Caracas, prove di dialogo della Unasur

di Geraldina Colotti – il manifesto

Caracas, 8apr2014.- Una delegazione dell’organismo regionale torna nel paese per favorire il dialogo tra il governo di Nicolas Maduro e l’opposizione

Prove di dia­logo in Vene­zuela sotto l’egida di Una­sur. La dele­ga­zione del blocco regio­nale è tor­nata per la seconda volta a Cara­cas e ha incon­trato rap­pre­sen­tanti del governo e dell’opposizione. Per la Mesa de la uni­dad demo­cra­tica (Mud) erano pre­senti espo­nenti di 10 partiti.

Con­tra­rie le com­po­nenti più oltran­zi­ste come quella di Maria Corina Machado, che da quasi un mese gui­dano le pro­te­ste vio­lente e chie­dono la rinun­cia del pre­si­dente Nico­las Maduro. Assenti i gruppi di estrema destra come Javu (gemel­lati con la bal­ca­nica Otpor, oggi Can­vas), e anche quella fran­gia di Ban­dera Roja che non ha scelto il cha­vi­smo ma l’alleanza con il campo oppo­sto nono­stante la loro ori­gine marxista-leninista.

La Mud dia­lo­gante (obtorto collo) ha però det­tato con­di­zioni: entrata di un terzo media­tore (il Vati­cano), amni­stia per gli arre­stati del suo campo (vec­chi e nuovi) e ritorno degli “esuli” (ex gol­pi­sti e ban­chieri frau­do­lenti rifu­giati a Miami), disarmo dei col­let­tivi di auto­di­fesa (ma non dei para­mi­li­tari di estrema destra). Maduro ha accet­tato la pre­senza del Vati­cano, ma subito è entrata in campo la Con­fe­renza epi­sco­pale vene­zue­lana (ultra­con­ser­va­trice e parte in causa nel colpo di stato con­tro Hugo Cha­vez, l’11 aprile del 2002).

Intanto, con­ti­nua lo scon­tro di piazza e quello sim­bo­lico, messo in scena dai media e dalla rete. Alcuni scatti mostrano un incap­puc­ciato che tira sulla poli­zia con un fucile d’assalto. Un’altra foto­gra­fia segue la corsa di una tor­cia umana, un poli­ziotto rag­giunto da una molo­tov. Sono dell’Agenzia France press. L’altra fac­cia del “bacio e la pie­tra”, dif­fuso da Reu­ters a sim­bolo delle pro­te­ste stu­den­te­sche con­tro “la dit­ta­tura”. Ma subito altre imma­gini, all’occorrenza ama­to­riali, spo­stano di nuovo l’attenzione. Com­pare un gruppo masche­rato che denuda e umi­lia uno stu­dente. La ret­tora (di destra) s’indigna. E Twit­ter apre un rubi­netto di corpi, tutti nudi per soste­nere la cam­pa­gna di opposizione.

L’altro ieri, i media pri­vati hanno tuo­nato con­tro “i col­let­tivi”, appa­ren­te­mente sca­te­nati con­tro un gio­vane mani­fe­stante. Qual­che ora dopo, rag­giunto sull’ambulanza da un gior­na­li­sta, il mal­ca­pi­tato ha dichia­rato di essere uno stu­dente cha­vi­sta, aggre­dito dal campo avverso che voleva dar­gli fuoco, sal­vato dall’intervento dei pompieri.

Media e social net­work entrano a gamba tesa nel con­flitto, a seconda del colore di chi li orienta. E il colore dell’informazione, nel Bel­paese, non offre sul tema molte sfu­ma­ture. A rimor­chio, anche la “coscienza cri­tica” della sini­stra. La scelta di campo è chiara, la nar­ra­zione segue il corso inau­gu­rato con le guerre bal­ca­ni­che “uma­ni­ta­rie”, ne ripete lo schema mani­cheo che rei­tera lo stesso mes­sag­gio: lasciate mano­vrare i padroni delle fer­riere, que­sto è il migliore dei mondi pos­si­bili, altri esempi sono desti­nati al fal­li­mento e all’oppressione.

Diciotto ele­zioni vinte con livelli di par­te­ci­pa­zione inim­ma­gi­na­bili in altri paesi? L’innegabile benes­sere rag­giunto dagli strati popo­lari? Tutto sof­fo­cato dal fumo delle bar­ri­cate e dalla rivolta dei gio­vani ric­chi grif­fati, por­ta­tori di un modello di con­sumo abba­ci­nante ma pre­cluso alla stra­grande mag­gio­ranza della popo­la­zione mon­diale. Un modello inso­ste­ni­bile. Eppure, secondo l’incontrovertibile parere di Moi­ses Naim – ex mini­stro social­de­mo­cra­tico ai tempi della rivolta del Cara­cazo con­tro le misure neo­li­be­ri­ste del suo governo, non­ché diret­tore ese­cu­tivo della Banca mon­diale e oggi edi­to­ria­li­sta di El Pais — a essere inso­ste­ni­bile è la par­ziale rimessa in que­stione dei rap­porti di pro­prietà attuata dal socia­li­smo bolivariano.

Il quo­ti­diano madri­leno ha anche pub­bli­cato l’affermazione del mini­stro degli Esteri spa­gnolo, José Gar­cia Mar­gallo, secondo il quale la Spa­gna avrebbe sospeso la ven­dita di mate­riale anti­som­mossa al Vene­zuela, per­ché viola i diritti umani. Noti­zia ripresa anche dal mani­fe­sto, ma smen­tita “cate­go­ri­ca­mente” da Cara­cas: «Mar­gallo — dice il comu­ni­cato di Mira­flo­res – non ha l’autorità morale per dare con­si­gli su vio­lenza e dia­logo, quando il mondo è stato testi­mone di come il suo governo abbia rispo­sto al popolo spa­gnolo che pro­te­stava con­tro le poli­ti­che di esclu­sione e di nega­zio­ne ­dei diritti umani».

Sulle colonne di Vene­zuela al Dia (pro­dotto a Miami), tut­ta­via anche Naim si dice pre­oc­cu­pato dalla vio­lenza che sta sfug­gendo di mano alle destre, e cerca di smar­carsi. I fra­telli Richard e Cha­mel Akl, arre­stati con armi ed esplo­sivo in un fur­gone blin­dato nell’est di Cara­cas, sono con­trac­tor, diri­gono la filiale vene­zue­lana della Risk Incor­po­ra­ted. Un’impresa di ex mili­tari in pen­sione, che in Mes­sico adde­strava i poli­ziotti a torturare.

«Dob­biamo aspet­tarci una fase di vio­lenza selet­tiva e ter­ro­ri­smo», ha detto il mini­stro Miguel Rodri­guez Tor­res. Il copione è anti­ci­pato nei docu­menti del Frente de resi­sten­cia veci­nal Mara­bunta, visi­bili anche su Youtube.

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: