(VIDEO) La presentazione dell’ANROS-Italia a Roma e Berlino

di Emilio Lambiase*

Venerdì, 25 ottobre a Roma presso la sede del M.A.C. (Movimento Apostolico Ciechi) è stata presentata l’Associazione ANROS Italia, presente Germán Ferrer (El Chino), deputato all’Assemblea Nazionale del Venezuela accompagnato dal Console Generale di Napoli, Bernardo Borges che ora prosegue ad Amburgo la sua missione diplomatica. E’ stata riportata in sintesi la proposta fatta dal Presidente del Venezuela Nicolás Maduro in visita da Papa Francesco, di continuare in Africa la Mision Milagro che a oggi ha ridato la vista a oltre un milione e seicentomila persone in tutta l’America latina e Caribe con l’aiuto di decine di migliaia di medici cubani.

La discussione ha coinvolto numerosi esponenti del M.A.C. che a loro volta hanno illustrato le attività di solidarietà e di sviluppo sostenibile, realizzate in alcuni paesi africani da oltre quarant’anni e, miracolo nel miracolo, c’è stata l’intesa di proseguire l’esperienza congiuntamente nel progetto Mision Milagro Negro. Bernardo Borges ha precisato che, contrariamente a quanto affermato dai media mainstream mondiali – che dipingono Chávez come il solito “comunista ateo, cattivo e mangia-bambini” – la Costituzione Bolivariana del Venezuela riconosce tutti i diritti democratici ed umani, riconosce la proprietà privata, riconosce la libertà di parola e di opinione e che lo stesso Chávez si è sempre dichiarato profondamente cristiano. All’incontro oltre al Presidente ANROS Italia, Emilio Lambiase, hanno partecipato anche: Alvaro Utzcategui e Ciro Brescia (consiglieri), Fabio Gargano dell’Associazione Figli del Bronx che ha ripreso l’evento per raccogliere materiale al fine di realizzare un documentario sull’attualità venezuelana nel nuovo contesto latinoamericano.

Nel pomeriggio i lavori sono proseguiti nella sede della Casa del Popolo di Torpignattara per i previsti incontri della giornata. Presenti in sala numerosi rappresentanti di comunità latinoamericane, dal Cile a Cuba, dal Venezuela all’Ecuador e Siria. Presente anche Indira Pineda Daudinot (consigliere di ANROS Italia) l’ecoattivista contro le guerre, Marinella Correggia, Gianmarco Pisa dei Corpi Civili di Pace, l’Ambasciatore della RBdV presso la Santa Sede e il personale dell’Ambasciata della RBdV a Roma. Fabio Alberti, segretario del PRC di Roma ha rimarcato l’importanza dell’interscambio tra le esperienze dei movimenti latinoamericani e venezuelani e di quelli italiani e della necessità di costruire questo ponte tra le due sponde dell’oceano.

Emilio Lambiase ha presentato le ragioni di ANROS Italia, ne ha delineato la storia e la nascita in Venezuela e ha presentato il profilo storico del compagno Germán Ferrer e la sua traiettoria di militante rivoluzionario. L’occasione è stata utile per presentare anche il libro di Geraldina Colotti (presente all’incontro) “Talpe a Caracas”, nonché invitare i presenti a partecipare agli incontri con Ricardo Patiño del 4 e del 5 novembre a Roma. Nella giornata del 27 presso il salone dell’Ambasciata del Venezuela a Berlino, presenti gli attivisti dei movimenti di solidarietà al processo bolivariano provenienti dall’Italia, Svizzera, Spagna, Svezia, Cile, Colombia, Perù, Honduras, Iraq, Iran, Kazakistan, in collegamento anche con la Bolivia, Cuba, Argentina, Brasile e Francia, siamo stati ricevuti dall’Ambasciatore della RBdV in Germania, Rodrigo Chaves Samudio. E’ stato costituito un coordinamento internazionale nominato Rete Internazionale con l’America Latina ed i Caraibi.

Dichiarazione di Berlino:

(la prima dichiarazione di impegno e di solidarietà assunta dalla Rete Internazionale con l’America latina e i Caraibi)

Solidarietà con il Popolo dell’Ecuador, vittima della Chevron e con il Popolo Venezuelano Rete di Solidarietà con l’America latina ed i Caraibi Manifestiamo la nostra solidarietà con il governo nazionale dell’Ecuador ed il Fronte Amazzonico, lo stesso che richiede l’indennizzo per i danni ambientali storici causati dalla Chevron-Texaco nella selva Ecuadoriana. Chevron deve riconoscere l’indennizzo di 19 miliardi di dollari, secondo la sentenza di una corte ecuadoriana del 2011.

La multinazionale statunitense spende milioni di dollari in ricorsi e campagne sporche contro lo Stato ecuadoriano, invece di attenersi alla sentenza. L’Ecuador non è più il patio trasero degli USA. Perciò, il governo informa il mondo sull’attualità di questo caso. Per tanto, come rete di reti di solidarietà tanto con la Revolución Bolivariana come con la Revolución Ciudadana e gli altri popoli latinoamericani e caraibici, membri o meno della Alianza Bolivariana para los Pueblos de Nuestra América (ALBA), ci impegniamo a diffondere le informazioni sul caso della Chevron e l’esempio da seguire che costituisce l’ALBA per i popoli della Unione Europea. La prossima occasione di incontro sarà per la serie di eventi che organizzerà la sezione distrettuale della Die Linke a partire dalla fine del 2013. In questo modo, ci impegniamo a cooperare con questa serie di eventi e presentare i nostri suggerimenti ed iniziative, nell’ambito dell’incontro che si terrà il 22 novembre 2013 nella galleria Freies Museum, Berlino-Schöneberg (evento sull’ALBA vs. UE, organizzato dalla Fondazione Rosa Luxemburg).

Dichiariamo la nostra solidarietà con il Popolo della Repubblica Bolivariana del Venezuela di fronte alla guerra mediatica ed economica da parte dei settori antidemocratici appoggiati dall’imperialismo che si sono intensificati alla vigilia delle elezioni municipali dell’8 dicembre 2013. Compagne e compagni, siamo al vostro fianco e vi appoggiamo in questa lotta di resistenza!! Ci dichiariamo solidali con i Cinque Eroi Antiterroristi Cubani che sono stati imprigionati negli USA per la loro instancabile lotta contro il terrorismo imperialista degli USA. Manifestiamo la nostra solidarietà con Julián Conrado, Ilich Ramírez Sánchez, Asier Guridi Zaloña e sollecitiamo il Governo Rivoluzionario del Venezuela, il Presidente Operaio e Chavista Nicolás Maduro affinché intraprenda tutte le azioni necessarie a che possano essi recuperare presto la propria libertà.

Berlino, 27 ottobre 2013

Dall’intervento di Emilio Lambiase (estratto):

«Gli uomini si dividono in due categorie: quelli che amano e costruiscono, quelli che odiano e distruggono» (José Martí)

Il “Socialismo del XXI secolo” cui s’ispira il Presidente Chávez, risponde al fallimento di un’economia basata sulla rendita, da sostituire con un’economia di tipo produttivo. Questo permette oggi di migliorare la qualità della vita per la maggior parte dei cittadini venezuelani. Il modello proposto è vincolato a un sistema produttivo diversificato, competitivo, aperto ai mercati internazionali, basato sull’iniziativa privata e che prevede il controllo dello Stato nelle industrie strategiche, ma con un’apertura nei confronti degli investimenti privati. Con questo proposito è stata inaugurata la fitta agenda sociale denominata “misiones bilivarianas” come la “misión Cultura”, la “misión Milagro”, la “misión Robinson”, la “misión Vivienda” solo per citarne alcune e attraverso le quali l’azione governativa e la politica della spesa pubblica, è incentrata sui settori sociali più bisognosi.

Una “dittatura” che chiama il popolo a decidere, che garantisce la salute e l’istruzione a tutti con atto costituzionale, che riconosce la popolazione dei nativi e li rappresenta in parlamento, che adotta un sistema di votazioni cablato definito il migliore al mondo e che ho avuto l’onore di verificare come osservatore internazionale alle presidenziali dell’8 ottobre 2012, è proprio strana! A tale proposito mi piace riportare un’analisi lucida del Presidente della Bolivia Evo Morales che definisce la crisi mondiale come conseguenza della fine della rapina da parte delle lobby statunitense delle risorse energetiche, minerarie e naturali del continente latinoamericano, che, per ultimo, ha denunciato il Governo di Obama per crimini contro l’umanità in risposta alla proibizione del volo presidenziale del Venezuela nello spazio aereo di Porto Rico.

Il Presidente della Bolivia, Evo Morales, ci sbalordisce sempre. Lunedì scorso ha promulgato la legge “Difesa della Madre Terra” che dettaglia la maniera di vivere in armonia ed equilibrio con la natura. La nuova legge considera che la Madre Terra è un “sistema vivente e dinamico”. La norma include il concetto di “giustizia climatica” per riconoscere il diritto delle persone colpite dal cambio climatico ad essere risarcite. Richiede la costituzione di un Fondo Plurinazionale per amministrare le risorse economiche per mitigare il rischio del cambio climatico. La stessa legge prevede la ridistribuzione della terra in maniera equa con priorità alle donne, al popolo indigeno e alle comunità interculturali e afro-boliviane che non la possiedono. Per chiudere questo argomento, penso non sia blasfemia accostare la Rivoluzione Bolivariana a quella, Etica e Morale, di Papa Francesco che ha pronunciato: «Si un cristiano no es revolucionario en estos tiempos, no es cristiano».

Giova ricordare, ed essere onesti, che gli Stati uniti con una storia di appena 238 anni iniziata nel 1775, ben 215 della propria esistenza li ha trascorsi in guerre e attacchi, passando per l’annientamento d’intere etnie fino all’atomica, e persino attaccando il proprio popolo l’11 settembre 2001 per avere mano libera di invadere chiunque sull’intero pianeta, raggiungendo il risultato di mille milioni di vittime e vi risparmio il lungo elenco di popoli e nazioni represse. Gli Stati uniti in tutto hanno sperimentato solamente 23 anni di Pace. Grazie al Venezuela, a Cuba, e ai Paesi dell’ALBA, per dare ancora speranza e dignità all’essere umano! Stiamo vivendo in questi giorni il dramma dei flussi migratori di disperati che provengono dall’Africa e dal Medio Oriente! Non la tiro per le lunghe… ma qualcuno dovrà pure dire alla Boldrini, a proposito di Lampedusa, che si deve interrogare su chi provoca i flussi migratori nel nostro pianeta! Penso che la pressione del moribondo neo imperialismo americano (per questo ancora più pericoloso), figlio della crisi irreversibile del sistema capitalistico, sia la causa della tempesta migratoria, conseguenza degli attacchi alle nazioni che possiedono risorse energetiche e materie prime, che se non sono in affari con gli Stati Uniti rientra a far parte della lista dell’asse del male e primo o poi saranno aggredite.

La Libia di Gheddafi richiamava forza lavoro dai paesi africani più poveri! L’Iraq di Saddam con un primo ministro di fede cristiana era un altro esempio di nazione sovrana aggredita per spartirsi le risorse petrolifere. Pare che la cosiddetta rivoluzione arancione prima, e la primavera araba poi, siano una strategia usamericana dettata dalle lobby industriali degli armamenti per alimentare il fuoco dei disordini e il conseguente fuggi-fuggi drammatico. La nostra epoca è caratterizzata da una nuova lotta di classe: dagli anni ottanta, la lotta che era stata condotta dal basso per migliorare il proprio destino, ha ceduto il posto a una lotta condotta dall’alto per recuperare i privilegi, i profitti e soprattutto il potere che erano stati in qualche misura erosi nel trentennio precedente.

Questo è il mondo del lavoro nel XXI secolo, così è cambiata la fisionomia delle classi sociali, queste sono le norme e le leggi volute dalla classe dominante per rafforzare la propria posizione e difendere i propri interessi. L’armatura ideologica che sta dietro queste politiche è quella del neoliberalismo. La competitività che tale teoria invoca e i costi che impone ai lavoratori costituisce una delle forme assunte dalla lotta di classe ai giorni nostri. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: aumento delle disuguaglianze, marcata redistribuzione del reddito dal basso verso l’alto, politiche di austerità che minano alla base il modello sociale europeo. Aggiungo un nostro detto popolare: “la pazienza ha un limite”. Ebbene, quel limite oggi è stato oltrepassato e non basta più la pazienza, e neppure indignarsi. E’ l’ora di ribellarsi! Nel mese di ottobre, in Italia, si celebra la Giornata della Cultura cubana.

Il pensiero va ad Ernesto Guevara de la Serna, detto el Che, morto a 39 anni fucilato in una scuola elementare, è la prova vivente dell’esistenza d’una cosa. Una cosa magnifica, assurda. Una cosa impossibile, e perciò assolutamente necessaria. L’utopia!

* Presidente ANROS Italia (Associazione Nazionale delle Reti e delle Organizzazioni Sociali – Italia) – 

frontisterion@alice.it cell. 335-6421227

http://www.prensa-latina.cu/index.php?option=com_content&task=view&idioma=1&id=1995531&Itemid=1

http://amerika21.de/2013/10/92424/solidaritaet‐alba‐europa

PERFIL EN FACEBOOK: https://www.facebook.com/SoliRedNetzPatriaGrand?fref=ts

PAGINA EN FACEBOOK: https://www.facebook.com/pages/Red‐de‐Solidaridad‐con‐los‐Pueblos‐de‐Latinoam%C3%A9rica‐y‐el‐Caribe/519081494866316

GRUPO EN FACEBOOK: https://www.facebook.com/groups/213271858842888/

[Si ringrazia Fabio Gargano della Figli del Bronx produzioni per la realizzazione del video]

Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

EL BLOG DE CARLOS

Por un mundo mejor, posible y necesario

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: