Fidel Castro: solidarietà con i palestinesi e condanna l’abbattimento dell’aereo malese

da Telesur

Il leader della Rivoluzione cubana ha espresso solidarietà «all’eroico popolo palestinese che difende l’ultimo brandello di ciò che è la loro Patria da migliaia di anni». Inoltre ha condannato le azioni del governo Poroshenko, “anti-russo, anti-ucraniano e pro-imperialista”.

Il leader della Rivoluzione cubana, Fidel Castro ha espresso nel suo ultimo articolo “Provocazione Insolente” il ripudio per l’abbattimento dell’aereo della Malaysia Airlines sul territorio ucraino sotto il controllo del governo del guerrafondaio Piotr Poroshenko.

Il lider maximo ha inoltre esteso la sua solidarietà all’eroico popolo palestinese contro l’invasione militare israeliana della Striscia di Gaza. Segue il testo completo dell’articolo:

Provocazione insolita

Questa mattina i cablogrammi dei lanci informativi erano saturi della notizia insolita che un’aereo di linea della Malaysia Airlines era stato colpito a quota 10.100 piedi, mentre sorvola il territorio dell’Ucraina sulla strada sotto il controllo del governo militarista del re del cioccolato, Petro Poroshenko.

Cuba, che è sempre solidale con il popolo ucraino, e nei difficili giorni della tragedia di Cernobyl ha curato molti bambini colpiti da radiazioni nocive dall’incidente e sarà sempre pronto a farlo, non può non esprimere il suo rifiuto all’azione di questo governo anti-russo, anti-ucraniano e filo-imperialista.

A sua volta, in concomitanza con l’abbattimento dell’aereo della Malesia, il primo ministro di Israele, Benjamin Netanyahu, leader di uno Stato nucleare, ha ordinato al suo esercito di invadere la Striscia di Gaza, dove in pochi giorni centinaia di palestinesi sono stati uccisi, molti di loro bambini. Il presidente degli Stati Uniti ha sostenuto l’azione, definendo il crimine efferato un “atto di autodifesa”. Obama non supporta Davide contro Golia, ma Golia contro Davide.

Come è noto, giovani uomini e donne del popolo d’Israele, ben preparati per il lavoro produttivo, saranno destinati a morire senza onore e gloria. Non so quale sia la dottrina militare dei palestinesi, ma so che sono combattenti pronti a morire in grado di difendere le rovine delle loro case fino a quando avrà il fucile, come hanno dimostrato gli eroici difensori di Stalingrado.

Il mio unico desiderio è quello di esprimere la mia solidarietà al popolo eroico palestinese che difende l’ultimo brandello di ciò che è la sua Patria da migliaia di anni.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

Gaza: le notizie che non fanno informazione

da Unadikum Italia

L’attacco criminale che Israele ha scatenato contro la popolazione della striscia di Gaza prende le pagine dei nostri giornali: con più o meno voltastomaco leggiamo notizie dove i morti palestinesi, (261 morti e circa 1980 feriti ) si mescolano con i morti israeliani? (1 civile colpito a Erez mentre rifocillava i soldati, 2 anziani infartuati, e 6-7 feriti).

C’è veramente da chiedersi quali siano le notizie da far girare. Per questo riporto una notizia tenuta fuori da tutti i giornali:

LA PRESENZA DI INTERNAZIONALI A GAZA CHE NON SOLO NON HANNO VOLUTO ABBANDONARE LA POPOLAZIONE, MA STANNO “DIFENDENDO” COME SCUDI UMANI AL WAFA HOSPITAL.

L’ospedale Al Wafa, come tutti gli altri ospedali, le scuole e le moschee sono indicati da Israele quali “nascondigli per resistenti” quindi obiettivi da bombardare. Tra l’altro non è una novità che Israele individui scuole ed ospedali quali obiettivi da colpire: durante l’operazione Piombo Fuso scuole dell’Unrwa, che ospitavano famiglie sfollate, erano state colpite causando morti tra i civili e l’ospedale Al Wafa era stato bombardato con bombe al fosforo.

L’ospedale in parola ha la pericolosità di ospitare 17 pazienti, uomini e donne che hanno più di 60 anni che necessitano di cure mediche 24 ore al giorno; pazienti che non possono muoversi e che necessitano di essere alimentati con le flebo. Nell’ultima settimana Israele ha lanciato razzi contro l’ospedale, colpendo i piani alti dai quali erano già stati spostati i degenti e portati tutti al primo piano.

Con loro c’erano a turno gli internazionali:
(Unadikum International Brigades) Manu Pineda, Spagna
(Unadikum International Brigades) Valeria Cortés, Venezuela
(ISM) Joseph Catron, USA
Huda Julie Webb-Pullman, Australia e Nuova Zelanda
(ISM) Fred Ekblad, Svezia (Svedese, Inglese)
(ISM) Charlie Andreasson, Svezia
Rina Andolini, UK
Collete Lechrien, Francia

La notizia che gli attivisti internazionali stanno rischiando la loro vita insieme ai pazienti ricoverati, ai medici e agli infermieri non viene diffusa, DA NESSUN GIORNALE, perché? Sarebbe un’ammissione che Israele può colpire ospedali in violazione delle Convenzioni di Ginevra. Violazioni che la società civile ha il dovere di portare davanti alla Corte Internazionale.

IERI SERA, dopo il rifiuto della Croce Rossa Internazionale di coordinare l’evacuazione dell’ospedale, i medici, gli infermieri e gli attivisti Manu Abu Carlos Pineda e Valeria Cortés, gli unici presenti in quel momento, hanno proceduto ad evacuare l’edificio.
Manu ha dovuto guidare un’ambulanza piena di pazienti ammucchiati.

La cronistoria, nelle parole di Manu:

El director del Hospital Wafa llamó a la Cruz Roja a avisarle que nos estaban bombardeando, y les pidió que avisaran a Israel para que pararan los ataques. Los representantes de la Cruz Roja se negaron a hacerlo, diciendo que lo que teníamos que hacer es abandonarlo (Il Direttore del Wafa Hospital ha chiamato la Croce Rossa per avvisare che stavano bombardando, e ha chiesto loro di dire ad Israele di fermare gli attacchi. I rappresentanti della Croce Rossa hanno rifiutato di farlo, dicendo che ciò che avremmo dovuto fare è andar via).

Luego, el director le pidió a la Cruz Roja que enviara ambulancias para evacuar a los heridos, y se han negado porque era peligroso (Poi il direttore ha chiesto alla Croce Rossa di inviare ambulanze per evacuare i feriti, e loro hanno rifiutato perché era pericoloso).

Habían dos ambulancias y un solo conductor. Yo he tenido que dar dos viajes conduciendo una ambulancia, en una zona donde yo no había conducido nunca, con enfermos en estado semivegetativo amontonados como bultos, unos encima de otros (Avevamo due ambulanze e un unico conducente. Ho dovuto fare due viaggi guidando un’ambulanza in una zona dove non avevo mai guidato, con i pazienti in stato semivegetativo ammucchiati come pacchi, l’uno sull’altro).

Evo Morales: «La Banca dei Brics porrà fine al dominio del neoliberalismo e del neocolonialismo»

130926152522-evo-morales-story-topda Russia Today

Il presidente boliviano, Evo Morales, è convinto che la Banca di Sviluppo dei Brics, recentemente creata, nel prossimo futuro porterà al superamento delle politiche neoliberiste e neocolonialiste

«La Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale ricattano i governi, li sottomettono alle politiche neoliberiste. La nuova Banca di Sviluppo sicuramente nel prossimo futuro porrà fine alle politiche neoliberiste e neocolonialiste», ha dichiarato Morales rispondendo alle domande dei giornalisti durante il vertice BRICS-Unasur tenutosi a Brasilia.

Da parte sua, il presidente venezuelano, Nicolas Maduro, ha definito il vertice BRICS-Unasur «la concretizzazione di una nuova geopolitica per la pace e lo sviluppo costruttivo».

Lo scorso mercoledì la capitale del Brasile ha fatto da scenario dello storico incontro tra Unasur e il gruppo Brics. Alla riunione sono accorsi 12 leader sudamericani, tra essi Nicolás Maduro e Cristina Fernandez de Kirchner.

Il primo giorno del sesto vertice dei Brics, i paesi membri hanno firmato l’accordo per la creazione della nuova Banca di Sviluppo.

La nuova istituzione finanziaria dei BRICS rafforzerà significativamente il sistema finanziario mondiale in un momento in cui la riforma del FMI si trova in una fase di stallo. La nuova banca sarà una delle più grandi istituzioni multilaterali di sviluppo in tutto il mondo, visto che il capitale dichiarato sarà di 100.000 milioni di dollari. La banca sarà caratterizzata da un’equa distribuzione delle quote di capitale e della gestione dei diritti. Si prevede che la sua sede sarà Shanghai (Cina). 

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: