Siria, Carla Del Ponte: «Le armi chimiche sono dei ‘ribelli’»

armi chimiche medioriente

da controlacrisi.org

Domenica 5 maggio 2013, Carla del Ponte, il magistrato svizzero ex procuratore del Tribunale Penale Internazionale per la ex Jugoslavia dal 1999 al 2007, aveva già rovesciato il convincimento dell’opinione pubblica mondiale sottolineando che ad utilizzare le armi chimiche, a partire dal letale «gas sarin», in Siria, erano stati gli insorti e non gli uomini fedeli al regime di Bashar al Assad. Ad oltrepassare quindi il limite invalicabile (la famosa “red line”) di cui aveva parlato più volte Barack Obama, minacciando una reazione se ad usare le armi chimiche fosse stato Assad, sarebbero state invece le forze dell’opposizione. «Stando alle testimonianze che abbiamo raccolto – ha detto la Del Ponte, parlando ai microfoni della RSI (Radio della Svizzera Italiana) – i ribelli hanno usato armi chimiche, facendo uso di gas sarin, anche se le indagini sono ancora da portare a termine».

Del Ponte ha spiegato che le prove sono state raccolte dagli “investigatori”, Onu, “sul posto nei paesi limitrofi, che hanno interrogato le varie vittime e i medici degli ospedali”. L’ex magistrato elvetico ha confermato di aver visto in un ultimo rapporto della settimana scorsa che «ci sono concreti sospetti, se non ancora prove inconfutabili, che è stato usato del gas sarin, per come le vittime sono state curate», e, «questo utilizzo è stato fatto da parte degli opponenti… dei ribelli e non dalle autorità governative». Del Ponte punta il dito non tanto sui siriani anti-Assad ma contro le frange qaediste sottolineando che, “il fatto non ci sorprende perché negli opponenti si sono infiltrati combattenti stranieri».

Altro su: marx21

 

Egitto. Al-Sisi blocca lo stretto di Suez per le navi Usa

Il Cairo, 28ago2013. – Secondo alcuni siti di informazione il Generale egiziano Al-Sisi avrebbe ordinato di chiudere al traffico militare americano il Canale di Suez.

Si tratterebbe di una seria presa di posizione che farebbe traballare gli equilibri nel Mediterraneo. Sembra che il capo della giunta militare che ai primi di luglio ha rimosso dal potere l’ex presidente Mohammed Morsi e il suo governo della Fratellanza Musulmana, il Generale Al-Sisi, avrebbe annunciato di voler chiudere il canale di Suez in caso di guerra degli Stati Uniti alla Siria. Al-Sisi avrebbe ordinato di bloccare la strada ad alcuni incrociatori americani e ai tender di rifornimento per le unità navali di Washington già presenti nel Mediterraneo. Si tratterebbe, qualora venisse confermato, di un gesto di importanza strategica e diplomatica notevole, e mostra quanto pericoloso sia il gioco cui stanno giocando Obama e i suoi alleati in Medio Oriente.

La decisione, peraltro, metterebbe la giunta militare egiziana in rotta di collisione con l’Arabia Saudita, che si era mostrata favorevole alla rimozione dal potere dei Fratelli Musulmani (tendenzialmente vicini al Qatar) e aveva promesso assistenza economica al Cairo. Proprio l’Arabia Saudita finanzia da tre anni l’opposizione siriana armata ad Assad e i servizi sauditi sono accusati di aver destabilizzato anche il Libano.

Con Al-Sisi potrebbe invece crearsi un’asse di alleanza con Damasco fatto questo che Washington vorrebbe evitare a tutti i costi.

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: