(VIDEO) Medici cubani in Brasile: umiliante sconfitta per El País e El Nuevo Herald

di José Manzaneda*
Lo scorso 26 maggio, il quotidiano di Miami “El Nuevo Herald” annunciava con grande enfasi che il governo brasiliano aveva abbandonato la sua idea di contrattare medici provenienti da Cuba (1). E definiva il fatto come «una delle più umilianti sconfitte subite da parte del governo dei fratelli Castro, (…) e che conferma (…) il deterioramento del livello di formazione accademica dell’Isola» (2).
La soddisfazione era generale nei grandi mezzi di comunicazione. Il partner spagnolo del “El Nuevo Herald”, il quotidiano “El País”, titolava «Il Brasile contratterà medici spagnoli e portoghesi al posto dei cubani». Secondo il suo inviato Juan Arias, «il ministro (brasiliano) della Sanità crede che gli operatori sanitari di questi paesi offrano maggiori garanzie di formazione rispetto a quelli dell’Isola» (3).
Ricordiamo che qualche settimana prima, era stato annunciato un accordo sanitario di cooperazione Sud-Sud tra Cuba e il Brasile, sostenuto dall’Organizzazione Panamericana della Salute: un contingente di medici cubani sarebbe stato destinato a coprire località povere del nord e nordovest del Brasile (4). Immediatamente era stata scatenata un’intensa campagna, di stampo chiaramente xenofobo, nei media brasiliani (5). Questi –e i loro omologhi di Miami, America Latina e Madrid- si erano trasformati per alcuni giorni in portavoce propagandistico dell’elite medica brasiliana, in guerra contro i medici cubani: il presidente dell’Associazione Medica Brasiliana, Florentino Cardoso, era giunto a definirli “scoria” (6).
L’intenso lavoro di pressione mediatica e politica della destra brasiliana contro il governo di Dilma Rousseff sembrava aver dato i suoi frutti, dopo l’annuncio, nei citati quotidiani, della rottura dell’accordo Cuba-Brasile.
Ebbene, ad agosto questi media e le corporazioni mediche brasiliane hanno ricevuto una doccia fredda: è stato annunciato l’arrivo dei primi 400 medici provenienti da Cuba in Brasile, per un totale di 4000 in un anno (7). Appena appresa la notizia, il quotidiano “El Pais”, tramite lo stesso giornalista che aveva sostenuto che il programma medico fosse stato sospeso, ha pubblicato quattro articoli sul tema in appena cinque giorni, raccogliendo le proteste corporative delle associazioni mediche brasiliane. Nell’ultima cronaca, ha accusato furiosamente il governo di Dilma Rousseff di aver «preparato in segreto l’entrata dei medici cubani nel suo sistema sanitario» (8).
Il presidente dell’Associazione Medica Brasiliana, che aveva affermato in numerose interviste a stampa, radio e televisione che “Cuba ha delle facoltà di medicina di pessima qualità”, è stato smentito dai fatti. Il Ministero della Pubblica Istruzione del Brasile ha annunciato che i medici brasiliani che hanno studiato a Cuba hanno ottenuto i migliori voti all’Esame Nazionale di Convalida nel 2011 e nel 2012. (10)
Inoltre è stato diffuso un dato chiarificatore che fa crollare il discorso corporativo delle associazioni mediche: il programma “Más Médicos (Più Medici)” dell’Esecutivo brasiliano aveva offerto 15.460 posti di lavoro nei centri di salute pubblica delle zone periferiche, dando preferenza ai medici brasiliani, con uno stipendio di 4.200 dollari, e – a onor del vero – la richiesta di permanenza in questi luoghi per almeno tre anni. L’offerta è stata accettata solo da 1618 persone, il 10% del totale necessario (11). Non si comprende, quindi, la gigantesca campagna contro i medici cubani che presteranno servizio in comunità povere, senza alcun accesso alla salute pubblica, e dove non vogliono essere destinati i medici del Brasile.
Più di 40.000 medici cubani lavorano in programmi sanitari ubicati in 69 paesi. Sono professionisti preparati, il cui approccio popolare e umanistico alla medicina si oppone a concezioni elitarie ben radicate. Sono medici in grado di lavorare con risorse limitate, preparati non solo per l’assistenza sanitaria, ma anche per l’organizzazione di campagne di prevenzione, e con esperienza nella diagnosi clinica, indispensabile in queste zone dove non ci sono laboratori (12).
La notizia dell’arrivo dei primi medici di Cuba in Brasile, per un totale -entro quest’anno- di 4.000, è una grande vittoria per 700 paesi delle regioni più povere del paese sudamericano. E una delle «più umilianti sconfitte che hanno subito» l’elite medica latinoamericana e i grandi mezzi di comunicazione come “El Nuevo Herald” e “El País”.
– 
[Trad. dal castigliano di Vincenzo Basile (Capítulo Cubano)]
"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: