«L’amicizia tra i popoli» a San Marcellino (CE)

di Danilo Della Valle

Si è svolta il 30 Giugno, presso il comune di San Marcellino (provincia di Caserta), la 21° tappa del “Festival dell’Impegno Civile”. L’evento è stato promosso dal comitato “Le terre di Don Peppe Diana” e dal Coordinamento Provinciale di “Libera” di Caserta, sotto l’alto Patronato del Presidente della Repubblica.

Per quanto riguarda il Festival nella sua complessità, si tratta della prima manifestazione italiana ad esser interamente realizzata sui beni confiscati alla criminalità organizzata delle province di Napoli, Caserta, Avellino e Benevento.

La tappa di San Marcellino è stata affidata alla neonata Organizzazione No Profit “Quarantunesimo Parallelo”, organizzazione che si propone come mezzo di informazione e di sensibilizzazione riguardo le tematiche della cooperazione internazionale, dell’educazione allo sviluppo e della promozione culturale e territoriale.

Per la location, l’Organizzazione “Quarantunesimo Parallelo” ha scelto un bene confiscato alla criminalità organizzata sito in San Marcellino, provincia di Caserta, che oggi ospita la Caserma dei Vigili Urbani e la Pro Loco. Il tema della giornata è stato quello dell’integrazione tra le comunità di migranti e le popolazioni indigene, argomento molto attuale per quel che concerne il territorio della provincia di Caserta, dove il livello di immigrazione è molto alto e nel corso degli anni non sono mancati problemi tra le varie comunità e la popolazione locale. In particolare, il Comune di San Marcellino è molto attento alle problematiche inerenti l’integrazione in quanto è sede della più grande Moschea della Campania.

La giornata, è cominciata con i saluti dell’Amministrazione Comunale, della rappresentanza della Provincia di Caserta e della Regione Campania, che hanno voluto esaminare la situazione dei migranti sul territorio e le problematiche inerenti la loro integrazione, e con la spiegazione del progetto del “festival dell’impegno civile” da parte dell’Associazione Libera.

Dopo l’accoglienza ed i saluti iniziali la 21° tappa è entrata nel vivo, i componenti dell’Organizzazione “41° Parallelo” hanno dato il via ai “lavori” presentando gli invitati, a cui è stata data la parola. Il primo intervento è stato quello del dott. Luigi Sarnataro, del Centro “Yalla”, che ha illustrato tutto il lavoro dell’Associazione che si occupa, tra l’altro, di mediazione culturale, un’attività molto importante visti gli imponenti numeri dell’immigrazione in Campania e la varietà di comunità presenti sul territorio. Per il Centro “Yalla”, oltre al dott. Sarnataro, è intervenuta la dott.ssa Francisca Mahawasala che ha arricchito l’intervento precedente spiegando le difficoltà che i migranti hanno quando si trovano a vivere in un altro Paese e l’impegno dell’Associazione “Yalla” che con i suoi progetti cerca di garantire diritti e pari opportunità alla popolazione immigrata, nonché di informare e sensibilizzare l’opinione pubblica italiana alla cultura dell’accoglienza. E’ toccato poi al presidente dell’Associazione “ALBA – per l’amicizia e la solidarietà tra i popoli”, Ciro Brescia, che ha presentato il lavoro di cooperazione che l’associazione porta avanti con le realtà sia istituzionali che associative del continente Sud Americano ed in particolare con l’Associazione Nazionale delle Reti ed Organizzazioni Sociali del Venezuela.

Ciro Brescia ha inoltre raccontato l’esperienza avuta con il Sistema delle Orchestre e dei Cori Giovanili ed Infantili, progetto didattico che si sta diffondendo in Italia e che è stato ideato nel 1975 dall’economista venezuelano José Antonio Abreu. Ha descritto come lo studioso sudamericano aveva individuato nell’esperienza dell’Orchestra una società attiva,  una impresa collettiva dove, solo tramite l’impegno di tutti, si può progredire celermente verso il miglioramento delle prestazioni. Ha inoltre spiegato come con questo progetto, il Venezuela è riuscito a far sì che centinaia di migliaia di bambini hanno potuto imparare a suonare uno strumento; lo Stato ne affida uno ad ogni bambino, e hanno così potuto appropriarsi di un diritto, da Abreu definito sociale, senza che questo diritto fosse appannaggio solo delle classi sociali più elevate.

L’intervento, molto apprezzato dal folto pubblico, è stato poi ripreso dalla dott.ssa cubana Indira Pineda, responsabile dell’Istituto Cubano dell’Amicizia tra i Popoli, che ha portato una testimonianza diretta alla platea raccontando la sua esperienza personale di migrante in Italia. Ha inoltre approfondito l’argomento della cattiva informazione di cui l’Italia, e più in particolare le popolazioni dei Paesi capitalisti, è schiava; cattiva informazione che non racconta i grandi progressi che i Paesi “non allineati” stanno avendo negli ultimi anni, che fa passare chiunque non sia d’accordo con la formula del libero mercato per un “dittatore”, ed epiteti equipollenti. La dottoressa cubana ha infatti ricordato come lei, figlia di un “paese povero” ha potuto studiare gratuitamente fino alla Laurea, ha spiegato come nel suo Paese l’istruzione e la sanità sono pubbliche e gratuite e di come la ricerca (al contrario dell’Italia) è supportata dal governo e va avanti a vele spiegate. L’intervento è stato attentamente seguito dalla platea che sembrava stesse facendosi parecchie domande su quello che effettivamente sta accadendo in Italia.

L’ultimo intervento, della prima parte della manifestazione, è stato affidato alla professoressa Lucia Monaco, del Coordinamento Campano contro le Camorre, che ha abilmente spiegato le finalità dell’Associazione e le problematiche che il territorio Campano, ed in particolare quello Casertano, deve affrontare ogni giorno per combattere la piaga della Camorra. Altro tasto molto importante questo perché molto spesso la criminalità organizzata si serve di parte degli immigrati come manovalanza da sfruttare per i propri loschi affari.

Alla fine degli interventi, è stata la volta del Documentario. “41° Parallelo” ha scelto il docufilm vincitore del Premio Jerry Maslow 2012 e che si occupa di raccontare la vita di due lavoratori stagionali nelle campagne pugliesi alle prese con condizioni di vita inumane. Dalla proiezione del docu-film si è potuto capire come il problema del caporalato sia ancora oggi una piaga sociale, soprattutto al Sud, che affligge migliaia di persone, per lo più immigrate.  Alla fine della pellicola molte persone, toccate dalle immagini crude del documentario, hanno espresso parole di amarezza, rispetto lo spettacolo visto, sperando di non dover più parlare dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo per l’arricchimento personale di qualche individuo. La giornata si è chiusa quindi con i saluti degli Organizzatori che hanno invitato gli ospiti e la platea all’aperto dove sono stati allestiti degli stand eno-gastronomici e dove si è esibita una rock band casertana, “gli Arcangeli”.

A margine della giornata, che ha sicuramente scosso le coscienze di molti dei presenti, ci sarebbe da chiedersi come mai il problema dei migranti non è stato mai affrontato in maniera decisa in gran parte del mondo “economicamente sviluppato”. Anzi, molto spesso il problema “immigrazione” è agitato per alimentare una guerra tra poveri, continuare ad abbattere i costi del lavoro nei Paesi sviluppati con la manodopera dell’ “esercito dei disperati immigrati” ed allo stesso tempo depredare le materie prime i Paesi “poveri” alimentando distruzione, immigrazione e vita da sfruttati.

 

Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: