(FOTO+VIDEO) A Napoli, GAlleЯi@rt: chiamata alle arti!

Napoli, 04 ottobre 2014

 Comunicato n.6

1 ottobre 2013. Un anno fa. Un drappello di artisti, operatori culturali, artigiani, attivisti sociali della città entrano negli spazi n.28-31 della Galleria Principe di Napoli. Spazi abbandonati ad un decadimento inaccettabile. 

Incuria della Pubblica Amministrazione, assenza di qualsiasi progetto effettivo per la tutela ed il ripristino funzionale, oltre le sole facciate, di un bene monumentale, rischi di speculazione ad uso privato di qualche facoltoso compratore di un patrimonio pubblico in odore di vendita e svendita per far fronte al dissesto finanziario delle casse comunali. 

Il drappello inizia l’autorecupero dei locali. Pulizia degli spazi ed apertura ad uso pubblico. Spazi da restituire all’uso sociale, questo il principio, questa la pratica. Spazi pubblici da restituire al pubblico, dunque. Tutto in pieno autofinanziamento. Spese zero per il Comune. 

Nasce GAlleЯi@rt! Una fucina sperimentale di arti figurative, di nuovi linguaggi espressivi, di libera produzione e partecipazione, nella convinzione che l’arte sia tale se propria all’esercizio della sua funzione sociale, educativa, di nuova aggregazione popolare, sana, responsabile, solidale. 

La Galleria Principe di Napoli, ridotta da anni a mero luogo di transito e, nei casi peggiori, a pubblico “pisciatoio”, diventa luogo di ritrovo quotidiano per decine e decine di persone che, di giorno in giorno, si alternano nella partecipazione alle attività del GAlleЯiL@b: dal tango popolare della domenica mattina, alla scuola dei Break@rt Boyzz (corso di Breakdance pere con i bambini del quartiere), dal body painting al corso di Scacchi&Jazz, dall’uncinetto all’apertura del “Vernissage”, una vera e propria Galleria mobile di arti figurative per giovani talenti. Oltre che, naturalmente, iniziative musicali o di video proiezione serali sempre nel pieno rispetto della cornice offerta dallo stile liberty dell’unica Galleria a tre navate d’Europa. La Galleria rivive, nella partecipazione di cittadinanza attiva che si prende cura dei suoi beni. Pubblici, appunto. 

Un anno di attività sociali, pubbliche, gratuite, fondate sul contributo volontario di attivisti che crescono nel numero e nella qualità dell’organizzazione e della proposta culturale. GAlleЯi@rt una realtà.

Poi arriva luglio. Dopo il crollo di un cornicione nell’altra Galleria della città (la Galleria Umberto I) che ha ucciso un ragazzo, l’Amministrazione decide, incredibilmente, di chiudere la Galleria Principe. L’altra, invece, resta aperta! Come dire al signor Barbaro, che con i suoi negozi, abita la Galleria Umberto I che bisognava metterla in sicurezza perché vi era morto un ragazzo? Barbaro paga l’affitto! Quindi, meglio chiudere l’altra Galleria!.. Inagibilità. Ristrutturazione. Questa la motivazione. L’attività di GAlleRi@rt è temporaneamente sospesa. 15 i giorni previsti. Lavori di ristrutturazione a Napoli in 15 giorni?

Come volevasi dimostrare, passa agosto. E passa anche settembre, naturalmente. La Galleria torna ad essere in uno stato pietoso. Abbandonata, sporca inservibile. Inagibile a tutti tranne che, ovviamente, al Banco di Napoli, con il quale il Comune è esposto finanziariamente e che, pertanto, non ha inagibilità di sorta. L’unico accesso alla Galleria Principe diventa un corridoio di gabbie che porta dritto e solo all’ingresso della Banca e Bancomat.

È il 2 ottobre 2014. la città è blindata per il vertice della BCE asserragliatosi dentro la Reggia di Capodimonte. L’“inagibilità”, metaforicamente, è estesa alla città. Percorsi obbligati e terrorismo psicologico. Invece, un corteo di migliaia di persone scende per le strade, attraversa la sanità, è sostenuto dalla gente, stanca di idiozie e privilegi dei poteri forti per i poteri forti. Il corteo resiste aprovocazioni da parte delle forze dell’ordine ed alla carica. Prosegue. Punta a riconquistare una città sottratta alla partecipazione attiva. Ridotta a spettatrice del suo decadimento. È tempo di agire, invece. GAlleЯi@rt si riorganizza! Riprende la marcia. Riprende gli spazi. Chiama alle arti!

È GAlleЯi@rt 2.0! La rivalorizzazione torna ad essere pratica corrente, un servizio reso alla collettività. Spostamento delle transennature per giunta non corrispondenti all’area che, secondo la circolare comunale avrebbe dovuto essere perimetrata, pulizie generali della Galleria, nuovo “OpenDay”, oggi, 4 ottobre, ore 16.00, con una rappresentativa sintetica di tutto quanto realizzato in Galleria nell’arco di un anno di attività e cittadinanza attiva. Perché la “difesa” di luoghi liberati e restituiti all’uso sociale è difesa sociale stessa.

È la ripresa delle attività e la costruzione di nuove autorità popolari che dimostrano di essere in grado di governare e dirigere la nostra città a fronte dell’incompetenza amministrativa da una parte e delle mire predatorie di privati speculatori dall’altra. L’organizzazione è una realtà in sviluppo, oltre che una parola d’ordine. Per giunta già ampiamente diffusa in città, mai come in questo momento: da Villa Medusa alla ex scuola Schipa, dall’ex Asilo Filangieri alla Mensa della Federico II, da Villa De Luca al Comitato Abitanti Materdei. Tutti progetti di rifunzionalizzazione sociale ad uso aggregativo, culturale o abitativo che riqualificano di fatto la nostra città, laddove dichiarazioni di intenti e declamazioni di progetti amministrativi lasciano il tempo che trovano. L’autorecupero è forma di restituzione sociale di un patrimonio immobiliare cittadino da troppo tempo oggetto di speculazione selvaggia, dismissione coatta o abbandono. GAlleЯi@rt è una delle misure pratiche di autorganizzazione popolare dello spazio pubblico. Vuole essere, insieme, un esempio ed una prospettiva di una governabilità alternativa della nostra città: quella delle masse popolari organizzate.

È su questa base che GAlleЯi@rt fa appello alle forze sociali e di movimento della città, alle altre occupazioni, alle organizzazioni operaie e popolari a ché sia tutelata l’agibilità sociale ed effettivamente democratica e partecipata che, oggi, si sta sperimentando nella Galleria Principe di Napoli, nella convinzione che sono le organizzazioni operaie e popolari la base costituente di un’alternativa di classe, di sistema, di potere.

GalleЯi@rt chiama alle arti! L’arte di costruire la Rivoluzione!

 

GAlleЯi@rt 2.0 – reOPEN DAY

Sabato 04 Ottobre 2014, ore 16.30

In Galleria Principe di Napoli

c/o GAlleЯi@rt  -Spazi occupati n.28-31

___

Due mesi di transennature e una circolare restrittiva d’area.
GAlleRi@rt si riorganizza. 2 ottobre 2014, un anno di occupazione, (Contro)Ordinanza popolare n.1:
Occupa. Resisti. Autorecupera.

 

 

 

 

 

 

 

__

(VIDEO) “L’Esistenza Dei Mostri” canta con Chávez

di L’Esistenza dei Mostri

Ecco qui Chávez, il nostro secondo videoclip girato da Renato Zagari con il supporto di Subcava Sonora e con dentro tante persone speciali con cui condivideremmo una rivoluzione. E’ in anteprima su Sentireascoltare, uno dei due o tre portali musicali che meritano davvero di essere seguiti. E poi c’è che abbiamo portato Chávez al parco, altro che BCE.
Stay Copyleft!

progetto grafico di Alfredo Esposito
scatti di Agnese Mari

Diretto da Renato Zagari, e girato nel parco dei Quartieri Spagnoli a Napoli, Chávez è il nuovo videoclip de L’Esistenza dei mostri con il feat. di Mc Doppia C.

Il clip, in anteprima su SA dal 2 ottobre 2014, «cavalca la ribellione di trentenni ridotti ad uno stato di paralisi che impedisce un confronto sano e reale con il mondo del lavoro, quello dell’emancipazione domestica o più semplicemente quello dei sogni», racconta la press release «Alla fine del percorso, o nelle sabbie mobili che lo contraddistingono, rimane Chávez, insieme a un’idea attiva di emancipazione collettiva come unica prospettiva decente alla barbarie del iperconsumo di massa».

 

Biografia

di Edoardo Bridda

L’Esistenza dei mostri è un progetto musicale di Mauro Sommella, già autore dei Lev – tra i primi gruppi italiani a diffondere musica con licenze copyleft – e di Marcello Vitale, mente delle Viti di Titanio e componente dell’ensemble sperimentale Crossroads Improring.

Il primo disco della formazione, in uscita ad ottobre 2014 per l’etichetta Subcava Sonora, si intitola Co.Co.Pro. – Condizioni Comatose Prorogate ed è un album “in bilico tra il cinico ed il dissacrante, spaccato scanzonato e romantico su una generazione di trentenni, con i suoi miti, il suo vissuto e le sue memorie”. Hanno anticipato l’uscita del disco due videoclip, Rischio Default e Chavez, entrambi diretti da Renato Zagari. Quest’ultimo, dal 2 ottobre 2014, è in anteprima su SA, ed è dedicato “all’inesorabile incapacità sociale di evolversi dallo stato di eterni Peter Pan”. Nella release digitale del disco è presente, inoltre, Miss Romania, bonus track registrata da Mauro Sommella e dai Lev con featuring di K-Conjog, vincitore PIVI 2013. Sempre durante l’anno la band è stata chiamata a far da spalla ad Hugo Race ed a Lo Stato Sociale.

__

Caracas ChiAma: Robert Serra Vive!

da Rete di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana 

La Rete di solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana “Caracas Chiama” esprime sentite condoglianze all’ambasciatore della Repubblica del Venezuela in Italia, Isaías Rodríguez, e a tutto il personale diplomatico per il vile assassinio del deputato Robert Serra e della sua compagna Maria Herrera.

La nostra preoccupazione e il nostro sdegno si trasformano in solidarietà internazionalista: oggi più che mai sentiamo la necessità e il dovere morale di difendere e appoggiare la lotta del PSUV per una nuova e più giusta società.

Per un compagno che cade, mille altri si chinano a raccogliere la sua bandiera.  Noi continueremo con rinnovato impegno nella lotta per il socialismo ricordando il loro cammino; continueremo a denunciare le aggressioni contro il processo bolivariano e a difendere le conquiste sociali e politiche della Rivoluzione.

 

Roma, 3 Ottobre 2014

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: