio y sin comida”.

004_fb_5498_1415328256

005_fb_5532_1415328257

006_fb_5955_1415328258

046_ym_3485_1415328257

img_12181415303875

img_12551415303875

img_13221415303876

img_13241415303876

img_13381415303877

img_13791415303877

img_14111415303877

img_14161415303878

img_14361415303878

img_14651415301687

img_14671415303879

img_14721415303879

img_15141415301686

img_15251415301686

img_15311415303880

img_16041415303880

img_16161415303880

img_16681415303881

img_17681415303881

img_17951415303873

img_18071415303874

img_18351415303874

Textos: Correo del Orinoco

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: