Cosa? Quando? Dove? Chi? Come? Perché?

di Luis Britto García

Cosa? Quando? Dove? Chi? Come? Perché? Queste sono le domande che si dovrebbe porre qualsiasi professionista dell’informazione, che sia tale, quando si vuole dare conto al pubblico di un avvenimento o di una serie di avvenimenti. Stiamo parlando dell’ABC. Lo scrittore venezuelano Luis Britto García pare volerlo ricordare a coloro, che in tutta evidenza, hanno smarrito questi basilari aspetti dell’informazione. Giornalisti o imbrattacarte?

COSA

Il partito minoritario Voluntad Popular pretende sostituire il Presidente legittimamente eletto con “la salida” verso un “Governo di Transizione” non eletto da nessuno. Il 12 febbraio convoca davanti alla sede della Fiscalía General de la República una manifestazione “contro l’insicurezza” che termina con il tentativo di dare fuoco all’edificio, con l’incendio di veicoli e una sparatoria che causa due morti e trenta feriti. Gruppi di terroristi organizzano blocchi stradali nei quartieri di classe media e sequestrano i vicini, distruggono una cinquantini di mezzi del trasposto pubblico collettivo, sabotano le centrali elettriche, distruggono locali di 15 università, saccheggiano, impongono pedaggi e assassinano a colpi di arma da fuoco gli agenti dell’ordine pubblico e i vicini che tentano di ristabilire la viabilità.

QUANDO

Dopo che il bolivarianismo conquista nelle elezioni di dicembre il 76,42% dei comuni, e si aggiudica 256 municipi su 335. Dopo che il governo ha garantito agli imprenditori 60 miliardi di dollari a tasso agevolato per le importazioni indispensabili, che costoro dissipano con importazioni fittizie. Dopo accaparramenti massivi da parte di commercianti che creano difficoltà nella reperibilità dei prodotti in maniera strategica. Dopo che il governo affronta la guerra economica con una Ley de Precios Justos (Legge dei Prezzi Giusti) che stabilisce un tetto per i profitti delle imprese, che, come ormai di abitudine, si aggiravano sul 200%, 300%, 1.500% e fino al 15.000% su alcune merci.

DOVE

In 19, successivamente in 9 e alla fine in 1 dei municipi a maggioranza di classe media, governati da sindaci oppositori che con le loro polizie locali proteggono coloro che sequestrano i vicini fino a quando una sentenza del TSJ (Tribunale Supremo di Giustizia) lo proibisce (non si verificano blocchi stradali nel Country Club o a la Lagunita). Negli Stati di frontiera, vittime della infiltrazione paramilitare, scenari di un progetto secessionista.

CHI

I media internazionali li presentano come studenti. Qualcuno ce n’è, inviati in prima fila, per garantire le vittime. Ma fra costoro ce ne sono pochi di quel 79% dei giovani tra i 14 e i 24 anni che studia; del 67% che lo fa gratuitamente in istituzioni pubbliche, del 90% di coloro che considerano che gli studi apportano loro molte o abbastanza opportunità, del  73% che considera che il miglior sistema è la bolivariana democrazia partecipativa; del 60% che pensa che il migliore sistema economico è quello socialista (GIS XXI).  Solo un terzo dei violenti arrestati sono studenti. Dei cinque fermati con le armi da parte del corpo di vigilanza della UCV, nessuno apparteneva a questa università, e solo uno era studente.

COME

Passando dalle manifestazioni “pacifiche” al sequestro in massa dei vicini, al saccheggio, alla riscossione di pedaggi, all’incendio, con la distruzione di 15 sedi universitarie gratuite, l’avvelenamento delle acque potabili con il gasolio e con l’assassinio. Distribuendo generosamente 1.338.331 dollari che secondo l’informativa annuale della NED ha destinato  per il Venezuela nel 2012, più la grande quantità di divisa che l’anno precedente ed il presente e il denaro canalizzato attraverso le ONGs finanziate con questi fondi. Assoldando sicari, paramilitari e mercenari nei barrios che dopo la loro cattura hanno confessato di essere stati pagati mille bolivares al giorno, e tremila motociclisti. Collegando 87 periodici della SIP (Società Internazionale della Stampa) ed i cinque mega-monopoli mediatici del mondo contro il Venezuela.

PERCHÉ

Perché il Venezuela è il paese con le maggiori riserve di idrocarburi al mondo e controlla la sua propria industria. Perché utilizza le sue risorse per garantire i più alti livelli di uguaglianza e sviluppo umano della regione. Perché questa nazione è una delle promotrici di una diplomazia multipolare e delle alleanze continentali come l’ALBA, Unasur e la Celac, che si oppongono alle ingerenze degli USA. Perché dopo i fiaschi della Siria e della Crimea, gli USA vogliono rivalersi con quello che l’opposizione aveva loro prospettato come un questione già risolta e invece è risultata essere un obiettivo di difficile ottenimento. Poiché dopo aver perso 18 su 19 incontrovertibili consultazioni elettorali, l’opposizione cerca di ribaltare un risultato che non è riuscita a raggiungere attraverso il voto, utilizzando il terrorismo e l’intervento straniero.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Ciro Brescia]

 

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: