Comunicato di solidarietà ALBA-TCP con il Venezuela Bolivariano

I paesi membri dell’Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America – Trattato del Commercio dei Popoli (ALBA – TCP), hanno espresso il loro forte sostegno al governo e al popolo della Repubblica Bolivariana del Venezuela e respingono le più recenti violenze che sono semplicemente parte di una strategia della destra internazionale attraverso i suoi operatori politici locali per destabilizzare il paese e creare una rottura dell’ordine costituzionale contro il governo del presidente Maduro.

L’ ALBA – TCP piange la morte di cittadini venezuelani nelle mani della violenza generata dalla retorica aggressiva dei fattori politici fascisti e della destra irresponsabile il cui obiettivo finale è quello di dare un colpo di Stato in Venezuela.

In questo senso, l’ALBA -TCP porge le condoglianze alle famiglie venezuelane che piangono oggi la morte dei loro cari uccisi in mezzo alla violenza che si è verificata il 12 febbraio 2014 per le strade del Venezuela.

Questi atti riprovevoli sono parte di un programma per screditare la Rivoluzione Bolivariana attraverso i media mainstream internazionali, in tempi in cui il governo bolivariano del Venezuela ha intrapreso azioni per raggiungere una maggiore pace, la stabilità e la strategia per il dialogo nazionale.

I paesi dell’ALBA-TCP invitano la comunità internazionale a prestare attenzione agli sviluppi in Venezuela, un paese attualmente di fronte a un grave attacco da parte di fattori politici reazionari responsabili di aver generato la violenza.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Ciro Brescia]

Comunicato congiunto delle Ambasciate della Repubblica Bolivariana del Venezuela

Comunicato congiunto

delle Ambasciate della Repubblica Bolivariana del Venezuela presso la Repubblica Italiana, presso la Fao e presso la Santa Sede

 

La Repubblica Bolivariana del Venezuela ripudia i fatti di violenza avvenuti in diverse città del Paese lo scorso 12 febbraio; accadimenti messi in atto da parte di gruppi di destabilizzatori ripetendo un copione simile a quello del fallito colpo di Stato nell’Aprile 2002.

 

Il Cancelliere venezuelano Elías Jaua Milano ha ratificato che in Venezuela si farà giustizia con serenità per evitare l’impunità dei fatti violenti «la principale sfida che dobbiamo affrontare è fare giustizia, con serenità ma con fermezza; è necessario fare giustizia affinché paghi ci ha commesso reato, preservando i diritti fondamentali della democrazia».

 

«I Cancellieri che si sono messi in comunicazione con noi, ci hanno informato che per iniziativa di questi paesi, promuoveranno nell’ambito della Celac, della Unasur e dell’ALBA, l’attivazione dei meccanismi di solidarietà ed i necessari pronunciamenti per condannare i fatti violenti che sono stati imposti al popolo venezuelano».

 

In questi termini, Elías Jaua, ha denunciato che i gruppi che hanno agito contro il popolo venezuelano e che sono stati gli artefici delle violenze a Caracas, sono persone addestrate all’estero con il proposito di generare caos e destabilizzazione.

 

Cronologia dei fatti

 

Mercoledì 12 febbraio ultimo scorso, un gruppo di manifestanti violenti ha aggredito con armi da fuoco ed oggetti contundenti diverse sedi del Governo Nazionale a Caracas ed in altre città del Paese, commettendo atti di vandalismo e distruzione del patrimonio pubblico, nonché bloccando le principali arterie della città. Durante questi fatti si è registrata la morte di tre venezuelani e si sono contati più di sessanta feriti.

 

Il fulcro di queste azioni è stato il concentramento dell’opposizione nella città di Caracas, una manifestazione guidata da Leopoldo López, María Corina Machado e Antonio Ledezma, leaders di partiti politici dell’ultra destra, la quale ha avuto origine nei pressi della Universidad Central de Venezuela (UCV) dirigendosi verso la sede del Ministerio Público, con il pretesto di voler consegnare un documento alla Procuratrice Generale della Repubblica.

 

Tale manifestazione ha goduto di tutte le garanzie di sicurezza da parte dello Stato. Il pretesto di questa mobilitazione è stato l’arresto di alcuni soggetti estremisti che nella città di San Cristóbal (Stato Táchira) il giorno 6 febbraio hanno attentato con azioni violente contro la residenza del Governatore dello Stato, ponendo in pericolo la sua famiglia nonché bambini con handicap sottoposti a trattamenti speciali.

 

Nonostante ciò, giunti alla sede del Ministerio Público i leaders della manifestazione hanno rifiutato l’invito al dialogo con la Procuratrice Generale della Repubblica, Luisa Ortega Díaz, nonché con i suoi rappresentanti. Gli attivisti politici hanno invece preferito dirigersi verso gli assistenti lanciando frasi contro la Procuratrice Generale.

 

Contemporaneamente si è assistito all’arrivo di gruppi muniti di zaini e passamontagna che hanno cominciato ad aggredire le unità della Polizia Nazionale con spari di armi artefatte e pietre. Nel momento in cui si sono ritirati López, Machado e Ledezma, le aggressioni si sono estese nei confronti della Fiscalía General.

 

Il Presidente della Repubblica Nicolás Maduro ha informato che gli autori intellettuali di questi fatti di violenza sono già ricercati dalla giustizia, ed ha chiesto loro di costituirsi. Maduro ha evidenziato che sono stati ritrovati elementi «compromettenti e chiari di quello che è stato il piano della destra nell’ultima settimana».

 

Inoltre ha spiegato che con le investigazioni che portano avanti le autorità competenti, si è ricostruito che Juan Montoya e Bassil Alejandro Da Costa sono stati assassinati con la medesima arma. Ha inoltre dichiarato che Neider Arellano è deceduto dopo gli spari originati da quattro motociclisti nell’avenida Francisco de Miranda, Municipio Chacao a Caracas.

 

Guerra mediatica

 

Alcuni mezzi di informazione internazionale stanno deformando la realtà che si vive nel Paese. Il Governo venezuelano denuncia davanti all’opinione pubblica mondiale i media internazionali che stanno utilizzando immagini false, di repressioni avvenute in altri paesi e immagini della Quarta Repubblica venezuelana al fine di giustificare un intervento straniero in Venezuela e creare un’opinione internazionale negativa contro il nostro Paese.

 

Le Grandi catene di comunicazione si sono prestate in questi 15 anni alla manipolazione volta ad influenzare, perturbare e produrre danno contro la verità del Venezuela, trasformandosi in attori politici della realtà nazionale.

 

Movimento per la Pace e per la Vita

 

Non è certo una coincidenza che questi tragici avvenimenti accadano proprio nel momento in cui il Governo Bolivariano mette in atto misure concrete per la sicurezza e la pacificazione, nell’ambito delle giornate del Movimiento por la Paz y la Vida e del lancio il 14 febbraio del Plan Paz y Convivencia.

 

Tra i punti fondamentali segnalati dal capo di Stato venezuelano Nicolás Maduro Moros, si evidenziano: il consolidamento del sistema di protezione e di vigilanza di polizia per garantire la pace al nostro popolo, il piano di disarmo e smobilitazione delle bande violente, il rafforzamento e l’espansione del Movimiento por la Paz y la Vida, il grande tour nazionale “Hagamos la paz”, il consolidamento dei territori di pace, il consolidamento di una nuova cultura della comunicazione, la trasformazione dei centri penitenziari in spazi di pace, l’istituzione della Brigada Especial Presidencial contro il narcotraffico e contro il sicariato.

 

Ambasciate della Repubblica Bolivariana del Venezuela presso la Repubblica Italiana, presso la Fao e presso la Santa Sede. 

 

 Roma, 15 febbraio 2014

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Ciro Brescia]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: