Si può normalizzare lo sport sotto occupazione?

Tentativi diplomatici nel calcio, che non sembrano fare passi più significativi di quelli dei colloqui ufficiali

di Flavia Lepre

10set2013.- Diversi paesi arabi si rifiutano di giocare in Palestina a causa del fatto che Israele decide se possono entrare oppure no. Nella prima settimana di ottobre, si dovranno tenere i campionato u21 della WAFF in Cisgiordania e c’è incertezza sul comportamento delle autorità di occupazione. Ad agosto, i rappresentati della Federazione dell’Asia dell’Ovest (WAFF) e le squadre che dolevano recarsi nei Territori Palestinesi Occupati per i campionati regionali degli Under 17, che quest’anno si tengono lì, ne sono stati impediti dalle autorità israeliane. Queste solo dietro pesanti pressioni della UEFA hanno poi consentito il passaggio alle squadre giovanili ospiti, dell’Iraq, della Giordania e degli Emirati. I campionati che dovevano iniziare giovedì 15 agosto sono potuti cominciare solo domenica 18. A seguito di questo episodio, che conferma quanto sia impossibile una vita sportiva “normale” per i Palestinesi sotto occupazione, il Presidente della Federazione palestinese Jibril al-Rajoub ha chiesto a Blatter di sospendere Israele dalla FIFA e di bandirla dalle competizioni internazionali come la Coppa del Mondo. Blatter ha risposto convocando per il 3 settembre un incontro per predisporre una task force sulle limitazioni del movimento dei calciatori palestinesi da parte d’Israele, secondo l’intenzione già dichiarata il 10 luglio scorso.

La riunione si è tenuta nella sede FIFA a Zurigo e vi hanno partecipato, con quelli della FIFA, i rappresentati delle federazioni israeliana (IFA), palestinese (PFA), dell’Asian Football Confederation (AFC), della UEFA. Obiettivo: analizzare come facilitare la mobilità di calciatori, arbitri ed attrezzature in uscita e in entrata in Palestina, per migliorare la situazione del calcio nella regione. In questo modo la FIFA penserebbe di attuare il suo compito di sviluppo e promozione del gioco in accordo con il proprio Statuto. Molto diverse le valutazioni dell’incontro e non si sa se si terrà quello successivo tra le due Federazioni Palestinese ed Israeliana, annunciato da Blatter e che dovrebbe tenersi in Giordania, dovrebbe concordare un memorandum per confrontarsi nella prospettiva di facilitare la mobilità per il calcio all’interno ed all’esterno della Palestina. Il primo rapporto della task force sarà presentato al Comitato Esecutivo FIFA del 3 e 4 ottobre. Blatter parla della riunione del 3 settembre come di un “incontro storico” tra i dirigenti delle associazioni calcistiche d’Israele e Palestinese e dell’avvio d’impegni bilaterali. Che non sia così lo so comprende dalle conclusioni sull’incontro tratte dal responsabile palestinese Rajoub. Pur accogliendo come un passo importante quello compiuto dalla FIFA, perché ha permesso di esporre gli ostacoli che impediscono lo sport in Palestina, egli ha denunciato la poca credibilità d’Israele finché non si adeguerà allo statuto FIFA e riconoscerà piena libertà di movimento ai calciatori palestinesi nei Territori Occupati. Per questo, ha dichiarato di non essere disponibile ad un impegno bilaterale con il dirigente israeliano, i cui pretesi motivi di sicurezza ritiene essere solo uno stratagemma e chiede alla FIFA dei passi concreti: garantire egualmente entrambe le associazioni, a cui dovrebbe essere permesso di funzionare in modo indipendente. Altrimenti, dichiara, si fa solo della retorica.

La retorica della pace sembra catturare anche il glorioso Barcellona. Questo ha provato a ripetere, con giocatori adulti, l’operazione “di pace” che aveva realizzato nell’ottobre 2011, quando per l’inaugurazione del proprio Centro di Formazione Oriol Tort di La Masia aveva fatto giocare 16 ragazzini palestinesi e 15 israeliani insieme con quelli residenti nel Centro. Nonostante che segnali di rifiuto nei confronti di questi tentativi calcistici di “normalizzare” dove non c’è e non c’era niente di “normale” li avesse ricevuti, oltre che da pressioni del movimento BDS, anche dall’ex calciatore della nazionale palestinese Mahamod Sarsak. Questi rifiutò l’invito del club catalano, per “riequilibrare” quello fatto al soldato israeliano Shalit ad assistere il 7 ottobre 2012 al derby contro il Real Madrid. Mahmoud Sarsak, che grazie ad uno sciopero della fame di 96 giorni era riuscito ad avere l’appoggio internazionale e dello stesso mondo del calcio ed essere liberato dalla prigione israeliana dov’era stato senza capo d’accusa per tre anni, sottolineò che non c’erano paragoni da fare tra lui, giocatore sequestrato dalle forze israeliane mentre cercava di raggiungere la propria nuova squadra e giocare in Cisgiordania, e Shalit, soldato israeliano con armi e divisa militare in dosso e in un carro armato a Gaza. I dirigenti del Barcellona hanno dovuto incassare la valanga di pressioni contrarie spagnole ed internazionali ed il rifiuto del responsabile palestinese Rajoub. I Palestinesi non avevano nessuna intenzione di far finta che con una partitella si potesse passare sopra 45 anni di occupazione, la prosecuzione di una colonizzazione illegale e selvaggia ed una pesantissima discriminazione dei cittadini israeliani palestinesi (cosiddetti “arabi israeliani”).

Il Barca ha così rinunciato all’annunciata “partita della pace” propostagli dal Centro Peres per la pace ed in cui Palestinesi ed Israeliani avrebbero dovuto giocare contro il Barcellona il 31 luglio 2013 a Tel Aviv, ed a maggio ha modificato la propria strategia. Il Centro Peres, a quanto l’israeliano Meron Benvenisti, ex vice-sindaco di Gerusalemme tra il 1971 e il 1978, scrisse sul quotidiano israeliano Haaretz, “addestra i Palestinesi ad accettare la propria inferiorità e li prepara a sopravvivere sotto le costrizioni imposte da Israele per garantire la superiorità etnica degli ebrei”. Alexandre Rosell si è rivolto nuovamente ai bambini, ma nella logica di fare due misure uguali per diseguali: a ciascuna delle parti sarebbe stato dedicato un giorno. Il 3 agosto il Barca ha tenuto un football clinic in Cisgiordania ed il 4 uno in Israele.

Anche questa volta sollecita è stata l’organizzazione del presidente israeliano Peres, oltre che del primo ministro israeliano e di Mahmoud Abbas dell’ANP. E’ possibile, nella concretezza dei fatti, creare dei corridoi privilegiati per calciatori e materiali sportivi, mentre permangono sistemi legali differenziati per Palestinesi e coloni israeliani in Cisgiordania, proseguono la colonizzazione (illegale) con i suoi corollari di sottrazione di terre ed impedimenti alla circolazione ed alla vita “normale” e l’assedio di Gaza? Pensare di coltivare “vivai” di giovanissimi calciatori quando le infrastrutture sportive sono state distrutte e ne è impedita la ricostruzione (i materiali edili non possono entrare a Gaza) e gli stessi bambini sono agitati dal terrore di essere prelevati notte tempo dai propri letti per sequestri ed imprigionamenti dai tempi misteriosi e dalle modalità brutali ed umilianti, con possibili corredi di torture e di stupri (in Cisgiordania)? La FIFA e la UEFA assumono nette posizioni per punire senza equivoci il razzismo dei tifosi, ma non sembrano capaci di essere egualmente coerenti nei confronti del razzismo profondo e strutturale subìto dai Palestinesi. Proporrebbero mai di risolvere l’incivile atteggiamento verso giocatori di colore che talvolta è manifestato da parte di gruppi tifosi con “pacificanti” partite tra questi ed i giocatori da loro offesi? Ben altro che la “normalizzazione” si propose e riuscì ad ottenere lo sport quando aderì al movimento internazionale nonviolento di lotta all’apartheid del Sud Africa.

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: