Napoli 22feb2017: Il caso Alfredino Rampi attraverso i media

pp

Solidaridad con el Pueblo y el Gobierno de la República Árabe Siria

por movimientodeapoyoasiria

Convocatoria de Conferencia en solidaridad con el Pueblo y el Gobierno de la República Árabe Siria 

Tras 6 años de brutal guerra de agresión contra la Siria progresista y laica ha llegado el momento de que las fuerzas amantes de la Paz se agrupen y eleven una voz contundente a favor del fin inmediato de la agresiones y sanciones, el fin del apoyo de diversos países del bloque imperialista a los diferentes grupos terroristas que lo asolan y devastan desde 2011, el fin de las injerencias imperialistas y el fin de la agresión militar de Israel y Turquía contra este heroico país.

La Paz inmediata en Siria es un grito unánime de los Pueblos del Mundo pero lamentablemente es una demanda despreciada por los países de la OTAN y sus aliados de Israel, Arabia Saudí y Qatar que buscan eternizar la guerra imperialista para que este país árabe siga siendo asolado, destruir su infraestructura y patrimonio cultural,  diezmar su población y borrar su pasado histórico.

Es demasiado el sufrimiento que se le ha impuesto al pueblo sirio y demasiada la injusticia que sufre a causa de las potencias occidentales para que no sea una obligación política y moral fundamental decir BASTA YA y mostrar una solidaridad completa con Siria y su Gobierno legítimo que viene encabezando y organizando la Guerra de todo el Pueblo por su Libertad, su Dignidad, su Existencia y su Vida.

Parte de esta criminal agresión contra Siria, para convertirla nuevamente en colonia, “mandato” extranjero o simple campo de ruinas en manos del imperialismo, es la mentira sistemática bien organizada por los poderes que controlan los medios de comunicación masiva. Por eso se hace necesaria una respuesta en dos terrenos:

  •  En el social y político creando un amplio frente que reúna a las fuerzas progresistas y ciudadanos amantes de la paz contra la guerra imperialista y en defensa de la República Árabe Siria.
  • En el mediático e informativo crear un altavoz alternativo para llegar a la sociedad con el mensaje de lo que realmente está ocurriendo en Siria, y que los medios ocultan y deforman de manera escandalosa.

 A pesar de la brutal campaña mediática de desinformación desatada y ante la participación no declarada y silenciosa de los estados  miembros de la OTAN en esta guerra de agresión, es posible levantar un movimiento de solidaridad con el digno pueblo de Siria y su legítimo gobierno al que se unan partidos políticos, sindicatos, organizaciones sociales, trabajadores, intelectuales y profesionales, ayudando de forma solidaria e internacionalista a parar esta guerra de rapiña, y a que el pueblo sirio pueda reconquistar la paz y recuperar la independencia y su unidad e integridad territorial.

Convocamos a todas las fuerzas amantes de la Paz a una Conferencia en solidaridad con la República Árabe Siria, a celebrar el próximo 22 de abril de 2017, coincidiendo con el mes en que se conmemora la Fiesta de la Independencia, cuando las tropas ocupantes francesas se retiraron en 1946 y fue proclamada la República.

Este encuentro tiene que servir para que llegue al pueblo y gobierno de Siria un mensaje claro e inequívoco de las fuerzas progresistas en solidaridad con su lucha, y de exigencia de paz a las potencias belicistas que la agreden, destruyen y ocupan desde 2011.

EN SIRIA NO HAY UNA REVOLUCIÓN, HAY UNA INVASIÓN IMPERIALISTA Y NEOCOLONIAL POR MEDIO DE MERCENARIOS DE MÁS DE 80 PAÍSES ARMADOS Y PAGADOS POR EE.UU. Y SUS ALIADOS.

SIRIA ES LA CUNA DEL SOCIALISMO ÁRABE.

SIRIA ES EN ESTOS MOMENTOS EL CENTRO DEL MUNDO.

 

ANDALUCÍA COMUNISTA · SOLIDARIDAD ARAGÓN-DONBASS · ATENEO REPUBLICANO DE LAVAPIÉS · OJOS PARA LA PAZ · PARTIDO COMUNISTA DE ESPAÑA · PARTIDO COMUNISTA DE LOS PUEBLOS DE ESPAÑA · PLATAFORMA GLOBAL CONTRA LAS GUERRAS · XEIRA · INICIATIVA COMUNISTA · PLATAFORMA UNITARIA Y POPULAR CONTRA LA GUERRA Y LA OTAN · NULLA POLÍTICA SINHE ÉTICA · LOS VERDES · EUSKAL HERRIA DONBASS ELKARTASUN KOMITEA · MOVIMIENTO DEL POBLE · COMITÉ DE SOLIDARIDAD Y APOYO INTERNACIONALISTA DE CUENCA · IZQUIERDA CASTELLANA · YESCA · EUSKAL HERRIA KOMUNISTEN BATASUNA · GAZTE KOMUNISTEN BATASUNA · A.C. ANTON MAKARENKO · A.C. LOS QUE SOMOS  · CONSTRUYENDO LA PAZ · L´ESQUERDA · COMITÉ ANTIIMPERIALISTA DE CATALUNYA · A.S.C. MAXIMILIANO TORNET · ALBA MALTA NORTH AFRICAN COORDINATION · AL WALADI · A.L. PCA FRANCISCO DÍAZ ALMENSILLA · BRIGADA ARTÍSTICA REVOLUCIONARIA TINA MODOTTI · PARTIDO REVOLUCIONARIO MARXISTA LENINISTA DE CHILE · C.C.A.D. VILLA SUR (COMUNIDAD PEDRO AGUIRRÉ CERDÁ) · PARTI DE L´UNITÉ POPULAIRE · ESCRITORES EN EL EXILIO SAKER TI NUEVO AMANECER · UNIDAD DEL PUEBLO (CANARIAS) · COMITÉ ANTI OTAN DE CANARIAS · A.I.N. LOSPUEBLOS HABLAN ·

>>>sigue>>>

La chama crítica como modelo

por Néstor Francia

Análisis de Entorno Situacional Político
Viernes 17 de febrero de 2017

Hoy vamos a saldar una deuda que tenemos con los lectores desde el día del amor y la amistad, el 14 de febrero pasado, referida a un análisis crítico de la situación actual del chavismo y sobre su conexión con las mayorías nacionales, que debimos postergar por la intensificación de la campaña internacional contra Venezuela que ha tenido como bisagra a la cadena fascista CNN. Para empezar, recordemos algunas frases que incluimos en nuestro Análisis del pasado lunes 13: “El chavismo debe cuidarse mucho de las malas lecturas ¿Está acaso leyendo bien el desinfle político de la oposición? Se irá a molestar más de uno, pero nosotros creemos que no… la dura lucha planteada no se va a decidir ni rápida ni fácilmente, y uno de los principales enemigos que tenemos es el triunfalismo, el excesivo optimismo y la edulcoración de la realidad… aun no hemos podido revertir el alejamiento de la mayoría en cuanto a las preferencias de los ciudadanos, que se mantiene casi igual al de comienzos de 2016… Estamos compitiendo con la oposición por ser la segunda minoría… La primera minoría sigue siendo, de lejos, el sector social de los “no alineados”, con el 41,1%. Pero lo peor es que la mayoría de ellos sigue tendiendo a adosar, casi siempre, las posiciones de la oposición… Si esta matriz no es fuertemente revertida de aquí al 2018, estaremos en salsa, casi listos para que nos guisen”. ¿Por qué nos ha sido tan difícil modificar esa correlación de fuerzas sociales? El gobierno bolivariano, con el presidente Maduro a la cabeza, ha tenido un año con una gran victoria y otras más bien pequeñas pero constantes. La gran victoria es, sin duda, haber mantenido la estabilidad y la paz del país, en medio de una monumental agresión de los enemigos en todos los terrenos. Esta victoria se ha reflejado, entre otras cosas, en el significativo debilitamiento político y social de la oposición interna, que es una de las causas de la mencionada intensificación de la ofensiva externa. Las pequeñas victorias lo son en el sentido de que no han logrado aun alcanzar la estabilización económica ni revertir el importante descontento social por la situación del país en ese ámbito fundamental.

El Gobierno se ha mostrado muy activo, no ha cedido a la tentación de tomar medidas neoliberales que le son exigidas por la oligarquía y sus representantes políticos, ha mantenido el rumbo de promover con fuerza una economía tendiente a ampliar los espacios de orientación social en lo atinente a la producción y a la distribución de bienes, ha hecho un gran esfuerzo para promover la productividad y alcanzar acuerdos con sectores privados, ha sostenido y hasta incrementado los programas sociales, es decir se ha mantenido fiel a la marca de fábrica del chavismo.

El desabastecimiento de bienes ha cedido un tanto, no así la inflación que sigue siendo un grave problema para los venezolanos. En el plano político, el chavismo se ha mantenido con la iniciativa, movilizado en la calle y demostrando ser, claramente y de lejos, la principal fuerza política del país, en parte por la alta moral y capacidad combativa de su base social más leal y también por su evidente poder institucional y militar ¿Qué pasa entonces, por qué se nos ha hecho tan difícil re-enamorar a la mayoría, por qué nos son tan esquivos su simpatía, su afecto y su re-conexión política? Hay tantas cosas por decir, que a estas alturas de la redacción no sabemos si bastará un solo Análisis para agotar el tema. Acaso cada ítem que vamos a presentar merezca un análisis aparte. Por lo pronto, trataremos de ponernos un tanto esquemáticos para plantear algunas taras que percibimos como causas de esta terca incapacidad nuestra para recuperar la alineación del pueblo con nosotros.

Sectarismo. El PSUV es un partido sectario, que se mantiene en una cómoda burbuja que le dificulta su conexión con la realidad y lo aísla del cuerpo social mayoritario. Lo hemos dicho, acaso el pueblo nos ve como a los evangélicos o los Hare Krishna, con nuestras indumentarias, nuestros rituales, nuestra canciones, nuestras consignas que les son extraños. Los líderes nos viven pidiendo ir a las catacumbas del pueblo, pero es como si ni siquiera supiéramos dónde están.

Prepotencia. Muchos camaradas se creen que estamos sobrados, que somos la tapa del frasco, poderosos, invencibles, intocables. Esto no se entiende muy bien, pues venimos de una sonora derrota electoral en 2015. Nos parecemos a la oposición, que con cada pequeño avance se cree que ya el Gobierno se cae y se pavonean por el este de Caracas creyéndose lo mejor de lo mejor. La sobreestimación de nuestra fuerza nos impide ver con seriedad nuestras grandes fallas, preocuparnos de ellas en el nivel que reclaman, revisarnos e introducir los urgentes y profundos correctivos que se hacen necesarios.

Subjetivismo. Despreciamos el estudio de la realidad. Como aprendices de brujos, nos regodeamos en el “yo creo” y en el “yo pienso”, cuando los revolucionarios deberíamos acercarnos siempre al “yo sé”, como producto del estudio científico y concienzudo de la realidad. No caracterizamos científicamente ni lo general ni lo particular. Desde ese punto de vista, nuestra mentalidad es pre-burguesa, escolástica, medieval.

Conservadurismo. Resistencia al cambio. Nos cuesta asumir a plenitud las transformaciones para nada superficiales que requiere el chavismo en esta etapa histórica. Hablamos mucho de las 3R, de la necesidad de revisarnos y reimpulsarnos, pero a la hora de la verdad, permanecemos en nuestras rutinas, hábitos y liturgia “revolucionaria”

Conformismo. Medios de comunicación y pensamiento acrítico extendidos. Dados a la loa y a la adulación, hemos desoído los llamados de Chávez y de Maduro a ejercer la autocrítica como actitud revolucionaria permanente. Nuestro modelo debería ser la joven que reclamó ante el Presidente la situación de su liceo. No somos sinceros, pues a menudo criticamos al mismo Maduro y a la dirigencia en los corrillos, pero callamos en público. Solemos culpar a terceros de nuestras fallas, pero somos indulgentes con nosotros mismos. Nos conformamos con lo que somos ¿por qué cambiar si somos tan chéveres? Nótese que no hablamos ni de la corrupción ni del burocratismo, esos males sistémicos, porque nos concentramos en las fallas que atacan a la mayoría de militantes honestos pero que no se han decidido a enfrentar la urgente necesidad de transformaciones en el seno del chavismo.

Hay, en ese mismo sentido, otros males, pero baste por hoy con los mencionados, que son los más relevantes. Trataremos de ahondar en Análisis próximos, en la medida en que el fragor de la cotidianidad nos lo permita. Y hay otro importantísimo tema que merecerá nuestra atención, podría ser el lunes, dependiendo de cómo vaya el fin de semana: el del discurso del chavismo.

Cerremos con tres frases recientes de Nicolás Maduro: “Así quiero yo la juventud, que diga la verdad, crítica, revolucionaria (…) para nosotros ir a resolver los problemas, ir a atender los problemas”

“Vamos a retomar con un impulso nuevo las tres R, al cuadrado, una por una en toda acción política, ética para ir a un gran proceso de reconstrucción de la mayoría revolucionaria del país”.

“Tenemos que iniciar una nueva era de gobierno, ir a las catacumbas del pueblo, a un gobierno de calle profundo, gobierno adentro. Es la única manera, el único método de conectarnos en profundidad con la nueva energía revolucionaria acumulada allí adentro que está latente en nuestro pueblo y que a veces se convierte en descontento o desmovilización”

I legami di Trump col passato e la resurrezione della sinistra

obama-trumpdi James Petras

09.02.2017- Stati Uniti

 

‘De Omnibus dubitandum’
Bisogna dubitare di tutto

Introduzione
Il Presidente Trump è profondamente radicato nella struttura politica dello stato profondo dell’imperialismo americano. Contrariamente ai riferimenti occasionali al non intervento nelle guerre d’oltremare, Trump ha seguito le orme dei suoi predecessori. Mentre i neo-conservatori e i liberali hanno sollevato lamenti e gemiti per i legami di Trump con la Russia, per le sue ‘eresie’ sulla NATO e le sue aperture alla pace in Medio Oriente, in pratica, lui ha scartato il suo imperialismo umanitario mercantile e si è impegnato nelle stesse politiche bellicose della sua rivale presidenziale del PD, Hillary Clinton.

 

Siccome gli manca la viscida ‘demagogia’ dell’ex-presidente Obama, e non spalma le sue azioni con appelli d’accatto alla politica ‘identitaria’, i grezzi e rudi pronunciamenti di Trump trascinano giovani manifestanti per le strade in azioni di massa. Queste manifestazioni sono in maniera più o meno palese sostenute dai maggiori oppositori di Trump tra i banchieri di Wall Street, gli speculatori e i magnati dei mass-media. In altre parole, il presidente Trump è un porta-insegne e un seguace, non un ‘rivoluzionario’ e neanche un ‘agente di cambiamento’.
Cominceremo col discutere la traiettoria storica che ha dato alla luce il regime di Trump. Poi identificheremo le politiche in corso e gli impegni che determinano la direzione presente e il futuro della sua amministrazione. Concluderemo cercando di capire come l’attuale reazione possa essere in grado di produrre trasformazioni future.  Sfideremo l’attuale ‘catastrofico’ e apocalittico delirio e offriremo ragioni per una prospettiva ottimista per il futuro. In breve: questo saggio sottolineerà come la negatività del presente possa diventare una positività realistica.

 

 

Sequenze storiche

 

Nel corso degli ultimi due decenni, i presidenti degli Stati Uniti hanno sperperato le risorse finanziarie e militari del paese in guerre senza fine, senza speranza di vittoria, come anche in debiti commerciali e squilibri fiscali da milioni di miliardi di dollari. I leader degli Stati Uniti sono impazziti, provocando grandi crisi finanziarie globali, permettendo alle maggiori banche di fallire, distruggendo i piccoli titolari di mutui ipotecari, devastando i produttori e creando disoccupazione di massa, seguita da lavori instabili a bassa retribuzione, che portano al collasso gli standard di vita della piccola borghesia e della classe lavoratrice.

 

Le guerre imperiali, i miliardi di dollari dei salvataggi per i miliardari e la fuga incontrastata delle corporations multinazionali all’estero, hanno ampiamente approfondito le disuguaglianze di classe e dato origine ad accordi commerciali che favoriscono la Cina, la Germania e il Messico. Negli Stati Uniti, i principali beneficiari di queste crisi sono stati i banchieri, i miliardari high-tech, gli importatori commerciali e gli esportatori dell’agro-business. Di fronte alle crisi sistemiche, i regimi al potere hanno risposto approfondendo e ampliando i poteri del Presidente U.S. sotto forma di decreti presidenziali. Per coprire la serie decennale di sconfitte, sono stati incarcerati i ‘delatori’ patriottici e la sorveglianza high-tech da stato di polizia si è infiltrata in ogni settore della cittadinanza.
I Presidenti Bush, Clinton e Obama hanno definito la traiettoria delle guerre imperiali e di rapina di Wall Street. La polizia di Stato, i militari e le istituzioni finanziarie sono saldamente intrecciati nella matrice del potere. Centri finanziari come Goldman Sachs, hanno più volte dettato il programma e controllato il Dipartimento del Tesoro e delle agenzie che regolano il commercio e le banche. Le “istituzioni permanenti” dello Stato sono rimaste, mentre i presidenti, a prescindere dal partito, sono stati rimpastati, dentro e fuori l’ “Ufficio Ovale”.
Il ‘primo’ Presidente ‘nero’ Barack Obama ha promesso la pace e portato avanti sette guerre. Il suo successore, Donald Trump, è stato eletto sulla base della promessa di “non intervento” e prontamente ha brandito il “bastone da bombardamento” di Obama: il piccolo Yemen è stato attaccato dalle forze USA, gli alleati della Russia nella regione ucraina del Donbas sono stati aggrediti dagli alleati di Washington a Kiev e il ‘più realista’ rappresentante di Trump, Nikki Haley, ha messo in piedi un bellicoso spettacolo alle Nazioni Unite, nello stile della ‘Signora intervento umanitario’ Samantha Power, ragliando invettive contro la Russia.

 

Dove è il cambiamento? Trump ha seguito Obama aumentando le sanzioni contro la Russia, mentre minaccia la Corea del Nord di distruzione nucleare, a seguito del maggior dispiegamento militare voluto da Obama nella penisola coreana. Obama ha lanciato una guerra per interposta persona contro la Siria e Trump ha intensificato la guerra aerea su Raqqa. Obama ha circondato la Cina con basi militari, navi da guerra e aerei da guerra e Trump gli è andato dietro a passo d’oca  con retorica guerrafondaia. Obama ha raggiunto il record nell’espulsione di due milioni di lavoratori messicani nel corso di otto anni; Trump lo ha seguito con la promessa di espellerne ancora di più.

 

In altre parole, il presidente Trump ha doverosamente preso il cammino lungo la traiettoria dei suoi predecessori, bombardando gli stessi paesi già nel mirino, mentre plagiava i loro discorsi maniacali presso le Nazioni Unite.
Obama ha aumentato il tributo annuale a Tel Aviv per l’incredibile somma di $ 3,8 miliardi, mentre belava qualche critica pro-forma verso l’espansione coloniale israeliana in Palestina; Trump ha proposto di spostare l’ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme, mentre balbettava qualcuna delle sue solite insignificanti critiche agli insediamenti ebraici illegali sulla terra palestinese trafugata.

 

Ciò che colpisce in maniera straordinaria è la somiglianza delle politiche di Obama e Trump in politica estera, i loro mezzi e alleati. Ciò che differisce è il loro stile e la loro retorica. Entrambi i Presidenti, propostisi come ‘Agenti di Cambiamento’, hanno immediatamente rotto le stesse roboanti promesse pre-elettorali e hanno funzionato alla grande dentro i confini delle sempiterne istituzioni di stato.

 

Le differenze che presentano sono il risultato di contrastanti contesti storici. Obama ha assunto il crollo del sistema finanziario e ha cercato di regolamentare le banche, al fine di stabilizzare le transazioni. Trump ha assunto la Presidenza dopo la ‘stabilizzazione’ da  un trilione di dollari di Obama e ha cercato di eliminare le regolamentazione – sulle orme del Presidente Clinton! Così ‘tanto rumore’ sulla ‘deregulation storica’ di Trump!

 

L’’inverno dello scontento’, sotto forma di proteste di massa contro il bando anti- immigrati e visitanti da sette paesi a maggioranza musulmana di Trump deriva direttamente dalle ‘sette micidiali guerre’ di Obama. Gli immigrati e i rifugiati sono il prodotto diretto delle invasioni di Obama e degli attacchi a questi paesi, che hanno portato a omicidi, ferimenti, spostamenti forzati e miseria a milioni di persone ‘prevalentemente’ (ma non esclusivamente) musulmane. Le guerre di Obama hanno creato decine di migliaia di ‘ribelli’, insorgenti e terroristi. I profughi, in fuga per la loro vita, sono stati ampiamente esclusi dagli Stati Uniti sotto Obama e la maggior parte hanno cercato rifugi sicuri nei campi squallidi e nel caos dell’UE.

 

Per quanto terribile e illegale la chiusura delle frontiere ai musulmani da parte di Trump e per quanto promettenti sembrino le proteste pubbliche di massa, si tratta in entrambi i casi del risultato di una quasi decennale politica di omicidi e caos sotto la Presidenza di Obama.

 

Seguendo la traiettoria politica – Obama ha versato il sangue e Trump, nel suo volgare stile razzista, è stato lasciato a ‘ripulire il casino’. Mentre Obama è stato trasformato in un ‘premio Nobel per la Pace’, creatore di pace, lo scontroso Trump è stato attaccato significativamente per aver osato prendere lo straccio insanguinato!
Trump ha scelto di percorrere la via della calunnia e affronta l’ira di purgatorio. Nel frattempo, Obama è fuori a praticare il golf, il windsurf e a esibire il suo sorriso ‘chi se ne frega’ ai suoi adoranti scribacchini nei media.

 

Mentre Trump ripercorre il sentiero tracciato da Obama, centinaia di migliaia di manifestanti riempiono le strade per protestare contro il ‘fascista’, con decine di reti principali di mass-media, decine di plutocrati e ‘intellettuali’ di tutti i generi, razze e credi che si contorcono per l’oltraggio morale! Si rimane confusi per il silenzio assordante mostrato da questi stessi attivisti e forze quando le aggressive guerre e gli attacchi di Obama hanno portato alla morte e alla deportazione di milioni di civili, per lo più musulmani, e soprattutto donne – mentre le loro case, i matrimoni, i mercati, le scuole e i funerali erano bombardati.

 

Questo per quanto riguarda la confusione delle teste americane! Si dovrebbe cercare di capire le possibilità che nascono da un enorme settore che finalmente rompe il proprio silenzio, mentre l’ovattata bellicosità di Obama è stata trasformata nella grezza marcia di Trump verso l’apocalisse.

 

 

Prospettive ottimistiche

 

Molti si disperano ma ancora più persone sono diventate più consapevoli. Individueremo le prospettive ottimistiche e le speranze realistiche radicate nella realtà e nelle tendenze attuali. Realismo significa discutere sviluppi contraddittori, polarizzanti e perciò non consideriamo alcuno sbocco ‘inevitabile’. Questo significa che i risultati sono ‘terreno conteso’, dove i fattori soggettivi giocano un ruolo di primo piano. L’interfaccia delle forze in conflitto può risultare in una spirale ascendente o verso il basso – verso una maggiore uguaglianza, sovranità e liberazione o verso una maggiore concentraione di ricchezza, potere e privilegi.

La concentrazione più retrograda di potere e ricchezza si trova nell’oligarchica Unione Europea dominata dalla Germania – una configurazione che è sotto assedio da parte delle forze popolari. Gli elettori del Regno Unito hanno scelto di uscire dalla UE (Brexit). Come risultato, la Gran Bretagna deve affrontare una rottura con la Scozia e il Galles e una ancora maggiore separazione dall’Irlanda. La Brexit porterà a una nuova polarizzazione quando i banchieri londinesi si sposteranno verso l’UE e i leader del libero mercato si confronteranno coi lavoratori, coi protezionisti e con la crescente massa di poveri. La Brexit fortifica le forze nazional-populiste e di sinistra in Francia, Polonia, Ungheria e Serbia e frantuma l’egemonia neo-liberista in Italia, Spagna, Grecia, Portogallo e altrove. La sfida per gli oligarchi UE è che l’insurrezione popolare intensificherà la polarizzazione sociale e potrà portare a movimenti di classe progressisti come una volta o a partiti nazionalisti autoritari.

 

L’ascesa al potere di Trump e dei suoi decreti attuativi hanno portato a polarizzare altamente gli elettorati, a una maggiore politicizzazione e all’azione diretta. Il risveglio dell’America approfondisce le incrinature interne tra i piccoli ‘d’ democratici, le donne progressiste, i sindacalisti, gli studenti e gli altri contro gli opportunisti del Partito Democratico, i grandi ‘D’, gli speculatori, i guerrafondai democratici di tutta una vita, i galoppini borghesi neri ‘D’ del partito (i mis-leader) e un piccolo esercito di ONG finanziate dalle imprese.

 

L’adozione da parte di Trump del programma militare Obama-Clinton e di Wall Street porterà a una bolla finanziaria, a spese militari gonfiate e a guerre sempre più costose. Queste divideranno il regime dai suoi sostenitori sindacalisti e della classe operaia, ora che il gabinetto di Trump si è formato interamente con miliardari, ideologi, sionisti rabbiosi e militaristi (contro la sua promessa di nominare imprenditori ‘dal muso duro’ e realisti del mondo degli affari). Ciò potrebbe creare una ricca opportunità per movimenti futuri che rigettino il vero orribile volto del regime reazionario di Trump.

La contrarietà di Trump al NAFTA, la difesa del protezionismo e dello sfruttamento delle risorse finanziarie minerà i regimi narco-neoliberali corrotti e sanguinari, che hanno governato il Messico negli ultimi 30 anni, dai giorni di Salinas. La politica anti-immigrazione di Trump porterà i Messicani a dover scelgiere tra ‘la lotta e la fuga’, per affrontare il caos sociale creato dalle narco-bande e dalla polizia criminale. Esso forzerà lo sviluppo dei mercati nazionali e dell’industria del Messico. Le masse di consumatori interni e la proprietà abbracceranno movimenti nazional-popolari. I cartelli della droga e i loro sponsor politici perderanno i mercati degli Stati Uniti e affronteranno l’opposizione interna.
Il protezionismo di Trump limiterà il flusso illegale di capitali dal Messico, che ammontava a $ 48.300.000.000 nel 2016, ovvero il 55% del debito del Messico. La transizione del Messico dalla dipendenza e dal neo-colonialismo risulterà profondamente polarizzare per lo stato e la società; il risultato sarà determinato dalle forze di classe.

 

Le minacce economiche e militari di Trump contro l’Iran rafforzeranno le forze nazionaliste, populiste e collettiviste nei confronti dei neo-liberisti ‘riformisti’ e dei politici all’occidentale. L’alleanza anti-imperialista dell’Iran con lo Yemen, la Siria e il Libano si solidificherà contro il quartetto guidato dagli Stati Uniti, cioè Arabia Saudita, Israele, Gran Bretagna e Stati Uniti.

 

Il supporto di Trump al massiccio sequestro da parte israeliana della terra palestinese e il suo bando stile ‘solo Ebrei’ contro i musulmani e i cristiani porterà al ‘rovesciamento’ dei multi-milionari collaborazionisti dell’Autorità Palestinese e al sorgere di ancora più rivolte e intifade.

 

La sconfitta dell’ISIS rafforzerà le forze governative nell’Iraq indipendente, in Siria e in Libano, indebolirà la presa imperiale e aprirà la porta alle lotte secolari, democratiche e popolari.

 

La campagna anti-corruzione su larga scala e su lungo termine del Presidente della Cina Xi Jinping ha portato all’arresto e alla rimozione di oltre un quarto di milione di funzionari e uomini d’affari, inclusi miliardari e leader ai vertici del Partito. Gli arresti, i procedimenti giudiziari e la carcerazione hanno ridotto l’abuso del privilegio, ma cosa più importante, hanno migliorato le prospettive per un vasto movimento sociale, capace di sfidare le disuguaglianze. Quello che era iniziato dal ‘di sopra’ può provocare movimenti ‘del basso’. La rinascita di un movimento che guardi a valori socialisti  può avere un impatto importante sugli stati vassalli degli Stati Uniti in Asia.

Il sostegno della Russia ai diritti democratici nell’Ucraina orientale e la ri-costituzione della Crimea tramite referendum possono limitare i regimi fantoccio USA sul fianco meridionale della Russia e ridurre l’intervento degli Stati Uniti. La Russia può sviluppare pacifici legami con gli Stati europei indipendenti, in seguito alla disgregazione della UE e alla vittoria elettorale Trump, ben oltre la minaccia da parte del regime di Obama-Clinton di una guerra nucleare.

 

Il movimento mondiale contro la globalizzazione imperialista isola la morsa di potere voluta dalla destra degli Stati Uniti in Sud America. Il perseguimento di patti commerciali neo-liberisti da parte del Brasile, dell’Argentina e del Cile si trova sulla difensiva. Le loro economie, quelle dell’Argentina e del Brasile soprattutto, hanno visto un aumento di tre volte tanto del tasso di disoccupazione, di quattro volte del debito estero, una crescita stagnante o negativa e ora devono affrontare scioperi generali supportati dalle masse. Il ‘toadyismo’ neo-liberista sta riportando alla lotta di classe. Ciò può ribaltare l’ordine post-Obama in America Latina.
Conclusione

In tutto il mondo, all’interno dei paesi più importanti, l’ordine ultra-neo-liberista del passato quarto di secolo si sta disintegrando. Vi è un aumento improvviso e massiccio di movimenti dall’alto e dal basso, dai nazionalisti alla sinistra democratica, dagli indipendenti populisti alla destra reazionaria della ‘vecchia guardia’: è emerso un nuovo universo politico frammentato e polarizzato. L’inizio della fine del corrente ordine imperial-globalista sta creando opportunità per un nuovo ordine democratico collettivista e dinamico. Gli oligarchi e le elite della ‘sicurezza’ non daranno facilmente spazio alle richieste popolari né si faranno da parte. Si affileranno coltelli, decreti esecutivi verranno emanati, colpi di stato elettorali andranno in scena nel tentativo di prendere il potere. I movimenti democratici popolari emergenti hanno bisogno di superare la frammentazione dell’identità e scegliere leader unitari, egualitari, che possano agire con decisione e in modo indipendente dagli esistenti leader politici, i quali compiono gesti drammatici e plateali, mentre cercano un ritorno alla puzza e allo squallore del recente passato.

 

[Trad. dall’inglese per Albainformazione di Marco Nieli]

(VIDEO) A Napoli nasce la casa della Resistenza con GAlleЯi@rt e ANPI

GAlleЯi@rt – Comunicato n. 9

GAlleRi@rt, l’Associazione culturale Resistenza, l’ANPI e il Comune di Napoli.

Nasce la Casa della Resistenza napoletana e delle Quattro Giornate.
Nasce anche un’Amministrazione Comunale di Emergenza Popolare?

Napoli, 15 febbraio 2017

“La nostra capacità, quella di una città così profondamente ‘libertaria’, così profondamente intrisa dei valori costituzionali, non si deve limitare a dire ‘abbiamo vinto una grande battaglia’. Il 4 dicembre Napoli ha scritto una bella pagina. Non è sufficiente. Noi abbiamo difeso la Costituzione che altri volevano stravolgere come ‘ostacolo’. Bene, tocca ancora a noi, adesso, attuare l’art. 3, seconda comma della Costituzione: ‘Compito della Repubblica è rimuovere gli ostacoli che impediscono lo sviluppo – e la realizzazione [ndr.] – della persona umana e l’affermazione dei valori di giustizia e di uguaglianza. […] Non più, dunque, solo una resistenza dal basso, ma una controffensiva per attuare i valori della Costituzione. 
Allora qui, in questo luogo in cui stiamo parlando, vogliamo costruire insieme la sede di chi come l’ANPI custodisce e tramanda i valori della Resistenza antifascista e dall’altra di chi – e da sindaco mi sento profondamente orgoglioso – non ha scelto la strada dell’indifferenza o dello sfogatoio, della sola critica al potere costituito, ma ha già cominciato a riacquistare degli spazi di libertà e di democrazia come GAlleЯi@rt e come tante altre realtà che sono città. Questa è un’altra anomalia! Un’anomalia democratica che ci rende orgogliosi di essere figli delle Quattro Giornate, persone che non rinunciano a lottare, che non si limitano a dire ‘questo mondo non ci piace’, ma provano a costruire dal basso la via costituzionale. 
Molto bello, dunque, il passaggio tra chi resiste oggi, in forme diverse da altri anni e chi ci ha tramandato quella Resistenza. Perché questa è la Storia! Che non dobbiamo dimenticare! Dobbiamo ‘prendere a calci’ – politicamente parlando – i fautori di quelle operazioni di revisionismo che sono veramente spudorate. Perché questa è la nostra Storia. Una Storia antifascista. Napoli sarà sempre antifascista, per una storia di una città Medaglia d’oro alla Resistenza, di ieri e di oggi, nelle forme che il popolo napoletano saprà darsi […]
Grazie, dunque, all’ANPI, grazie a GAlleЯi@rt […]. 
Sono orgoglioso di essere sindaco di una città che ancora oggi resiste, una città che non si piega”. 

(Luigi de Magistris, Sindaco di Napoli, 12 febbraio 2017)

Galleria Principe di Napoli, 12 febbraio 2017: 
nasce la Casa della Resistenza napoletana e delle Quattro giornate.

L’intervento completo del Sindaco de Magistris all’inaugurazione del partenariato tra l’Associazione culturale Resistenza-GAlleЯi@rt e l’ANPI all’indirizzo: https://youtu.be/qs6UrGx4DuI
16683885_1391611354244451_4584585993459751909_n
Cosa chiediamo all’Amministrazione Comunale di Napoli? Niente!

Gli indichiamo piuttosto cosa può e deve fare: anzitutto e soprattutto incoraggiare le masse popolari a organizzarsi per prendere in mano capillarmente i servizi pubblici che le Autorità della classe dominante tagliano, riducono o lasciano andare in malora; dare riconoscimento, forza e forma di legge ai provvedimenti di volta in volta assunti, caso per caso, dagli organismi popolari per far funzionare parti crescenti dell’organizzazione della vita sociale collettiva delle masse popolari; di mettersi al servizio degli interessi delle masse popolari favorendo la creazione di agenzie pubbliche, private e cooperative sulla base della parola d’ordine “un lavoro utile e le dignitoso per tutti”; di mettere in uso, riabilitare tutto il patrimonio edilizio della città, salvaguardare le infrastrutture, rivalorizzare a uso sociale il patrimonio artistico, culturale e storico; convincere, con le buone o le cattive, le agenzie locali del sistema bancario a fornire i crediti necessari per queste iniziative; favorire, in ogni modo, la partecipazione delle masse popolari alla gestione della vita sociale, alle attività culturali e artistiche, alla ricerca scientifica e allo sport; mettere i mezzi di comunicazione e di informazione gratuitamente a disposizione delle masse popolari organizzate. Avere, in sostanza, come linea di condotta e di indirizzo quella dell’applicazione delle parti progressiste della Costituzione e di sostenere, mettendo a disposizione uomini, mezzi, risorse, relazioni, contatti e “prestigio” istituzionale, tutti quanti agiscono applicando direttamente le parti progressiste della Costituzione.

Essere, cioè, in una sola espressione, un’Amministrazione Comunale di Emergenza popolare. Di costituirsi come tale. Per il solo fatto della sua costituzione, per la sua dichiarazione di inconciliabilità di fatto con i governi centrali illegittimi e illegali che, senza Elezioni, si stanno avvicendando, da anni ormai, alla guida del paese (senza, peraltro, riuscire a governarlo), con la sua stessa esistenza, la sua propaganda e le relazioni che svilupperà, per le adesioni che raccoglierà, per gli effetti che la sua costituzione, la sua esistenza e la sua attività provocheranno nel campo nemico dei “poteri forti”, una simile Amministrazione darà di fatto nuovo impulso alla moltiplicazione delle organizzazioni operaie e popolari, all’elevamento del loro orientamento politico e allo sviluppo della loro iniziativa. Sarà, dunque, di fatto, pezzo sostanziale della costruzione di un’alternativa di governo dei territori, dei quartieri, della città e un esempio per il resto del paese, affinché altre Amministrazioni facciano lo stesso e le organizzazioni operaie e le popolari possano procedere alla promozione di un loro governo centrale, loro diretta espressione, un Governo di Emergenza Popolare.

GAlleЯi@rt

c/o Galleria Principe di Napoli – spazi occupati n. 28-31

e-mail: galleriart2831@gmail.com – Info tel. 3478561486 – fb: Galleri Art

Venezuela: Comunicado CONATEL

84dfb9fb-4550-40e6-8666-fb82a7e02d6fpor Conatel

Se hace del conocimiento de la opinión pública que en la presente fecha esta Comisión Nacional de Telecomunicaciones (CONATEL), a fin de garantizar a los ciudadanos la existencia de las condiciones para desarrollar sus actividades dentro de un ambiente de seguridad, paz y confianza, en el que impere el orden y los valores fundamentales de un estado social, de derecho y de justicia, tal y como lo prevé la Constitución de la República Bolivariana de Venezuela en relación a la Ley de Responsabilidad Social en Radio, Televisión y Medios Electrónicos y otras leyes aplicables, inició procedimiento administrativo sancionatorio y las consecuenciales medidas cautelares, en virtud de la transmisión de la señal de CNN EN ESPAÑOL.

Tal procedimiento obedece al contenido que viene difundiendo la citada cadena internacional de noticias de forma sistemática y reiterada en el desarrollo de su programación diaria, de la cual se desprende de forma clara y perceptible contenidos que presuntamente constituyen agresiones directas que atentan contra la paz y la estabilidad democrática de nuestro pueblo venezolano, ya que los mismos generan un clima de intolerancia.

Puesto que sin argumento probatorio y de manera inadecuada difaman y distorsionan la verdad, dirigiendo las mismas a probables incitaciones de agresiones externas en contra de la soberanía de la República Bolivariana de Venezuela y el estamento de sus instituciones; lo cual es atentatorio al ordenamiento jurídico que rige la nación.

Tales hechos constituyen presuntas violaciones flagrantes a la garantía constitucional prevista por el Constituyente Patrio en el artículo 58, el cual es del siguiente tenor: “La comunicación es libre y plural y comporta los deberes y responsabilidades que indique la ley.

Toda persona tiene derecho a la información oportuna, veraz e imparcial, sin censura, de acuerdo con los principios de esta Constitución, así como a la réplica y rectificación cuando se vea afectada directamente por informaciones inexactas o agraviantes. Los niños, niñas y adolescentes tienen derecho a recibir información adecuada para su desarrollo integral”.

Es por todo lo antes expuesto que esta Comisión Nacional de Telecomunicaciones (CONATEL) ordenó como medida preventiva la suspensión y salida inmediata de las transmisiones del Canal de Noticias CNN en español en el territorio nacional.

Así mismo, resulta propicio instar a los medios de difusión, dueños de medios, concesionarios de frecuencias radioeléctricas, operadores de medios electrónicos, periodistas, corresponsales y en general, a todos aquellos que tienen acceso a medios de difusión, a ofrecer a nuestro pueblo información veraz y oportuna, ajustada a los valores propios de la sociedad venezolana, cuyos mensajes obedezcan fielmente a los hechos suscitados.

En la ciudad de Caracas, a los 15 días del mes de febrero de 2017.

Andrés Eloy Méndez González
Director General de la Comisión Nacional de Telecomunicaciones
Según Decreto Nº 2.494
GO Nº 41.014 de fecha 21 de Octubre de 2016
Av. Veracruz con Calle Cali, Edificio CONATEL, Urbanización Las Mercedes. Caracas, 1060 – Venezuela
Teléfonos: (58-212) 90-90-493 (Master) / Fax: (58-212) 993-53-78 / http://www.conatel.gob.ve

Oliver Stone: «Il giornalismo mondiale ha fallito»

da Yvke Mundial/Correo del Orinoco

7feb2017.- Oliver Stone è convinto che i responsabili della circolazione di tante notizie false nel mondo non sono i canali alternativi ma piuttosto i media più prestigiosi.

Presentando il documentario Ucraina on fire che ha prodotto e che racconta la “rivoluzione” Ucraina del 2014, Stone ha voluto portare il suo punto di vista secondo il quale i generatori delle fake news sono soprattutto i canali di stampa tradizionali. 

La “rivoluzione” Ucraina, la cui responsabilità è stata attribuita alla Russia di Vladimir Putin, è stata invece elaborata e finanziata dagli Stati Uniti per far ricadere la responsabilità sulla Russia e giustificare ancora l’esistenza della Nato. 

Stone ha inoltre definito ridicola la teoria secondo la quale Donald Trump sarebbe stato eletto grazie alle interferenze di Vladimir Putin. 

Il documentario è stato presentato durante la prima edizione di “Filming on Italy” un evento di promozione dell’Italia come set cinematografico organizzato a Los Angeles. Il regista e l’Ucraino Igor Lopatonok. Stone lo ha prodotto e ha intervistato i protagonisti del caso: Vladimir Putin e Victor Yanukovich, ex presidente ucraino deposto dopo che si è fatta passare quella ucraina, come una rivoluzione partita dal basso ma, secondo la versione del documentario, è stato invece un autentico colpo di Stato che ha goduto del finanziamento degli Stati Uniti. 

Gli Stati Uniti hanno un ruolo enorme ed una grande responsabilità e lo continuano a negare. Lo ha affermato il regista vincitore dell’Oscar per “Platoon” e “Nato il 4 luglio”, tra gli altri. Stone ha affermato che: “è una situazione dolorosa per la gente Ucraina. Quella che raccontiamo non è la narrazione ufficiale ma invece quello che è realmente successo. Non lo vedranno nei media statunitensi ma troveremo il modo di diffondere il nostro documentario anche se fosse attraverso YouTube”.

Stone ha criticato duramente il giornalismo statunitense responsabilizzandolo per aver accettato la versione del governo senza fare alcuna ricerca, senza andare a fondo. “Che fine ha fatto il giornalismo degli anni ’60, quello che ha portato alla luce lo scandalo del Watergate e ha mostrato la vera faccia della guerra del Vietnam?”, si chiede Stone, “Ad un certo punto la stampa ha smesso di avere senso critico. La sua funzione dovrebbe essere quella di analizzare le teorie delle fonti ufficiali e criticarle ma già non lo sta più facendo, e questo documentario mostra chiaramente il suo fallimento”. 

Il New York Times, il Washington Post e altre prestigiose testate statunitensi non stanno più svolgendo il ruolo di un tempo, ossia il loro lavoro, ha denunciato il regista Stone, anche commentato l’elezione di Trump alla Casa Bianca, e ha definito ridicole le teorie secondo le quali lo stesso Trump, abbia vinto grazie all’ingerenza russa. 

“Sono gli Stati Uniti ad avere una lunga tradizione di ingerenza nella politica degli altri Paesi, non la Russia”, ha ricordato.

[…]

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Ciro Brescia]

Roma 16feb2017: Fiesta del Movimiento Alianza Pais Lazio

9ce19ebe-c374-4f70-8c96-ed6f56b2478d

Caserta 20feb2017: Venezuela, Potere Popolare e Sindacato

ciclo-di-incontri-di-politica-internazionale

A rafforzamento del percorso di lotta intrapreso negli ultimi anni a difesa dei diritti dei lavoratori, dei precari, dei disoccupati e degli attivisti delle lotte per la casa intrapreso dall’Unione Sindacale di Base sia a livello nazionale che nei vari territori:

La Federazione Provinciale USB – Caserta è lieta di annunciare a tutti di intraprendere un ciclo di incontri di Politica Internazionale, onde sensibilizzare ed informare i lavoratori.

La prima iniziativa si terrà lunedì 20 Febbraio 2017 presso la nostra sede di Piazza Ruggiero 4 e sarà focalizzata sul Venezuela: Il Ruolo del Sindacato nella Costruzione del Potere Popolare nella Rivoluzione Bolivariana. Interverrà la Console della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli – Amarilis Gutiérrez Graffe.

Si invita tutti a partecipare per una buona riuscita del Convegno e per sviluppare in maniera costruttiva il successivo dibattito. 

La non imputabilità senile

di Luis Britto García

10feb2017.-  A nessuno verrebbe in mente di processare e sanzionare con tutto il peso della legge un bambino che commetta uno sproposito.

1. “Un ragazzo non è un adulto”, dice un proverbio orientale. A nessuno verrebbe in mente di processare e sanzionare con tutto il peso della legge un bambino che commetta uno sproposito. Per questo, i giuristi hanno teorizzato la non imputabilità per ragioni di età. Al di sotto di un certo limite si giudica che il raziocinio, il giudizio morale e l’equilibrio mentale stesso sono ancora imperfetti, ed invece di castigare, si corregge.

2. Lo stesso che accade con la prima infanzia dovrebbe essere applicabile alla seconda. Così come esiste la prima adolescenza esiste anche una seconda pubertà, caratterizzata anch’essa da assurdità, presunzioni e false aspettative. Successivamente viene la seconda infanzia, con tutte le sue puerilità, con la differenza che è causa di tristezza invece di muovere simpatia. Equilibrio mentale, raziocino e giudizio morale cominciano a cadere, allo stesso ritmo di denti, capelli e libido. Coscienti di questo disastro, i saggi legislatori si sono inventati la figura della non imputabilità per ragioni di età, in virtù della quale l’Aníbal Lecter venezuelano ha passato i suoi ultimi piacevoli anni nella sua casa invece di temperarsi ne “El Rodeo” per la “scivolata” di aver violentato minorenni anestetizzate per poi terminarle.

3. Se tali considerazioni si applicano per i delinquenti comuni, un velo pietoso dovrebbe essere steso per gli anziani malati che, allo stesso tempo dei denti, perdono la vergogna, la coscienza e l’ideologia. Smettiamola di scandalizzarci davanti al fiero che pretende di essere coraggioso e che a causa del primo attacco di reumatismo ci rimprovera perché non adoriamo il Fondo Monetario Internazionale. Non ci impressioniamo di fronte all’irriducibile ultra che quando gli danno un ministero lo usa per togliere i benefici sociali ai lavoratori. Non dobbiamo nemmeno stupirci dell’inflessibile che improvvisamente cambia sesso o ideologia e che inoltre si infastidisce perché noi non cambiamo come lui. Nemmeno il compagno che scambia “Patria o Muerte” per “Quince y Ultimo”. Così come nessun giudice manderebbe in carcere un anziano malato per rubarsi un vaso da notte o per scendere in strada senza pantaloni, nessuno sano di mente lo condannerebbe per il fatto di compiacersi del suo rimbambimento o delle sue lugubri manie invece di provarne vergogna. Ricordiamo i loro anni felici, quando crearono opere importanti che successivamente hanno abiurato, o hanno militato per una utopia che successivamente hanno aborrito. La sterilità è il loro castigo. I convertiti passano, l’utopia resta.

4. Mi piace citare il seguente aneddoto della scrittrice argentina Luisa Valenzuela. Un adolescente le lancia un complimento. “E tu? Che cosa hai intenzione di fare da grande?”, gli chiede la signora. “Cosa? Il vecchio ragazzaccio”, ribatte l’imberbe. Picasso decise di non avere più di 35 anni, anche se la sua aspirazione era quella di dipingere come i bambini. Ogni seconda infanzia o seconda adolescenza si riscatta quando ritorna all’origine. Tutto ciò che è piccolo e giovane crescere, dice Lao Tze, ma ciò che è duro ha già cominciato a morire.

5. Questo articolo inquieterà quelli che hanno realizzato il miracolo di essere diventati anziani già da 20 anni. Inutilmente chiederanno che mi fucilino: ho già raggiunto l’età della non imputabilità. Sfugge al degrado del cammino del benessere solo il vecchio ragazzaccio, che – senza che si faccia intimidire dalla sensatezza né dal senso del ridicolo – continua a fare lo stesso che faceva da ragazzo.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Ciro Brescia]

Napoli 12feb2017: GAlleЯi@rt con l’ANPI

L'immagine può contenere: 4 persone, persone che sorridono, spazio al chiuso

170211-gallerirt_volantino-casaresistenze-12-02-2017-page-001

Napoli 2feb2017: Proiezione del film “Zamora, tierra y hombres libres”

55147021-ed7a-42eb-89ce-685266fde29c

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

EL BLOG DE CARLOS

Por un mundo mejor, posible y necesario

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Rojo Utópico

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo, Anticapitalista y secretario general de Podemos Torredelcampo

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: