Brasile, una Coppa senza il popolo

di Geraldina Colotti, 28.5.2014 

Brasile. In Brasile il fischio d’inizio della competizione calcistica lo hanno dato gli indigeni e i «senza tetto», in lotta contro corruzione e privatizzazioni. E ai lacrimogeni della polizia hanno risposto con un fitto lancio di frecce.

Cavalli, frecce e gas lacri­mo­geni. Piazze sem­pre in fer­mento, in Bra­sile, a due set­ti­mane dai Mon­diali di cal­cio. Que­sta volta, a dare il fischio d’inizio sono stati gli indi­geni e gli atti­vi­sti dei movi­menti sociali anti Coppa, scesi in campo per pro­te­stare in diverse città. A Bra­si­lia, la poli­zia a cavallo ha cer­cato di impe­dire ai mani­fe­stanti di rag­giun­gere uno degli stadi prin­ci­pali che acco­glierà la com­pe­ti­zione spor­tiva, il Mané Gar­rin­cha. Ai gas lacri­mo­geni, gli indi­geni – fra loro anche vec­chi e bam­bini — hanno rispo­sto con pie­tre e frecce.

Un poli­ziotto è stato col­pito e por­tato all’ospedale dove gli è stata estratta la frec­cia, ma non è in peri­colo di vita. L’immagine del nugolo di frecce che rag­giunto una moto di poli­zia ha fatto il giro del mondo. Oltre un migliaio gli agenti dei bat­ta­glioni spe­ciali a guar­dia dello stadio.

Tra il 19 e il 23 mag­gio, è arri­vato anche l’Fbi a impar­tire corsi spe­ciali anti-sommossa ai poli­ziotti bra­si­liani. Molte pro­te­ste sono scop­piate a seguito della repres­sione nelle fave­las e il tema della lotta all’impunità è molto pre­sente sugli stri­scioni dei mani­fe­stanti. «Coppa senza popolo, siamo di nuovo in strada», gri­da­vano le asso­cia­zioni di Senza tetto, in lotta con­tro spre­chi, cor­ru­zione e pri­va­tiz­za­zioni. Il Movi­mento dei senza tetto (Mst) è sul piede di guerra per denun­ciare la spe­cu­la­zione immo­bi­liare e le insuf­fi­cienti poli­ti­che abi­ta­tive. Il Bra­sile ha rag­giunto anzi­tempo (prima del 2015) altri due Obiet­tivi dello svi­luppo del mil­len­nio, ridu­cendo la mor­ta­lità infan­tile e quella materna per parto, e già aveva ridotto di dieci punti la povertà estrema, nel 2012.

I movi­menti, però, chie­dono alla pre­si­dente Dilma più con­se­guenza e deci­sione nei pro­grammi sociali pro­messi, anche in vista delle pros­sime ele­zioni pre­si­den­ziali del 5 otto­bre. Dilma, che si can­dida alla rie­le­zione, sta recu­pe­rando con­sensi ma, secondo una recente inchie­sta, anche i suoi avver­sari avanzano.

Se non ottiene la metà più una delle pre­fe­renze, i son­daggi dicono che andrà al bal­lot­tag­gio con il sena­tore social­de­mo­cra­tico Aecio Neves, a cui viene attri­buito il 20% (in cre­scita) nelle inten­zioni di voto, con­tro il 40% di Dilma. A Neves vanno anche le sim­pa­tie dell’ex cam­pione del mondo di cal­cio Ronaldo Naza­rio da Lima, mem­bro del Comi­tato orga­niz­za­tore locale (Col) del Mon­diale 2014.

Ronaldo ha cri­ti­cato il «ritardo nella costru­zione delle opere di infra­strut­tura, gli aero­porti, la mobi­lità urbana», e ha detto di sen­tirsi «insi­curo». A suo dire, «il governo dovrebbe tran­quil­liz­zare gli impren­di­tori», altri­menti, lui che aveva inten­zione di inve­stire quest’anno in Bra­sile, non lo farà. Ronaldo ha «fatto auto­gol con­tro la sua stessa porta», ha ribat­tuto il mini­stro dello Sport, Aldo Rebelo. Anche i mani­fe­stanti hanno gri­dato slo­gan con­tro l’ex cam­pione, accu­sato di spe­cu­la­zioni in vista dei Mondiali.

Gli slo­gan hanno ricor­dato la morte di otto lavo­ra­tori sui can­tieri, denun­ciato l’insicurezza sui luo­ghi di lavoro e nei ter­ri­tori indi­geni e lo sgom­bero di 250.000 per­sone. Indi­geni delle diverse etnie hanno anche mar­ciato sul Con­gresso. Lamen­tano la len­tezza nel pro­cesso di demar­ca­zione della terra, il raz­zi­smo e gli attac­chi dei grandi pro­prie­tari. Secondo la Com­mis­sione pasto­rale della Terra, orga­ni­smo legato all’Episcopato bra­si­liano, l’anno scorso sono stati uccisi 15 mem­bri delle comu­nità indi­gene. Soprat­tutto col­piti gli yano­mami, 5 dei quali sono stati assas­si­nati nello stato di Roraima, ai con­fini col Vene­zuela. Per il governo, nelle pro­te­ste indi­gene c’è anche la mano di chi ha inte­ressi oscuri o corporativi.

E intanto, secondo un recente son­dag­gio dell’Istituo Data­fo­lha, da giu­gno scorso, quando sono scop­piate le pro­te­ste, a oggi, è pro­gres­si­va­mente dimi­nuito il con­senso della popo­la­zione ai mani­fe­stanti: dall’89% al 52%.

Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: