Primo Maggio: Maduro aumenta il salario

Venezuela/ MANIFESTAZIONI OPERAIE IN TUTTO IL PAESE. ANCHE LA DESTRA DI CAPRILES VA IN PIAZZA
  
arriva la legge per le otto ore di lavoro
di Geraldina Colotti INVIATA A CARACAS
Il nuovo governo chavista, vincitore alle urne il 14 aprile, si appella ai lavoratori, la Mud impugna il voto
Busta paga più alta per i lavoratori venezuelani. Da oggi, il salario minimo passa da 2.047 bolivar a 2.457. A settembre e a novembre, due ulteriori rialzi di almeno il 10%, fino a un aumento complessivo del 35-45%. Nicolas Maduro, eletto presidente il 14 aprile, lo aveva annunciato in campagna elettorale, in continuità con la politica attuata da Hugo Chávez, suo predecessore. Il 7 maggio diventa operativa anche la Ley organica del trabajo para los trabajadores y las trabajadoras (Lott), approvata l’anno scorso: non oltre le 8 ore di lavoro quotidiane e non più di 40 a settimana, due giorni di riposo pagato e sanzioni pesanti alle imprese che non rispettano le leggi.
Un’altra conquista importante dopo quella che ha reso retroattive le prestazioni sociali anche per coloro che non erano stati messi in regola e che ha consentito a tutti di avere una pensione parametrata sul salario
minimo. Anche pensionati e pensionate, quindi, beneficeranno dell’aumento. Molte imprese private hanno fatto il diavolo a quattro, depositando ricorsi su ricorsi, ma si calcola che quasi 7 milioni di lavoratori, su un totale di 9 milioni, potranno usufruire della legge nella data prevista. Stanno per partire anche nuovi piani – sanitari e alimentari – speficicamente rivolti agli operai: Barrio adentro obrero, che riguarda la salute per lavoratori e familiari, Mercado obrero, che sveltisce e facilita l’accesso alle reti dei mercati alimentari a basso costo (Mercal) ai lavoratori di tutte le categorie. «Per costruire il socialismo abbiamo bisogno di una classe operaia cosciente e organizzata», ha detto Maduro invitando i lavoratori a scendere in piazza oggi.
«Ci saremo anche noi», ha risposto il leader di opposizione Henrique Capriles Radonski comunicando in twitter appuntamenti e slogan per le proprie manifestazioni. E il clima resta incandescente.
Il 14 aprile, a dispetto di tutte le previsioni, Maduro ha vinto con poco margine su Capriles, il governatore di Miranda sonoramente battuto da Hugo Chávez il 7 ottobre. L’opposizione ha subito gridato alla frode e invitato la piazza allo scontro. Nove chavisti sono morti, sono state incendiate sedi del Partito socialista unito (Psuv), radio di movimento ed è iniziata la caccia ai medici cubani, accusati di nascondere le urne nei Centri diagnostici integrati. Nonostante il parere di tutti gli osservatori internazionali che hanno testimoniato la trasparenza del processo elettorale, Capriles ha chiesto di ricontare manualmente i voti: richiesta impossibile, perché la Costituzione venezuelana prevede il ricorso al voto elettronico e il riscontro manuale della maggioranza delle schede. Il Consiglio nazionale elettorale (Cne) sta comunque procedendo a un’ulteriore verifica dei conteggi, ma Capriles ha annunciato che in ogni caso impugnerà il risultato.
Una strategia destabilizzante preordinata, secondo il chavismo. In base a video e a intercettazioni che mostrano i legami dell’estrema destra con paramilitari e agenti internazionali, è stato arrestato un cittadino
nordamericano e un ex generale venezuelano, leader del partito Voluntad popular. Numerose associazioni e reti sociali hanno presentato denunce contro i militanti più estremi della Mesa de la unidad democratica
(Mud), accusandoli di aver istigato o promosso le violenze post elettorali. Per il 1 maggio, Maduro ha invitato i lavoratori a vigilare contro «la destra pinochettista» che oggi maschera meglio il suo discorso, ma conserva intatta la sua natura golpista.
Una destra all’attacco, che il 14 aprile ha saputo attrarre una parte degli indecisi con un’accorta strategia, basata soprattutto sul mascheramento dei propri obiettivi di sempre (neoliberismo, privatizzazione e subalternità ai grandi gruppi multinazionali).
Ora continua sulla stessa strada, incalzando il chavismo sul suo stesso terreno, anche a costo di spararle grosse: un aumento salariale in tre tappe? Macché, ha affermato Capriles, noi lo daremmo in una sola volta
e del 40%. E così per le case popolari, i programmi sociali, fino ai vituperati medici cubani ai quali, in campagna elettorale, ha promesso addirittura la cittadinanza venezuelana. Probabile che la Mud prepari la
strada a un referendum revocatorio come fece con Chávez nel 2004. Con un occhio a Washington e un altro a Madrid. Barack Obama domani va in Messico e in Costa Rica. La Spagna, che ha comunque riconosciuto il governo Maduro, si è detta disposta a «mediare nella crisi venezuelana».
L’Europa – ha detto il ministro degli Esteri spagnolo Garcia Margallo – «deve avere una politica più attiva in America latina, altrimenti diventerà irrilevante nel continente».
Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: