Come farti capire che c’è sempre tempo?

https://i2.wp.com/www.psuv.org.ve/wp-content/uploads/2013/05/abn-18-12-2007-benedetti-chavez.jpgIn tempi di frenetico ed asfissiante consumismo, nonostante la crisi, un omaggio ad un altro grande figlio della Repubblica Orientale dell’Uruguay, il poeta di origine italiana Mario Benedetti.

Il migliore omaggio che possiamo fare, alla sua memoria e a chi legge, è divulgare la sua opera.

Mario Benedetti, un poeta del popolo. Un nostro poeta.

Buone Festività a tutti.

Come farti capire che c’è sempre tempo?
Che uno deve solo cercarlo e darselo,
Che nessuno stabilisce norme salvo la vita,
Che la vita senza certe norme perde forma,
Che la forma non si perde con l’aprirci,
Che aprirci non è amare indiscriminatamente,
Che non è proibito amare,
Che si può anche odiare,
Che l’odio e l’amore sono affetti,
Che l’aggressione è perché sì ferisce molto,
Che le ferite si rimarginano,
Che le porte non devono chiudersi,
Che la maggiore porta è l’affetto,
Che gli affetti ci definiscono,
Che definirsi non è remare contro corrente,
Che non quanto più forte si fa il segno più lo si scorge,
Che cercare un equilibrio non implica essere tiepido,
Che negare parole implica aprire distanze,
Che trovarsi è molto bello,
Che il sesso fa parte del bello della vita,
Che la vita parte dal sesso,
Che il “perché” dei bambini ha un perché,
Che voler sapere di qualcuno non è solo curiosità,
Che volere sapere tutto di tutti è curiosità malsana,
Che non c’è nulla di meglio che ringraziare,
Che l’autodeterminazione non è fare le cose da solo,
Che nessuno vuole essere solo,
Che per non essere solo devi dare,
Che per dare dovemmo prima ricevere,
Che affinché ci dìano bisogna sapere anche come chiedere,
Che sapere chiedere non è regalarsi,
Che regalarsi è, in definitiva, non amarsi,
Che affinché ci vogliano dobbiamo dimostrare che cosa siamo,
Che affinché qualcuno “sia” bisogna aiutarlo,
Che aiutare è potere incoraggiare ed appoggiare,
Che adulare non è aiutare,
Che adulare è tanto pernicioso come girare la faccia,
Che faccia a faccia le cose sono oneste,
Che nessuno è onesto perché non ruba,
Che quello che ruba non è ladro per suo piacere,
Che quando non c’è piacere nelle cose non si sta vivendo,
Che non ci si deve dimenticare che esiste la morte,
Che si può essere morto in vita,
Che si sente col corpo e la mente,
Che si ascolta con le orecchie,
Che costa essere sensibile e non ferirsi,
Che ferirsi non è dissanguarsi,
Che alziamo muri per non essere feriti,
Che chi semina muri non raccoglie niente,
Che quasi tutti siamo muratori di muri,
Che sarebbe meglio costruire ponti,
Che su di essi si va all’altro lato e si torna anche,
Che ritornare non implica retrocedere,
Che retrocedere può essere anche avanzare,
Che non per il molto portarsi avanti si leva prima il sole,
Come farti sapere che nessuno stabilisce norme salvo la vita?
Come farti sapere che c’è sempre tempo?

(VIDEO) Uruguay: Pepe Mujica, fare politica con l’esempio

Il Presidente Mujica con la divisa della FANB venezuelana

di

Mi ha sempre affascinato quell’angolo di mondo incastonato tra Montevideo e Buenos Aires. Un luogo a tutto tondo dove ingiustizia, genio letterario, calcistico e popolare si fondono. Da Mujica a Borges, da Soriano a Galeano, le vene aperte dell’America Latina, lì dove l’occidente si fa estremo, ci mostrano una terra che è l’Europa capovolta.

Quello che ci lega a quei luoghi è un legame antico, un trait d’union fatto di cognomi e assonanze, un filo rosso che ha il sapore di emigrazione verso terre lontane. Alberto, tassista di Buenos Aires, mi disse che l’Argentina era più simile all’Italia di quanto avesse mai potuto immaginare. L’Argentina è un’Italia dove tutto è andato male. Dalla ricchezza alla polvere. Una terra fra le più ricche al mondo che si trasforma, a causa delle tante scelte sbagliate, in un paradiso della rendita. Un luogo dove i ricchi prosperano e chi vive di lavoro onesto stenta e muore di fame.

Figlio di questi luoghi, così vicini e così lontani, è anche Pepe Mujica, il presidente dell’Uruguay. Fa sorridere che l’Economist abbia nominato l’Uruguay “paese del 2013″. Dopo averci innaffiato di neo-liberismo a secchiate, l’Economist ci dice di guardare con ammirazione a quel piccolo paese incastrato fra Argentina e Brasile, dove un presidente di formazione marxista e rivoluzionaria sta conducendo un esperimento eccezionale.

Pepe Mujica è un vecchio signore di 78 anni. Sin dai primi anni ’60 si è dedicato alla politica, aderendo al movimento Marxista-rivoluzionario dei Tupamaros. Per questa ragione, restò in carcere fino al 1985, anno in cui l’Uruguay diventò una democrazia. E così Pepe, come lo chiamano i suoi concittadini, dopo il carcere si convertì al parlamentarismo continuando a fare politica da sinistra. Si è fatto apprezzare negli anni per le sue doti oratorie e la sua semplicità, quella capacità unica di comunicare con la gente. Quella sua capacità di essere popolare senza mai scadere nel populismo. Dal 1994 al 2010, è prima deputato, poi senatore, poi leader del suo partito e infine Presidente della Repubblica.

Negli ultimi mesi hanno fatto molto rumore la legalizzazione della marijuana e il riconoscimento dei matrimoni fra omosessuali, ma anche i suoi interventi in grandi fori internazionali a difesa dell’ambiente e dell’austerità. Tuttavia l’austerità di Pepe è diversa da quella dei governi europei. La sua battaglia per “un’austerità alternativa” nasce dall’esempio, dalla sobrietà.

Del suo salario di 150.000 dollari l’anno Pepe riscuote solo il dieci percento, 1.250 dollari al mese. A chi lo intervista fa notare, sorseggiando il suo mate, che un incarico presidenziale non dovrebbe cambiare lo stile di vita di una persona. Perché un presidente dovrebbe guadagnare molto più della media dei suoi concittadini?

Quello che colpisce in quest’uomo è la volontà di condurre con l’esempio. Lì dove, povertà e disuguaglianza dominano e non c’è fiducia nello Stato, il cittadino può darti credito solo se gli fornisci un esempio chiaro. Pensate a molti italiani, che oggi vedono lo Stato come un’inconcepibile astrazione, un’astrazione che impone tasse e sacrifici. In un’epoca di bassissima fiducia nelle istituzioni, crisi economica e crescita della disuguaglianza, il supporto popolare a misure rilevanti e radicali può nascere solo dall’esempio di una classe politica che rifiuta lusso e lustrini. Da Pepe avrebbe molto da imparare chi sperpera denaro pubblico a tutti i livelli e anche i tribuni della plebe che chiedono di tagliare mentre navigano nell’oro.

Alla domanda di una giornalista di Al Jazeera su come si sentisse a essere il presidente più povero del mondo, Mujica ha risposto che lui non è povero ma sobrio (consiglio a tutti di guardare questa intervista straordinaria in basso). Sobrio per perseguire l’interesse comune e non quello dei grandi poteri economici, sobrio per non essere corruttibile. Non è un caso che l’Uruguay sotto la sua presidenza abbia livelli di corruzione bassissima per un paese sudamericano.

Pepe Mujica mi ricorda maledettamente il poeta Evaristo Carriego, tratteggiato da Borges, e i suoi versi sempre ispirati al poverissimo (ai suoi tempi) quartiere Palermo di Buenos Aires. La povertà dei suoi vicini come unico motore della poetica:

Carriego pensava di avere un debito verso il suo rione povero: debito che lo spirito codardo dell’epoca interpretava come rancore, ma che lui avrebbe avvertito come una forza. Essere poveri suppone un più immediato possesso della realtà, un immergersi nell’originario gusto aspro delle cose, una conoscenza che sembra mancare ai ricchi, come se ogni cosa giungesse loro filtrata. Così indebitato verso il suo ambiente si sentiva Evaristo Carriego, che in due occasioni si scusa di scrivere versi a una donna, come se la considerazione dell’amara povertà dei suoi vicini fosse l’unico impiego lecito del proprio destino” (Evaristo Carriego, Jorge Luis Borges, p. 22).

[Si ringrazia Davide Matrone per la segnalazione]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: